IL VINO CHE VIENE DAGLI ALBERI

Domenica
11:48:36
Marzo
20 2011

IL VINO CHE VIENE DAGLI ALBERI

LA VITE DEL TREBBIANO SPOLETINO MARITATA ALL’ACERO

View 7.3K

word 811 read time 4 minutes, 3 Seconds

Nel corso di una conferenza stampa di presentazione di alcune specialità della viticoltura umbra, e spoletina in particolare, abbiamo appreso che esiste un tipo di uva che cresce bene e dà frutti molteplici solo se “ maritata “ con un albero, l’acero.

Non è tanto la sorpresa destata dal fatto che possa esistere un tipo di vitigno che rende quasi 20 kg per tralcio ma quanto il fatto che esso renda così tanto perché cresce appoggiandosi, perciò maritandosi, ad un albero.
Stefano Novelli, umbro, ha dedicato ormai da diversi anni la sua attività di ricercatore sul vino trebbiano spoletino, recuperando un vitigno autoctono della zona di Spoleto, zona famosa come area nella quale nasce il Sagrantino, e dando vita così ad una nuova dinastia di vini pregiati, tutti derivati da uve che la volontà contadina, quella più semplice, ha saputo caparbiamente tramandare fino ai giorni nostri e facendo sì che un manipolo di studiosi, da Stefano Novelli appunto, ad Attilio Scienza, della Facoltà di Agraria dell’Università di Milano e fino a Marco Serafini, agronomo e Massimo Giacchi giungesse fino al punto di ricavare non uno, ma almeno tre particolarissimi vini frutto di appassionate selezioni sia sul terreno che in cantina.

Come si è arrivati a valorizzare questa vite che si “ marita “ ad un albero?
Da attenti studi ed elaborazioni dettate da felici intuizioni, prima fra tutte quella di aver saputo capire che un vitigno di epoca arcaica come il Trebbiano Spoletino avesse mantenuto pressoché inalterate nel tempo le sue caratteristiche ed attraverso lo studio di quattro biotipi di grappoli nonchè attraverso lo studio e la deduzione agro colturale, Stefano Novelli - titolare della omonima cantina - ha ottenuto ben trenta mila barbatelle che ha poi impiantato in una specie di bosco composto da filari di acero disposti di cinque metri in cinque metri sui quali si arrampicanoi poderose le viti di trebbiano.
Questo matrimonio tra vite ed acero è veramente l’unico sistema in grado di permettere alla vite Trebbiano Spoletino di esplicitare appieno la sua vigoria produttiva e vegetativa insita nel suo genoma; tale caratteristica, unita alla possibilità di forzare i tempi di maturazione sulla pianta e la caratteristica insita nel tipo di vitigno di resistere alle aggressioni da marciume, consente pertanto la produzione di uve con caratteristiche gustativo - olfattive uniche, anche perché crescendo ad una altezza da terra di circa tre metri esse vengono a trovarsi nelle condizioni ottimali di esposizione al sole, di ventilazione e di maturazione tanto che addirittura vengono poi raccolte e vendemmiate alla fine di novembre ancora perfetto stato di salute..

Le uve di trebbiano spoletino si estrinsecano a tavola, secondo la Cantina Novelli, con tre diverse tipologie di vini: un bianco fermo, uno spumante metodo classico e l’eccezionale Traibo.
Parlando dello spumante, ottenuto con il metodo classico, dobbiamo dire che l’ottenimento di un vino appartenente alla categoria “ bollicine “ potrebbe sembrare, in terra Spoletina, madre del Sagrantino, alquanto azzardato, ma così non è perché proprio in zona ebbe i natali il monaco benedettino Francesco Scacchi, che nella sua opera “ De Salubri Potu Dissertatio “ descrisse, ben prima di Dom Perignon, il metodo per ottenere vino spumante, accaparrandosi così la primogenitura della tecnica spumantistica.

E in questa scia di spumanti, altro esperimento, felicemente riuscito, si incanala un’altra delle fortunate scelte di Stefano Novelli: l’aver ottenuto, da vini Sagrantino classici, un eccezionale Rosato di Sagrantino, di gradazione alcolica 13,5, molto fruttato e profumato, particolarmente adatto a piatti della cucina moderna, anche a tutto pasto, dessert compreso come abbiamo avuto modo di provare.
La Cantina Novelli, che ha sede in loc. Pedrelle a Montefalco (PG), ha talmente sviluppato la passione per l’enologia e per la ricerca creativa delle antiche uve da formarne una tale passione che ha estrinsecato con la creazione di un vero e proprio villaggio del vino Trebbiano spoletino: una struttura di oltre 3.000 mq, dei quali 1200 in sotterraneo destinati all’affinamento con botti in acciaio e barriques, con una foresteria in grado di ospitare la ristorazione ed anche corsi di degustazione e cucina; insomma, un luogo da vivere, una “ casa del vino “.
Tutto quanto sopra descritto è motivo quindi di una vera e propria lode alla ricerca, alla caparbietà, agli appassionati e rischiosi investimenti economici che un giovane spericolato ha saputo intraprendere e che ha mostrato a Roma nel corso di una bellissima conferenza stampa all’Hotel Valadier - dimostratosi veramente come l’ambiente adatto per la valorizzazione di vini che avranno sicuro successo e che sono attualmente conosciuti in circa duecento paesi del mondo intero.
L’agricoltura italiana può veramente vantarsi di studiosi, di tecnici e di imprenditori in grado di resuscitare antichi sapori modernizzandone le capacità olfattive e degustative che soltanto uve di particolare caratteristica hanno saputo far nascere.

Cantina Novelli
Loc. Pedrelle - 06036 Montefalco
Tel. 0744 803301
www. Cantinanovelli.it

Source by andrea_gentili


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / IL VINO ...LI ALBERI
from: ladysilvia
by: ROSARIO_TISO
from: ladysilvia
by: Claudio_di_Salvo
from: ladysilvia
by: ROSARIO_TISO