Il Consiglio integra il quadro legislativo dell'UE in materia di ricerca

Mercoledì
00:15:03
Maggio
12 2021

Il Consiglio integra il quadro legislativo dell'UE in materia di ricerca

View 4.9K

word 1.1K read time 5 minutes, 43 Seconds

Il Consiglio ha adottato oggi una serie di atti giuridici volti a integrare il quadro giuridico relativo a Orizzonte Europa, il programma quadro di ricerca e innovazione dell'UE per il periodo 2021-2027.

Gli atti giuridici in questione sono i seguenti:

  • una decisione che istituisce il programma specifico di attuazione di Orizzonte Europa, che stabilisce gli obiettivi operativi e i tipi di attività previsti per l'attuazione del programma Orizzonte Europa
  • un regolamento sul programma Euratom che integra Orizzonte Europa, che garantisce la prosecuzione di attività di ricerca e formazione nel settore nucleare, insistendo sul continuo miglioramento della sicurezza e protezione nucleari e della radioprotezionemodifiche del regolamento relativo all'Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT), volte principalmente a migliorare la sostenibilità finanziaria e l'apertura delle comunità della conoscenza e dell'innovazione;
  • una decisione relativa all'agenda strategica per l'innovazione dell'Istituto europeo di innovazione e tecnologia che stabilisce i settori prioritari e la strategia dell'EIT per il periodo 2021-2027, definendo gli obiettivi, le azioni principali e le modalità di funzionamento dell'EIT, come pure i risultati attesi e le risorse necessarie

Decisione del Consiglio che istituisce il programma specifico di attuazione di Orizzonte Europa

Programma Euratom che integra Orizzonte Europa - Regolamento del Consiglio

Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all'Istituto europeo di innovazione e tecnologia

Decisione del Parlamento europeo e del Consiglio relativa all'agenda strategica per l'innovazione (ASI) dell'Istituto europeo di innovazione e tecnologia

Consiglio "Affari esteri", 10 maggio 2021

Principali risultati

Balcani occidentali

Il Consiglio ha tenuto una discussione strategica sui Balcani occidentali e sugli elementi dell'impegno rafforzato dell'UE nella regione.

La regione gioca un ruolo particolare in Europa e per l'Europa. Abbiamo convenuto che la regione dei Balcani occidentali riveste un'importanza geostrategica fondamentale per l'UE. Il nostro impegno nei confronti dei Balcani occidentali deve essere molto visibile e non dobbiamo lasciare alcun dubbio al riguardo.

Josep Borrell, alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza

I ministri hanno ribadito la prospettiva europea dell'intera regione, sottolineando l'importanza di un impegno politico in un'ampia gamma di settori quali la lotta contro la pandemia di COVID, la cooperazione economica, la connettività, la lotta contro l'influenza esterna e la disinformazione.

La discussione ha evidenziato la necessità che i paesi dei Balcani occidentali accelerino le riforme connesse all'UE e rafforzino una narrazione positiva e costruttiva. L'alto rappresentante ha sottolineato l'urgente necessità di far avanzare il processo di adesione dell'Albania e della Macedonia del Nord, di portare avanti l'integrazione dell'UE con la Serbia e il Montenegro e di compiere progressi nella liberalizzazione dei visti per il Kosovo. I ministri hanno inoltre chiesto la rapida ripresa del dialogo Belgrado-Pristina e hanno ribadito il loro costante e inequivocabile sostegno all'integrità territoriale e alla sovranità della Bosnia-Erzegovina.

Il Consiglio ha inoltre ricordato il ruolo fondamentale dell'UE nell'aiutare i partner dei Balcani occidentali a rispondere alla pandemia di COVID-19 attraverso l'assistenza sanitaria, il finanziamento della ripresa socioeconomica e la donazione di vaccini.

Relazioni transatlantiche

Il Consiglio ha discusso le priorità per l'impegno con l'amministrazione statunitense nei prossimi mesi.

I ministri hanno fatto il punto sui progressi compiuti insieme su alcune questioni importanti, quali il ripristino dei legami con gli Stati Uniti attorno al piano d'azione congiunto globale (PACG), il rilancio del dialogo sulla Cina, la sospensione temporanea delle tariffe nel contesto della controversia Airbus/Boeing o la cooperazione sulle risposte agli sviluppi in Russia e Myanmar.

Dalla discussione è emerso che il partenariato rinnovato tra Unione europea e Stati Uniti si basa su un impegno, un coordinamento e una cooperazione rafforzati.

Videoconferenza con l'inviato speciale del presidente degli Stati Uniti per il clima, John Kerry

I ministri hanno proceduto a uno scambio di opinioni con John Kerry, l'inviato speciale degli Stati Uniti per il clima, su come innalzare globalmente il livello di ambizione in materia di clima, in particolare tra le maggiori economie mondiali.

È stato convenuto che l'UE e gli USA collaboreranno sistematicamente per intensificare gli sforzi al fine di stimolare i partner a rispettare al meglio gli impegni nel quadro dell'accordo di Parigi. Tale collaborazione avverrà sia a livello bilaterale che multilaterale, ad esempio nel quadro del G7 e del G20.

Temi di attualità

Il Consiglio ha discusso della Palestina, in relazione sia alle elezioni recentemente rinviate sia ai recenti scontri verificatisi a Gerusalemme Est. I ministri hanno ribadito che tutte le parti devono sostenere e rispettare pienamente lo status quo dei luoghi sacri e che tutti i leader hanno la responsabilità di agire contro gli estremisti.

Il Consiglio ha inoltre espresso solidarietà nei confronti della Repubblica ceca e della Bulgaria alla luce dei recenti avvenimenti relativi alla Russia.

I ministri hanno discusso dei negoziati in corso sull'attuazione dell'accordo sul nucleare iraniano (il PACG) e sulla salute a livello mondiale. Riguardo a quest'ultimo punto, l'alto rappresentante ha ricordato che l'UE sta svolgendo un ruolo guida nello sforzo di solidarietà internazionale, con 2,5 miliardi di EUR di contributi allo strumento COVAX, e nella produzione e nell'esportazione di vaccini.

I ministri hanno inoltre proceduto a uno scambio di opinioni sul Libano, dove la situazione continua a peggiorare e la popolazione a soffrire. L'alto rappresentante ha informato i ministri che sono in corso lavori e che si stanno valutando tutte le opzioni disponibili per esercitare pressioni sui leader libanesi che impediscono al paese di superare la drammatica situazione.

Infine, i ministri hanno evocato anche la Bielorussia, dove il regime continua a commettere atti di repressione e intimidazione nei confronti dei cittadini, compresa la comunità polacca.

Altre questioni

Il Consiglio ha adottato conclusioni sulla sicurezza e la difesa e sul Corno d'Africa.

Corno d'Africa: l'UE approfondisce le relazioni strategiche con la regione

Il Consiglio ha approvato oggi conclusioni in cui si afferma l'impegno dell'UE a imprimere nuovo slancio al partenariato con il Corno d'Africa e a definire una nuova strategia per la regione.

La regione del Corno d'Africa, che rappresenta una priorità geostrategica per l'UE in Africa, ha registrato sviluppi senza precedenti negli ultimi anni e si trova ora a un crocevia.

Con questa nuova strategia l'UE intende rafforzare e approfondire ulteriormente la relazione e il partenariato strategici con il Corno d'Africa e i suoi paesi, in particolare al fine di ridurre l'instabilità e promuovere la democrazia e la crescita sostenibile.

La strategia mira a rafforzare un approccio comune alla democrazia e alla pace e sicurezza regionali, rilanciando il multilateralismo e l'ordine internazionale fondato su regole, rafforzando l'impegno a favore dello sviluppo sociale e umano, promuovendo la ripresa socioeconomica post-COVID, gli scambi e l'integrazione regionale. La strategia mira inoltre a rafforzare il partenariato con la regione nel suo insieme, in particolare il Mar Rosso, l'Oceano Indiano occidentale e il Nilo.

I capisaldi dell'impegno dell'UE saranno la reciproca assunzione di responsabilità, che presuppone una consapevolezza comune della responsabilità, delle priorità e degli obiettivi concreti di ciascun partner, e un approccio Team Europa, il quale ha dimostrato, attraverso un'azione collettiva, che l'UE è un partner affidabile della regione. / altro - https://www.consil...ip-with-the-region/

Source by consiliumeuropeanunion


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Il Consi...i ricerca