Zimbabwe parco nazionale: Trovati morti 26 elefanti. La causa: Avvelenamento da cianuro.

Mercoledì
19:00:00
Ottobre
14 2015

Zimbabwe parco nazionale: Trovati morti 26 elefanti. La causa: Avvelenamento da cianuro.

Movente del genocidio - Traffico di Zanne d'Avorio - Altri 14 elefanti erano stati avvelenati la settimana precedente. Un vero e proprio sterminio di massa.

View 166.7K

word 307 read time 1 minute, 32 Seconds

Zimbabwe Chakabvi: Nuova barbarie dei bracconieri. Nel Parco nazionale di Hwange in Zimbabwe i Rangers sono stati trovati in due siti distinti, le carcasse di ben 26 elefanti, tutti vittime di avvelenamento da cianuro. Il parco nazionale è lo stesso dove avevano torturato e ucciso il famoso leone Cecil. La denuncia ufficiale fatta dall'organizzazione Bhejane Trust e dalle autorità che gestiscono la fauna selvatica all'interno del Parco è dello scorso mercoledì.


Il ritrovo delle carcasse dei pachidermi, in base allo stato del ritrovamento risalente a martedì scorso, mostrano una chiara intenzione "interrotta da qualcuno", che porta le autorità sulla pista del traffico di Zanne. La banda di bracconieri, di fatto è riuscita a segare le zanne d'avorio, solo a sette dei 26 esemplari.


Questo è l'ennesimo caso di genocidio: in solo 15 giorni il numero di uccisioni da avvelenamento è salito da 14 a 40 esemplari.

La portavoce dei parchi Caroline Washaya Moyo (guarda foto), indica chiaramente, che l'avvelenamento da cianuro è stato dichiarato a seguito di un analisi eseguita su campioni di reni e fegato degli stessi elefanti, segue la portavoce, indicando che il ritrovamento degli elefanti da parte dei Rangers, è avvenuto in due siti ben distinti: 16 elefanti in una zona conosciuta come Lupande e altri 10 nella zona di Chakabvi. Nessun arresto dichiarato. "Così in cinque anni gli elefanti rischiano di scomparire, denuncia Giovanni D’Agata, presidente dello -Sportello dei Diritti".


Nel 2013 ben 300 elefanti sono stati uccisi nel Hwange National Park con la stessa modalità e tutti gli animali che si sono nutriti delle carcasse hanno seguito la stessa sorte, dovuta all'avvelenamento da cianuro, contribuiendo alla moria ingiusta di animali innocenti, nei diversi siti dello stesso parco nazionale.

Source by Silvia Michela Carrassi


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Zimbabwe... cianuro.