SFRATTI, MORATORIA PER 130 FAMIGLIE IN SCADENZA

Mercoledì
18:38:53
Marzo
09 2016

SFRATTI, MORATORIA PER 130 FAMIGLIE IN SCADENZA

CGIL-SUNIA MILANO: FORTE PREOCCUPAZIONE. GARANTIRE PASSAGGIO DA CASA A CASA. REVISIONE DEL DECRETO E VINCOLI MENO RESTRITTIVI

Immediata apertura di un tavolo di coordinamento tra Regioni, Comuni, Prefetture e forze sociali per utilizzo patrimonio pubblico e integrazione delle risorse disponibili anche con fondi regionali.

View 132.5K

word 457 read time 2 minutes, 17 Seconds

Milano: La sospensione degli sfratti per morosità incolpevole, prorogati di alcuni mesi, era stata una piccola boccata d’aria per quelle famiglie che vivevano il dramma di finire per strada. Ma a distanza di mesi, nonostante siano stati adottati dei provvedimenti, la situazione non è cambiata: le 130 famiglie individuate sono ancora senza una stabilità abitativa. Le misure emanate si sono arenate: norme troppo strette e poco rassicuranti per i proprietari. Un grave impasse che va risolto. Bisogna cambiare passo. E’ necessario garantire il passaggio da casa a casa e rivedere quei vincoli troppo restrittivi per favorire la stipula di contratti a canone concordato, che sono più sostenibili .

Lo dichiarano Graziano Gorla, segretario generale della Cgil Milano e Stefano Chiappelli, segretario generale del Sunia Milano, a seguito dell’articolo pubblicato questa mattina su Repubblica ‘Emergenza sfratti’ scade la moratoria per 130 famiglie’.

‘Denunciamo da tempo - continuano Gorla e Chiappelli - la grave situazione degli sfratti per morosità colpevole ed avevamo apprezzato lo stanziamento di risorse previsto dal decreto Lupi. Ma è evidente che quel decreto vada rivisto e quei criteri vadano modificati. E che vi sia uno sforzo sinergico da parte di tutte le Istituzioni per affrontare l’emergenza abitativa in generale: chiediamo l’immediata apertura di un tavolo di coordinamento tra Regioni, Comuni, Prefetture e forze sociali per l’utilizzo pieno di tutto il patrimonio pubblico sfitto ed per il rapido utilizzo delle risorse disponibili, anche con integrazioni regionali”.

“Non dimentichiamo che al problema degli sfratti delle case private - concludono Gorla e Chiappelli - si aggiungono i lunghi tempi di attesa per l’assegnazione di una casa popolare. Bisogna intervenire anche su questo fronte: è necessario un sistema trasparente di assegnazione che elimini le interminabili procedure legate, molto spesso, ad un sistema arcaico di formazione delle graduatorie, che alimenta il fenomeno delle occupazioni abusive. E chiediamo, inoltre, che sia avviata una Riforma delle procedure per l’assegnazione di una casa popolare: un bando aperto tutto l’anno e non ogni due semestri”.

‘A livello nazionale infine - concludono Gorla e Chiappelli - ci sono 16 mila alloggi sfitti, di cui circa 1500 a Milano, che potrebbero essere recuperati e messi a disposizione a canone sociale. Chiediamo la riduzione ad una sola annualità del finanziamento di 467 milioni oggi ripartito addirittura in 10 anni, oltre, naturalmente, alla riduzione drastica dei tempi burocratici. Il che non sarebbe la risoluzione all’emergenza abitativa ma un piccolo sollievo per le tante famiglie in disagio abitativo, anche milanesi”.

Source by Sunia_Milano


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / SFRATTI,... SCADENZA
from: ladysilvia
by: ADDIFAN
from: ladysilvia
by: Redazione