La Poja

Martedì
16:36:46
Dicembre
04 2012

La Poja

View 7.8K

word 360 read time 1 minute, 48 Seconds

Sulla sommità della collina della Grola,nei pressi dell’omonimo podere della famiglia Allegrini,nell’areale di Sant'Ambrogio di Valpolicella, c'è una piccola parcella di terreno di 2,65 ettari coltivata a vigneto. Dall’uva che se ne ricava si produce un vino varietale con l’apporto della sola Corvina Veronese:la Poja.

Fra tanti sedicenti cru sparsi lungo lo stivale questo appezzamento incarna perfettamente il concetto di vigna meritevole di essere mappata.

La Poja è una terrazza pianeggiante che sovrasta la collina e il podere sottostante. Come giacitura richiama esteticamente un celeberrimo poggio del Pomerol :Petrus. Il suolo, sassoso e poverissimo, ha una superficie perfettamente bianca. Come l’albariza di Jerez, riflette la luce solare e garantisce alle uve gradi di maturazione zuccherini e fenolici ottimali.
Queste caratteristiche così rare hanno suggerito a Giovanni Allegrini,nell’ormai lontano 1983,quest'avventura:porre per la prima volta la Corvina veronese al servizio di un grande vino che non fosse il tradizionale Amarone. Gli impianti sono stati programmati con la precisa intenzione di contenere le rese per ottenere un vino assolutamente originale per la Valpolicella Classica ,valorizzando al meglio le potenzialità della Corvina.

La Poja è figlio di una vendemmia tardiva, di una maturazione in barrique di rovere francese per 20 mesi, di un passaggio in botti grandi di rovere di Slavonia per altri 7. l’affinamento in bottiglia è di circa 3 anni. Numeri da campione.

Il binomio 1997-1998 appartiene al mito. Vini fra i migliori mai testati,dal colore saturo che non cede neppure sull’unghia,dal profumo straripante,dal tatto oleoso,dai numerosissime rimandi analogici che richiamano balsamo e spezie,dall’equilibrio sferico,magico e dall’impeccabile integrità . Nel novero dei grandi classici,un tempo maggiormente apprezzato. Oggi si fatica a rintracciare la Poja fra i vini celebrati dalle guide e dalla critica enologica. I neofiti della beva consapevole neppure lo conoscono. Non così per chi lo ha desiderato,braccato,alfine goduto in quegli anni di inizio millennio gravidi di emozione e di speranza.

La Poja è per pochi. Per quelli che hanno scoperto,al di là delle mode,la sua preziosità.

ROSARIO TISO
*I contenuti dell’opera non possono essere riprodotti senza l’autorizzazione dell’autore.

Source by Rosario_tiso


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / La Poja
from: ladysilvia
by: Rosario_tiso
04 dic 2012
La Poja