Iraq: niente petrolio per un mese in segno di protesta contro Israele

Lunedì
23:36:29
Aprile
08 2002

Iraq: niente petrolio per un mese in segno di protesta contro Israele

View 160.8K

word 503 read time 2 minutes, 30 Seconds

BAGHDAD -- Il presidente Saddam Hussein ha annunciato che l’Iraq bloccherà le esportazioni di petrolio per un mese in segno di protesta contro l’operazione militare israeliana in Cisgiordania.

Il blocco riguarda tutte le esportazioni attraverso la Turchia e il porto di Bassora, nel golfo Persico. Verrà bloccato anche il programma dell’Onu "petrolio in cambio di cibo", che limita le esportazioni di greggio iracheno a una determinata quantità , in cambio della quale il Paese riceve medicinali e cibo.

La maggior parte del petrolio dell’Iraq giunge indirettamente negli Stati Uniti.

In un discorso trasmesso in televisione, Saddam Hussein ha annunciato che i dirigenti iracheni si sono riuniti lunedì e hanno deciso "in nome del popolo dell’Iraq di smettere completamente di esportare il petrolio”¦ attraverso gli impianti che giungono ai porti turchi e al Sud per 30 giorni", a meno che Israele non si ritiri prima dai Territori occupati.

Se le forze israeliane non si saranno ritirate entro 30 giorni, l’Iraq deciderà quali azioni intraprendere, ha detto il leader iracheno. Già la settimana scorsa, Baghdad aveva chiesto agli Stati arabi di interrompere le esportazioni di petrolio per fare pressione sugli Stati Uniti, in modo da spingere Washington a forzare Israele a porre fine alla campagna militare nei Territori palestinesi.

"Contro il sionismo oppressivo e il nemico americano"

Hussein ha detto che "il sionismo oppressivo e il nemico americano hanno sminuito le capacità della nazione araba". l’azione israeliana nelle città palestinesi - ha continuato il leader - ha avuto luogo grazie a una coordinazione fra l’entità sionista e l’amministrazione americana, il cui scopo è distruggere la volontà degli arabi e dei palestinesi e costringerli ad arrendersi, umiliati, all’alleanza sionista-americana".

l’annuncio di Saddam Hussein, che si è posto come il campione della causa palestinese, rischia di pesare seriamente sull’economia mondiale e sui timidi segnali di ripresa a livello globale. Un aumento dell’uno per cento ai distributori di benzina secondo gli analisti ridurrebbe i consumi privati di un miliardo di dollari nei soli Stati Uniti.

Ogni boicottaggio del petrolio, tuttavia, sarebbe inefficace senza l’Arabia Saudita e il Kuwait. Molti Stati del Golfo fanno affidamento sulla vendita del petrolio per più di due terzi delle proprie entrate e non possono permettersi di bloccare le vendite.

l’ultima volta che i Paesi arabi produttori di petrolio interruppero le esportazioni di petrolio, utilizzandolo come arma politica, fu nel 1973 quando la riduzione delle esportazioni causò una crisi energetica globale. In seguito, per evitare nuove crisi, venne creata dai paesi più ricchi del mondo l’Agenzia internazionale dell’energia, che ha sede a Parigi.

l’Agenzia può contare su una riserva di oltre quattro miliardi di barili di petrolio, messi a disposizione dai Paesi membri, pari alla produzione dell’Iraq di cinque anni.

Nel novembre del 2000, l’Arabia Saudita aveva chiesto all’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec) e agli altri principali produttori di non utilizzare il petrolio come arma politica.

Source by CNN


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Iraq: ni...o Israele
from: ladysilvia
by: rosario_tiso