Disperato appello di Antonello De Pierro contro il berlusconismo

Sabato
02:15:29
Maggio
07 2011

Disperato appello di Antonello De Pierro contro il berlusconismo

Il presidente dellItalia dei Diritti: "Abbiamo il dovere di difendere la nostra Italia contro le corruttele dilaganti nel corpo politico-istituzionale, contro lillegalità ormai divenuta consuetudine comportamentale, contro i vari conflitti di interessi che inquinano lintero sistema“

View 129.2K

word 823 read time 4 minutes, 6 Seconds

Roma - "Ci rivolgiamo alle poche forze sane della politica e soprattutto a quelle cellule vive del nostro tessuto sociale, allo scopo di unirci in un impegno comune e condiviso, tradotto in una lotta civile con lobiettivo univoco e imprescindibile di sconfiggere Berlusconi e il berlusconismo”.
Inizia così laccorato e disperato appello di Antonello De Pierro, presidente dellItalia dei Diritti, contro una gestione governativa fallimentare e deleteria per lintera nazione, che ormai da lungo tempo allunga la sua ombra nociva e demolitrice sul nostro apparato istituzionale, con conseguenze devastanti su tutte le propaggini correlate.

"LItalia è il nostro paese – continua De Pierro -, la terra in cui siamo cresciuti e che amiamo, e non riusciamo a sopportare il dolore profondo che proviamo nel vederla stritolata dalle spire del degrado morale, nella desolazione di un arido deserto di valori. Per noi è particolarmente dura in quanto a essere umiliati e calpestati sono quei valori nei quali crediamo con sincerità, lealtà e trasparenza, al contrario di tanti politicanti allarrembaggio, che li confinano nel cono dombra di vuoti contenitori retorici e demagogici, al solo disgustoso e opportunistico scopo di riuscire ad agguantare e conservare uno scranno sul proscenio peloso della politica”.

Poi il numero uno del movimento si addentra in unanalisi della società italica, additando una corruzione dilagante, divenuta parte integrante dellordinaria attività istituzionale: "Vi preghiamo di unirvi a noi e di sposare con impegno e decisione questa causa, perché siamo ormai a un punto di non ritorno, con una nomenclatura politica quasi del tutto da rifare. Il problema non è Berlusconi persona, ma il berlusconismo, che è derivato da alcuni comportamenti che si sono insinuati in tutti gli strati della struttura sociale del paese, assurgendo ormai non più a episodi ma a sistema.
Abbiamo il dovere di difendere la nostra Italia contro le corruttele dilaganti nel corpo politico-istituzionale, contro lillegalità ormai divenuta consuetudine comportamentale, contro i vari conflitti di interessi che inquinano lintero sistema.”

Quindi si pronuncia sullipotesi di un eventuale coinvolgimento istituzionale pieno dellItalia dei Diritti: "Qualcuno ci ha chiesto di rinunciare al nostro ruolo di movimento extraparlamentare e di fare politica attiva entrando nelle istituzioni. La nostra risposta è che con la nostra informazione scomoda siamo già nelle istituzioni, ma purtroppo siamo molto censurati e oscurati dalla maggior parte dei media, ben addomesticati e genuflessi ai piedi del potere al quale sono avvinghiati. Ebbene, alla luce di tutto ciò, per cercare di dare finalmente una svolta a un paese alla deriva, abbiamo deciso di accettare questa sfida, ma ci serve un aiuto concreto e un impegno pressante sul territorio da parte di quei cittadini che credono nei valori che caldeggiamo, per dare voce alle problematiche ignorate che invece hanno bisogno di essere sollevate. Chiarisco però fin dora che non presenteremo per nessun motivo liste autonome, ma la nostra vocazione e le nostre proposte rinnovatrici si tradurranno in candidature indipendenti nelle file di un partito che riterremo più vicino alle nostre pulsioni ideali, che naturalmente accetterà di rinunciare alle logiche spartitorie e clientelari riconoscendo la nostra autonomia. Sono già giunte alcune proposte in tal senso. Qualche deroga alla nostra contrarietà di presentare liste autonome potrà essere possibile soltanto in occasione di alcune consultazioni amministrative comunali, ma la cosa sarà valutata caso per caso, soprattutto in funzione di una concreta opportunità vantaggiosa per la coalizione che andremo a sostenere, naturalmente a beneficio dei cittadini, che è lunica cosa che ci interessa realmente e da cui non possiamo prescindere per alcun motivo”.

Con sentito e palese coinvolgimento emotivo il leader del movimento extraparlamentare conclude: "Vi prego ancora, aiutateci a cambiare il nostro paese, il nostro futuro e quello dei nostri figli, contro le lobby affaristiche che si sono impadronite della politica a danno della maggioranza della popolazione. Siamo convinti del fatto che chi ha votato per questo centrodestra lha fatto, o per interessi personali, oppure perché ingannato da uninformazione fuorviante e menzognera, messa in atto da un esercito mediatico mistificante con finalità di affossamento degli stimoli culturali, che riconduce ad atteggiamenti ed espressioni comportamentali di borbonica memoria. Noi siamo e vogliamo restare lontani dalle logiche del potere. Forse saremo idealisti, ma la storia ci insegna che la forza delle idee può smuovere le montagne e può spostare i fiumi, e questi concetti sono attualissimi e attuabilissimi. Serve solo diffondere le idee giuste, col loro carico di valori sani e incontaminati, e per questo chiediamo il vostro aiuto. Contro la forza mistificatrice della propaganda berlusconiana basta solo che chi ha la coscienza ben viva e non anestetizzata, racconti la verità storica dei fatti a più persone possibili. E questa la chiave della vittoria. Noi non dobbiamo convincere nessuno delle nostre idee, dobbiamo solo raccontare la verità”.

Source by Italymedia.it


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Disperat...usconismo