Arresto ricercato ambito internazionale per omicidio

Sabato
14:09:44
Aprile
09 2011

Arresto ricercato ambito internazionale per omicidio

View 132.5K

word 458 read time 2 minutes, 17 Seconds

Reggio Calabria - Comando Provinciale di Reggio Calabria - I Carabinieri della Stazione di Bova Superiore, hanno tratto in arresto nel caratteristico borgo pre - aspromontano un 62enne del posto, già conosciuto alle forze dell’ordine per le numerose quanto gravi vicende penali che costellano la storia di questa persona, dando esecuzione ad una richiesta di arresto ai fini estradizionali presentata dall’autorità giudiziaria Svizzera ai paesi che aderiscono alla cc.dd. “area Shengen“ (spazio di libera circolazione di persone e mezzi) ai sensi dell’art. 95 dell’accordo di Shengen del 1985, accordo cui aderisce anche l’Italia che con la legge nr. 388 del 30.09.1993 ne ha recepito gli effetti giuridici anche nell’ordinamento nazionale.

Erano, dunque, le 17 circa di ieri ed i militari di Bova svolgevano un servizio di controllo del territorio quando, nel corso di un posto di controllo, tra le autovetture controllate viene selezionata una Suzuki M80 alla cui guida c’è un 62enne che nel momento del controllo non nasconde, però, qualche segno di nervosismo apparentemente ingiustificato. L’insolito comportamento del soggetto fermato per un normale controllo, induceva i Carabinieri ad approfondire i controlli presso la sede del loro comando dove, consultando l’archivio nazionale della banca dati Schengen (che riunisce, appunto, tutte le informazioni che le FF.PP. dei paesi aderenti si scambiano per fini di polizia) emergeva a carico del cittadino Bovese una segnalazione per la ricerca ed arresto per l’estradizione. L’approfondimento doveroso del caso, confermava la validità della segnalazione consentendo agli operanti di procedere con l’arresto “provvisorio“ del soggetto e la sua messa a disposizione della Corte d’Appello di Reggio Calabria, in attesa che la Svizzera formalizzi apposita richiesta di estradizione nei termini e secondo le modalità previste dal diritto nazionale e dagli accordi tra i due paesi.

In capo alla persona arrestata ieri, in virtù delle accuse sinteticamente riportate qui sopra, pende, dal 24.01.2001, con segnalazione diramata a livello Schengen il 10.02.2011, un mandato di arresto del Tribunale d’Istruzione Penale Cantonale del “Valais Central“ per i reati di omicidio e rapina (articoli 111, 112 e 139 del codice penale svizzero), responsabilità che, se accertate definitivamente, potrebbero comportare, stando a quanto specificato dalla citata autorità giudiziaria, la reclusione a vita, l’ergastolo per l’ordinamento Italiano.

L’uomo, per la Svizzera, potrebbe essere considerato una primula rossa del crimine violento, persona sanguinaria capace di condurre azioni anche eclatanti, come il caso della tentata rapina alla stazione ferroviaria, soggetto in grado di sottrarsi per oltre 10 anni alla cattura. L’arresto di ieri, reso possibile grazie alla capillare ed attenta presenza sul territorio dei Carabinieri, rappresenta certamente un punto di partenza nel dispiegamento del diritto che ha quel paese di fare giustizia per i crimini commessi nei suoi confini nazionali.

Source by carabinieri


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Arresto ... omicidio