Terremoto di Durazzo: docenti dell’Università di Parma sul campo per salvare i monumenti danneggiati

Venerdì
16:22:00
Dicembre
20 2019

Terremoto di Durazzo: docenti dell’Università di Parma sul campo per salvare i monumenti danneggiati

Importante missione per Eva Coïsson e Daniele Ferretti, del Dipartimento di Ingegneria e Architettura: sopralluoghi congiunti con Alban Ramohitaj, Direttore regionale di Durazzo per la Cultura Nazionale

View 1.8K

word 498 read time 2 minutes, 29 Seconds

Parma  - Nei giorni scorsi Eva Coïsson e Daniele Ferretti, docenti del Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell'Università di Parma, si sono recati in Albania, a Durazzo, per svolgere sopralluoghi congiunti con il Direttore regionale di Durazzo per la Cultura NazionaleAlban Ramohitaj.

L'obbiettivo della missione era fornire un supporto #tecnico-scientifico per la gestione del patrimonio #storico-architettonico danneggiato dal terremoto di magnitudo 6.4 del 26 novembre scorso, preceduto da un evento di magnitudo 5.8 il 21 settembre. L'Albania non veniva colpita da un evento di tale intensità da almeno 40 anni e la zona di Durazzo dal 1273.

Per affrontare il tema della messa in sicurezza e del successivo restauro dei beni culturali danneggiati, le autorità locali hanno pensato di avvalersi dell'esperienza maturata in Italia in questo campo. I contatti sono stati presi proprio con Eva Coïssondocente di Restauro e Consolidamento, e con Daniele Ferretti, docente di Tecnica delle Costruzioni e componente del Comitato Tecnico Scientifico per le problematiche sismiche della Regione Emilia-Romagna. Da tempo entrambi svolgono ricerche congiunte sulla protezione sismica delle architetture storiche con particolare attenzione a quelle fortificate. Nell'ambito delle architetture fortificate danneggiate da eventi sismici, Eva Coïsson è anche tutor di una tesi di dottorato finanziata dalla Regione Emilia-Romagna.

La collaborazione tra l'Università di Parma e la Soprintendenza di Durazzo era già attiva da tempo per le attività di rilievo dell'anfiteatro romano. Gli scavi del sito furono infatti gestiti da una Missione Archeologica Italiana, avviata sotto la guida di Sara Santoro, docente dell'Università di Parma e poi dell'Università di Chieti-Pescara scomparsa tre anni fa, che nel 2004 coinvolse l'Ateneo, attraverso un progetto di internazionalizzazione MIUR coordinato dal docente Paolo Giandebiaggi, per svolgere attività di documentazione e analisi dell'anfiteatro. Tali attività hanno comportato numerose e ripetute missioni di ricercatori e studenti che si sono susseguite negli anni, portando allo sviluppo di contatti e collaborazioni con i tecnici e gli enti locali.

I sopralluoghi di questi giorni nella città di Durazzo hanno riguardato, oltre all'anfiteatro, tutto il sistema di fortificazioni storiche, composto da mura merlate e torri di diversa epoca, una delle quali parzialmente crollataFuori città, sono stati ispezionati la fortezza di Bashtove, il castello di Preza e la torre di Kruja. Alcuni sono monumenti nazionali gravemente danneggiati e a rischio di crollo, per i quali i tecnici del ministero hanno già progettato alcuni interventi di messa in sicurezza; i docenti dell'Università di Parma sono stati coinvolti in un incontro operativo per valutare insieme l'efficacia e le problematiche attuative delle soluzioni individuate.

I docenti sono stati infine ricevuti a Tirana al Ministero per la Cultura da Arta Dollani, Direttrice dell'Istituto dei Monumenti di Cultura, che oltre ai ringraziamenti ha espresso il desiderio che la collaborazione passa proseguire anche nelle fasi successive di messa in sicurezza e ricostruzione.

Source by UNIPR


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Terremot...nneggiati