Comune di Genova - Funerali solenni a Genova per 19 delle 43 vittime del crollo del ponte Morandi

MOVE

MOVE

Domenica
11:17:51
Agosto
19 2018

Comune di Genova - Funerali solenni a Genova per 19 delle 43 vittime del crollo del ponte Morandi

Salgono a 43 i morti. 19 le bare all'interno del padiglione Blu della Fiera di Genova trasformato in camera ardente. Le esequie celebrate dal Cardinale di Genova Angelo Bagnasco. Lunghi applausi rivolti al popolo dei soccorritori

View 3.9K

word 506 read time 2 minutes, 31 Seconds

Genova - I funerali solenni per 19 delle 43 vittime sinora accertate del crollo del Ponte Morandi si sono tenuti questa mattina nel padiglione Jean Nouvel della Fiera del Mare di Genova.

Presenti il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, i presidenti di Senato e Camera Elisabetta Casellati e Roberto Fico, la quasi totalità dei ministri e le massime cariche politiche, civili e militari dello Stato.

Il presidente della Repubblica e i presidenti di Camera e Senato sono stati accolti al loro arrivo dal sindaco Marco Bucci. Erano più di 9.000, distribuite tra il padiglione e la vicina tensostruttura, le persone che hanno preso parte alle esequie.

I genovesi hanno riservato molti applausi al popolo dei soccorritori, dai vigili el fuoco ai volontari delle pubbliche assistenze, dalla protezione civile alle forze dell'ordine. Anche il presidente Sergio Mattarella, al suo arrivo, è stato accolto da un lungo applauso, in particolare quando si è raccolto dinnanzi alle 19 bare collocate dinnanzi all'altare dove ha abbracciato, consolato e parlato con i parenti delle vittime.



A celebrare la messa solenne il cardinale arcivescovo di Genova Angelo Bagnasco che nella sua omelia, dopo aver portato le parole di preghiera e di affetto del Papa rivolte ai genovesi, ha detto: "il ponte Morandi crollato sul Polcevera non era solo un pezzo importante di autostrada, ma una via necessaria per la vita quotidiana di molti, un’arteria essenziale per lo sviluppo della Città".

Ha poi rivolto un pensiero alla tempestività dei soccorsi e alla professionalità dei soccorritori e agli sfollati che in questa tragica circostanza hanno perso casa e certezze. "Il ponte è l'immagine di un passaggio affidabile da un punto all'altro sopra l'abisso. Così la fiducia tra gli uni e gli altri è come un ponte che ci aiuta ad attraversare i vuoti della vita".

"Genova non si arrende. In questi giorni la città è attraversata da mille pensieri e dubbi, ma continuerà a lottare come ha sempre fatto. Noi genovesi - ha concluso Bagnasco - sapremo trarre dal nostro cuore il meglio, sapremo spremere quanto di buono e generoso vive in noi e che spesso resta riservato, quasi nascosto, schivo".

Ha poi pronunciato un discorso l'Iman in ricordo delle vittime di religione islamica. "Il crollo di un ponte fisico e metaforico - ha detto - è una perdita grave, è un colpo a tutta la comunità, ma ci rende consapevoli delle nostre responsabilità. Chiediamo al Signore di accogliere le anime delle vittime e di consolare i loro famigliari".

Un ultimo, lungo e commosso applauso si è levato dal padiglione della Fiera quando, durante la celebrazione, sono stati letti i nomi di battesimo dei morti. Alla fine dei funerali il presidente della Repubblica e il Cardinale Bagnasco si sono fermati per salutare una per una le famiglie delle vittime.

Michele Luna

Source by Comune_di_Genova


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Comune d...e Morandi