Oltre 400 studenti in Ateneo alla scoperta dei "luoghi della conoscenza

Domenica
12:29:02
Dicembre
22 2019

Oltre 400 studenti in Ateneo alla scoperta dei "luoghi della conoscenza

Con il progetto "Prove di innovazione" 18 classi di 11 scuole di Parma e provincia hanno sperimentato le discipline STEAM (Science, Technology, Engineering, Arts, Mathematics) in laboratori organizzati dai centri interdipartimentali Cipack e Siteia.Parma

View 1.2K

word 647 read time 3 minutes, 14 Seconds

Parma - Packaging ecosostenibile e materiali innovativi, il DNA degli alimenti e la loro origine, ma anche prove meccaniche e pianificazione logistica: sono questi gli argomenti dei laboratori promossi dai centri interdipartimentali di ricerca industriale dell'Università di Parma Cipack (Centro Interdipartimentale per il Packaging) e Siteia.Parma (Centro Interdipartimentale sulla Sicurezza, Tecnologie e Innovazione Agroalimentare) offerti alle scuole del territorio nell'ambito del progetto "Prove di innovazione", conclusosi nei giorni scorsi.

L'iniziativa, cofinanziata dalla Regione Emilia-Romagna attraverso il bando I luoghi della conoscenza e della ricerca per nuovi approcci alle discipline STEAM, si è rivolta a 18 classi provenienti da 11 scuole, primarie e secondarie di primo e secondo grado, di Parma e provincia, con l'obiettivo di avvicinare gli oltre 400 studenti coinvolti alle cosiddette discipline STEAM (Science, Technology, Engineering, Arts & Mathematics) in modo diretto e originale, attraverso esperienze svolte nelle strutture territoriali dedicate all'innovazione, e in particolare negli spazi del Tecnopolo di Parma.

Il progetto è frutto della collaborazione tra Cisita Parma, ente capofila, Università di Parma (UO Ricerca e Trasferimento Tecnologico), Gruppo Scuola e 11 scuole: Adorni, De Amicis, Micheli, Vicini, Zani, Bertolucci, Berenini, Bocchialini, Da Vinci, Gadda e Galilei. L'attivazione del partenariato è stata facilitata dall'Area S3 di Parma del consorzio ART-ER, che ha anche collaborato nell'accoglienza delle scolaresche partecipanti nella sede del Tecnopolo.

«Con questo progetto, tantissimi studenti della scuola primaria e secondaria hanno potuto conoscere sotto una luce differente i ricercatori e i docenti dell'Università direttamente nei luoghi dove nascono ricerche e percorsi di innovazione aziendale», ha commentato Paolo Andrei, Rettore dell'Università di Parma. «Hanno sperimentato il vero mestiere del ricercatore utilizzando laboratori, attrezzature e materiali, indossando il camice come veri scienziati -ha proseguito Andrei - e il nostro auspicio è di replicare questo modello, basato su attività svolte interamente da personale universitario docente e amministrativo, anche nei prossimi anni per poter avvicinare in un modo nuovo, interattivo e divertente i cittadini di domani alla cultura scientifica».

Docenti e ricercatori dei centri dell'Università hanno strutturato ciascun percorso laboratoriale in tre momenti: un primo modulo di preparazione all'esperienza; poi la visita guidata e le attività sperimentali vere e proprie, presso il Tecnopolo di Parma e anche in altre strutture del Campus Scienze e Tecnologie dell'Ateneo; infine, un incontro conclusivo per la rielaborazione e la restituzione dell'esperienza.

Nello specifico, i percorsi offerti sono stati: La carta che non si bagna (prof.ssa Claudia Graiff, Cipack) dedicato alla ricerca nel campo dei materiali per il confezionamento e l'imballaggio di alimenti e farmaci; Come nascono gli alimenti (proff. Davide Barbanti e Massimo Rinaldi, Siteia.Parma) con approfondimenti e giochi nell'ambito della qualità, della sicurezza e dell'innovazione degli alimenti; Il prodotto che s'incarta da solo (prof.ssa Antonella Cavazza, Cipack) sulla ricerca nel settore del biopackaging e dell'economia circolare; Il DNA nel piatto (prof.ssa Mariolina Gullì, Siteia.Parma) dedicato alla tracciabilità genetica degli alimenti per il controllo della qualità e la sicurezza di materie prime agricole e prodotti trasformati; Come ti disegno una rete (prof. Roberto Montanari, Cipack) sulla pianificazione della distribuzione; infine Rompere per Conoscere e Progettare (proff. Fabrizio Moroni e Alessandro Pirondi, Siteia.Parma), esperienza scelta da ben 4 classi e dedicata a scoprire come si studiano i materiali innovativi (compositi, intelligenti, a memoria di forma), come si progettano e come si producono.

L'obiettivo di fondo del progetto è stato promuovere tra ragazze e ragazzi i percorsi formativi tecnico-scientifici, troppo spesso percepiti come noiosi e complessi, eppure in realtà affascinanti ed essenziali per garantire al territorio uno sviluppo al passo con i tempi e nel segno della sostenibilità.

Per informazioni sul progetto ci si può rivolgere alla UO Ricerca e Trasferimento Tecnologico, tecnopolopr@unipr.it , tel. 0521 904007 - 904047.

Source by UNIPR


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Oltre 40...onoscenza