Marò: Spero che il caso venga risolto armoniosamente, giudiziosamente, con il dialogo, dice Ban Ki Moon

Mercoledì
10:55:08
Aprile
10 2013

Marò: Spero che il caso venga risolto armoniosamente, giudiziosamente, con il dialogo, dice Ban Ki Moon

View 130.6K

word 510 read time 2 minutes, 33 Seconds

Sembra che questa regia occulta che continua imperterrita a segnare questa vicenda non voglia fermarsi mai, ma proprio mai. I fatti non esistono più, Le leggi internazionali non esistono più, la sovranità nazionale non esiste più e cosa esiste? Un miserabile tentativo di continuare a prendere in giro i cittadini italiani, ora al coro si è aggiunto il segretario generale dellOnu, Ban Ki Moon, non bastavano i rappresentanti del governo italiano nelle loro deliranti azioni e rappresentazioni, cera bisogno anche del riconoscimento internazionale, e puntualmente è arrivato.

“Spero che il caso venga risolto armoniosamente, giudiziosamente, con il dialogo“, ha dichiarato il segretario generale dell’Onu Ban Ki Moon rispondendo ad una domanda di un giornalista e ha poi aggiunto” di aver parlato di questa spiacevole situazione con il presidente Giorgio Napolitano questa mattina”

Ban Ki Moon, ha quindi spiegato di aver discusso del caso dei due marò italiani anche con il vice ministro degli Esteri Staffan De Mistura. “E’ una situazione spiacevole che coinvolge due importanti paesi membri dell’Onu“ ha ricordato il segretario generale .

E secondo Ban Ki Moon il caso è stato affrontato anche in un colloquio con Monti a cui ha detto "di seguire la vicenda con particolare apprensione e manifestato l’auspicio che essa possa trovare una soluzione rapida e giusta”.
Parallelamente alle dichiarazioni del segretario generale dellOnu , da New Delhi, il ministro dell’Interno indiano Sushil Kumar Shinde in un intervista fatta al quotidiano Economic Timesha detto: “Il nostro governo ha preso un impegno internazionale con l’Italia secondo cui per i marò non sarà richiesta la pena di morte. Ed esso sarà onorato Il problema da superare era rappresentato dal fatto che l’Agenzia nazionale di investigazione (Nia) aveva giorni fa formalizzato una denuncia contro Latorre e Girone evocando fra l’altro la sezione 302 del Codice penale indiano, riguardante i casi di omicidio, e la pesante sezione 3 della Legge sugli atti illegali contro la sicurezza della navigazione marittima (SUA) del 2002, che prevedono apertamente l’ipotesi di pena di morte. Per questo il governo indiano ha deciso di prendere in considerazione l’articolo 34C della Legge sulle Estradizioni che ha per titolo ’Disposizione di ergastolo invece di pena di morte’. “In deroga a quanto possa essere contenuto in qualsiasi altra legge attualmente in vigore - recita l’articolo - laddove un imputato profugo, che ha commesso un reato estradabile punibile con la pena di morte in India, viene consegnato o restituito da uno Stato straniero su richiesta del governo centrale e se le leggi dello Stato straniero non prevedono la pena di morte per quel reato, l’imputato profugo sarà soggetto solamente all’ergastolo“.

Gira e rigira ritorniamo sempre allo stesso punto di partenza, la famiglia è la stessa, non quella dei cittadini, del diritto, della legalità…ma quella del business, degli affari degli impicci grazie Onu, grazie Europa, grazie Nato ma un sentito forte e caloroso ringraziamento va al governo italiano e al creatore e attento osservatore re Giorgio Napolitano.
Alfredo dEcclesia.

Source by Alfredo_d_Ecclesia


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Marò: S...n Ki Moon