Case Comunali: Il Comune cancella riduzione affitti e contributo riscaldamento

Giovedì
02:35:02
Febbraio
01 2018

Case Comunali: Il Comune cancella riduzione affitti e contributo riscaldamento

In preparazione iniziative e mobilitazioni dei Sindacati Inquilini a tutela delle famiglie

View 2.9K

word 461 read time 2 minutes, 18 Seconds

Milano: Case Comunali: il comune prima fa orecchie da mercante sul rinnovo dell’accordo per la riduzione degli affitti e per il contributo sul riscaldamento poi lo cancella con una scelta unilaterale e gravissima.

“Questa amministrazione comunale non finirà mai di stupirci! Nel corso di un incontro tecnico presso l’Assessorato alla Casa, il Direttore Centrale Casa del Comune di Milano ci ha comunicato che, a partire dalla bollettazione di gennaio 2018, alle 23 mila famiglie delle case popolari di proprietà del Comune di Milano non verranno più riconosciuti né gli abbattimenti sul canone di locazione legati allo stato manutentivo degli stabili né il contributo di Solidarietà sulla quota di riscaldamento per gli inquilini con redditi più bassi inseriti nell’area della protezione, previsti dal Protocollo di Intesa, sottoscritto dal Comune e dalle Organizzazioni Sindacali degli inquilini/confederali a maggio 2012 e successivamente prorogato fino a dicembre 2017. Protocollo sottoscritto con l’allora assessore Castellano per mitigare l’aumento degli affitti scaturito dall’applicazione della Legge Regionale 27/2009.

Ci risultano incomprensibili le ragioni di questa scelta gravissima, che penalizzerà soprattutto le famiglie più povere che abitano nelle case comunali e aumenterà in generale gli affitti degli inquilini. Non dimentichiamo che alle stesse famiglie da mesi vengono anche richieste somme di pagamento di conguagli per canoni e servizi degli anni precedenti che il Comune non ha mai chiesto per tempo a causa di una pessima gestione delle suo patrimonio. Gli aumenti degli affitti e le richieste delle somme arretrate non faranno altro che aumentare la confusione, il malcontento e la morosità che invece si vorrebbe ridurre”.

Lo comunicano le organizzazioni sindacali degli inquilini Sunia, Sicet, Unione Inquilini, Uniat e Conia.

“Nei mesi precedenti i sindacati più volte e durante i diversi incontri con l’Assessore alla Casa, avevano espresso l’esigenza di procedere al rinnovo dell’accordo, sollecitando un urgente incontro. Stupisce che, ancora una volta, senza alcun confronto preventivo con i sindacati, questa Amministrazione comunale assuma in maniera unilaterale delle decisioni così importanti e di forte impatto sociale e, solo successivamente, a cose fatte, le comunichi alle parti interessate, secondo una modalità inaccettabile. Certo non resteremo fermi a guardare, perché il nostro interesse prioritario sono la rappresentanza e la tutela degli inquilini. Per cui le OO.SS. degli Inquilini già dai prossimi giorni, definiranno tutte le iniziative e le mobilitazioni necessarie, a tutela delle famiglie e, soprattutto, a partire dalle situazioni di maggiore fragilità che più di tutte verranno colpite da questa decisione”.

In allegato il Protocollo di Intesa e le successive proroghe

protocollo intesa maggio 2012
https://t.co/Op9HsyUAHH

rinnovo protocollo 2015
https://t.co/DNeXwFPxVP

rinnovo protocollo intesa 2014
https://t.co/2KuYYx36kP

Source by Sunia


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Case Com...ldamento