Torino - Cuneo. Arrestato marocchino: ubriaco, sferra pugni contro il capotreno

Domenica
12:00:07
Novembre
13 2016

Torino - Cuneo. Arrestato marocchino: ubriaco, sferra pugni contro il capotreno

Arrestato Marocchino: scontro con Capotreno durante verifica del titolo di viaggio per Violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

View 130.7K

word 490 read time 2 minutes, 27 Seconds

La vicenda ha dell'assurdo e mette in evidenza il problema serio e delicato della sicurezza dei controllori e capotreno. Questa violenza inaudita ad opera del marocchino nei confronti del capotreno mostra quanto pericoloso possa anche essere questo lavoro.

Un marocchino sorpreso senza titolo di viaggio, sfoga la sua ira nei confronti del capotreno sferrandogli ripetutamente pugni e spintoni per farla franca. Il capotreno chiama un finanziere che fortunatamente era a bordo del treno e provano a fermare il cittadino extracomunitario che sfoga la sua violenza nuovamente verso il capotreno, producendogli lesioni. Arrivati in stazione, i carabinieri del Radiomobile della Compagnia di #Cuneo lo hanno arrestato. L'uomo risulta essere disoccupato #marocchino 50enne, residente a #Centallo.

I reati contestati sono: lesioni, violenza, resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità personale.

Segue l'esposto dei Carabinieri - Il marocchino, in sostanza, mentre viaggiava sul treno regionale Torino - Cuneo, tra Centallo e Cuneo, veniva avvicinato dal capotreno per la verifica del suo titolo di viaggio, ma lui, consapevole di essere senza biglietto, iniziava ad opporre resistenza al controllore sferrandogli ripetutamente pugni e spintoni per farla franca. Il capotreno chiedeva ausilio ad un militare della Guardia di Finanza in quel momento in viaggio sullo stesso treno.

Il finanziere, intervenuto in soccorso del controllore, cercava di calmare il marocchino esagitato, non riuscendovi per la furia incontrollabile dello straniero che era sotto l’effetto evidente di sostanze #alcoliche. Nell’occasione, il capotreno veniva ancora una volta aggredito riportando anche il danneggiamento dei propri occhiali da vista.

Terminata la corsa alla stazione di Cuneo, l’immigrato si dava a precipitosa #fuga per le vie limitrofe ed i due aggrediti chiamavano i carabinieri sul numero d’emergenza 112.

Sul posto una #pattuglia del Radiomobile, giunta in Piazza della Libertà, si metteva subito sulle tracce del fuggitivo. La ricerca aveva esito positivo poiché i militari notavano, lungo il corso IV Novembre, un individuo accovacciato dietro una siepe allo scopo di non farsi sorprendere dalle pattuglie in servizio di controllo del territorio.

Raggiunto sul posto e chieste le ragioni della sua presenza, il marocchino cominciava a #balbettare e a farsi via via più minaccioso, andando subito in escandescenza. Gli operanti si preoccupavano quindi di bloccare con energia l’esagitato, riuscendovi con grandi difficoltà perché continuava nel frattempo a sferrare calci e pugni con violenza inaudita, alcuni dei quali andavano a segno contro i due militari che, nella circostanza, riportavano lievi contusioni in varie parti del corpo.

Condotto in caserma con la forza, lo straniero veniva #arrestato con l’accusa di #lesioni al #capotreno e al #finanziere, danneggiamento, per aver distrutto gli occhiali indossati dal capotreno, #violenza e resistenza nei confronti dei due carabinieri intervenuti e pertanto condotto presso la casa circondariale di Cuneo a disposizione dell’Autorità #Giudiziaria competente

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Torino -...capotreno