In vino veritas

Sabato
13:12:34
Agosto
06 2011

In vino veritas

View 133.4K

word 1.0K read time 5 minutes, 6 Seconds

Le semplificazioni sono l’extrema ratio di chi non ha argomenti.
La mia ansia di sapere è inesauribile e per questo frequento, dialogo, leggo, partecipo, domando, scrivo, viaggio e questo non mi basta mai.

Perché come diceva Socrate: “So di non sapere nulla“.

Accade così che mostri sacri come Josko Gravner si ricredano sulla solforosa, riconoscendo che uno dei più grandi progressi dell’enologia è stato per l’appunto l’utilizzo dello zolfo per proteggere i vini. Marcia indietro che doverosamente fece pure il compianto Didier Dagueneau, profeta della biodinamica nella valle della Loira.
Non sappiamo nulla... o forse tutto sappiamo se tutto accogliamo senza farne un dogma.
Che il vino invecchiato sia più buono è il più “relativo“ dei dogmi in campo vinicolo. Il culmine dell’espressività gusto-sensoriale è raggiunto in momenti diversi a seconda del campione preso in esame. Per saperne cogliere l’apogèo ci vuole “scienza“ e non basta l’esperienza. O meglio, la stessa esperienza deve essere condotta scientificamente, altrimenti serve solo ad ingigantire l’Ego e la propria supponenza.

Se si vuole veramente testare la capacità di un vino di sfidare il tempo va bevuto giovane e a distanza di regolari intervalli di tempo, preoccupandosi nel frattempo della perfetta conservazione delle bottiglie residue. Bisognerebbe, ad esempio, comprare svariate cassette della stessa tipologia di vino e degustarlo a cadenza annuale. Dopo aver serbato memoria o preso nota delle singole degustazioni, decretare una classifica di piacevolezza.

Ma quanti possono acquistare numerosi campioni della stessa bottiglia?Quanti possono assicurarne una perfetta conservazione?Quanti possono riprodurre le medesime condizioni psico-fisiche-ambientali al momento della fruizione del prodotto atte a creare una perfetta equità valutativa fra le diverse bottiglie dello stesso millesimo bevute in epoche diverse?

Al mondo, direi, nessuno. Forse Dio, assiso al suo celeste desco.

Per cui nel crescente consesso degli appassionati enofili il gioco più diffuso è una sorta di “roulette“ russa vinicola dove alla polvere da sparo si sostituisce il sughero di bottiglie vetuste e allo sparo il botto dello stappo. Frotte di sedicenti esperti pontificano sul momento giusto per dare la stura al nettare a volte faticosamente procurato e amorevolmente conservato e se il liquido versato nel bevante dovesse corrispondere ai propri gusti, fatalmente limitati, si conclude che il proprio sistema è quello giusto.
Poco importa se il momento migliore di quel vino è già passato o di là da venire.

Un pò di furbizia non guasterebbe.

Bisognerebbe, come minima cautela, riferirsi a quel che dicono e pensano i produttori del loro vino. Se ho una bottiglia di un grand cru di Chablis e il produttore dichiara che darà il massimo dopo dieci anni sarebbe imperdonabile attendere oltre il momento di goderne. Solo lui ha la quasi-certezza, avendo spesso in cantina scorte di vecchie annate, della presumibile evoluzione della sua creatura. Spesso ci si fa irretire da mirabolanti descrizioni di critici che ti fanno sognare universi gustativi improbabili. La schiera di chi beve “etichette“ è sempre più numerosa e sempre più folto è il gregge di chi coltiva questa attitudine. Capita così di leggere che Robert Parker, il numero 1 dei degustatori, dopo aver bevuto una bottiglia di Gruaud-Larose 1870 proveniente dalla «cave» della Tour d’Argent, celebre ristorante parigino, ebbe a dire: «un vino traboccante di vigore, incredibilmente fresco al palato, con un’acidità superba. Incredibile».
Essendo un vino ancora presente nelle cantine de La Tour d’Argent immaginate la speculazione che si è scatenata quando il ristorante le ha messe in vendita.

O che qualcuno abbia trovato, quasi ironicamente, in un bicchiere di Chateau Musar, proveniente dalla Valle della Bekaa in Libano, il chiaro sentore di polvere da sparo!

L’esperienza è nulla senza la scienza.

La cultura, l’informazione e la consapevolezza che ne consegue sono fondamentali per approcciare un vino.
E se un viticultore realizza un prodotto da bere giovane, come certi fantastici QBA tedeschi, è dannoso sottoporlo a sfibranti invecchiamenti atti solo ad adombrarne la freschezza. A sfidare il tempo ci pensino eventualmente i loro parenti “mit predikat“. Quelli sì possono dare emozione dopo 10-20-30 anni.

Fermo restando che ci sono alcune verità incontrovertibili.

Che l’ossigeno sia un nemico del vino è assunto universalmente condiviso al punto che i produttori spendono cifre iperboliche per ridurre fino ad annullare il contatto con l’aria fino al definitivo imbottigliamento. Basta favoleggiare pertanto su bottiglie stappate il giorno prima per berle il giorno dopo. O di bottiglie secolari trovate chissà dove, nascoste o riposte chissà quando, magicamente protette da legni, rocce, mari e ancora bevibili. Leggende. Alle quali piace credere perché siamo fatti per l’imponderabile:immancabilmente ci seduce.

Se non si hanno cantine e portafogli adeguati meglio bere subito... che la vite fruttifica tutti gli anni a miracol mostrare e a piaceri dispensare.

E’ la lezione che la vita e l’esperienza sempiternamente impartiscono a chi chiede ausilio alla “scienza“ per capirci un pò di più nel ginepraio di bottiglie che assediano la nostra fantasia e alimentano i nostri desideri. E se dovesse capitare la bottiglia vetusta, la si saprà apprezzare per quello che può dare ma anche per quello che ha già dato, con quel sentimento di gratitudine che si prova al cospetto di una natura così generosa nel dispensarci il dono più bello:l’oblio alcolico.

Perché, come diceva Pessoa:“Boa é a vida, mas melhor é o vinho“(La vita è bella, ma è meglio il vino)
Come sembrano voler suggerire gli ultimi due nettari che mi hanno emozionato: Hartmann Donà Blanc 2007, 60% Chardonnay-40% Pinot Bianco, 18 Mesi con i lieviti in botte e realizzato in quel di Colterenzio in Alto Adige e la Grande Cuvèe Comte Lafond 2008 del Baron de Ladoucette, splendido sauvignon di Sancerre.

Vini abbordabili nel prezzo, pronti, smaglianti per fragranza e mineralità, eleganti come un “grand cru“, dall’acidità che prospetta longevità... ma chi ci pensa godendo!

Questi sono i vini dei degustatori terrestri, accorti, a volte... e a malincuore... prosaici.
Gli altri vini, quelli da inginocchiatoio “mentale“, da elucubrazioni metafisiche, da narrazioni favolistiche, sono il sogno.
A noi non resta che attendere.

Ma non è affatto necessario che si avveri.

ROSARIO TISO
*I contenuti dell’opera non possono essere riprodotti senza l’autorizzazione dell’autore.

Source by rosario_tiso


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / In vino veritas
from: lanci
by: Lanci
from: ladysilvia
by: ROSARIO_TISO