VINO VINO VINO 2012 - PARTE PRIMA

Sabato
10:34:42
Marzo
31 2012

VINO VINO VINO 2012 - PARTE PRIMA

View 133.4K

word 506 read time 2 minutes, 31 Seconds

“La prima volta al “Vino Vino Vino“ alias “Vini Veri“ :la mente disfa...ovvero sull’arte di combinare aspettative e risultanze.“
Ad ogni esperienza di portata innovativa la mente disfa,scompiglia e stabilisce in un nuovo rapporto i concetti fondanti l’analisi organolettica di un vino. I suoi aspetti e componenti essenziali sono membri di una funzione,quella della scienza e della critica enologica tanto personale quanto professionale,cui l’allargamento degli orizzonti non può che recare il dono della deriva relativistica. Questo concetto,dove sembrano convergere come su di un magnete tutte le linee di forza del mio pensiero,mi porta sovente a praticare estremismi gustativi e al tempo stesso grandi ovvietà con identica,piena soddisfazione. E, soprattutto, lontano da conformismi palatali.

Bere un vino “costruito“ e tecnicamente perfetto sembra ormai,nella ressa di standard produttivi sempre più alti e del consumo di massa sempre più destinato all’omologazione,noioso,banale,pleonastico.
Sempre di più trovo eccitante,in barba a qualsiasi prudenza gustativa,osare ardite sortite dei sensi nel dominio dell’unicità e dell’originalità.

Ma il mio non è “qualunquismo“,né una parentesi modaiola. E’ un moto della mente che amerei definire una sorta di “processo d’espansione“.
L’idea guida, la discriminante decisiva è il valore più alto di tutti:la qualità,che è la perfetta sintesi di piacevolezza e armonia.
Difficile disconoscere la grandezza di vini cesellati da grandi e celebrati wine-makers. C’è chi li odia e li considera a giusta ragione artefatti,soprattutto se si è profondamente “del mestiere“,ma negarne totalmente l’appeal può risultare un autogol intellettuale. E’ assolutamente legittimo invece discuterne il portato misterico,la magìa,le intenzioni che sottendono l’afflato dei loro facitori. Fino a decidere di amarli o di respingerli.

Quando scatta l’emozione?Quando si beve bene.
Bere bene è non fare accadere nulla che non sia interiormente di valore. E’ un principio che libera le forze migliori dell’anima e le mette al servizio dell’essenziale a dispetto dell’insignificanza.

L’anima di un vino non è ciò che si attribuisce a priori ad una bottiglia per qualche teorema precostituito,quasi come se fosse un valore eterno,ma emerge dalla relazione pulsante fra bevitore e nettare. Lì occorre il concorso di sensi allenati e delle tre funzioni fondanti dell’intelletto:cultura,spiritualità,memoria storica. Altro che personalismi gustativi!Tutti i gusti,tutte le teorie,tutte le esperienze sono presenti a determinare un giudizio. Il resto sono ingenuità dove si gioca a far specchiare il proprio ego in qualche narcisistico stagno. Piccolo cabotaggio per chi è chiamato piuttosto a tentare il mare aperto. Talenti sepolti invece che spesi.

Fra i banchi di degustazione di “Vino,vino,vino“ 2012 ,in questa mia prima volta piena di aspettative e gravida di presagi,attendo di trovare delle risposte al florilegio dei miei perché intorno a quella grande passione che suole sintetizzarsi nel far roteare e nel bere un calice di vino.... (continua)

ROSARIO TISO
*I contenuti dell’opera non possono essere riprodotti senza l’autorizzazione dell’autore

Source by ROSARIO_TISO


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / VINO VIN...RTE PRIMA
from: ladysilvia
by: rosario_tiso
from: ladysilvia
by: rosario_tiso
from: ladysilvia
by: rosario_tiso