Piano scuola 2021/22. Il ministero e il segreto di Pulcinella: non è stato fatto nulla e nulla si intende fare

Lunedì
15:02:36
Agosto
02 2021

Piano scuola 2021/22. Il ministero e il segreto di Pulcinella: non è stato fatto nulla e nulla si intende fare

View 750

word 440 read time 2 minutes, 12 Seconds

Dopo una campagna mediatica virulenta e mistificatoria sull’obbligo di vaccinazione per il personale scolastico, già vaccinato secondo stime ministeriali all’85%, che ha distratto fortemente l’attenzione da ogni azione concreta che doveva essere messa in campo per consentire il ritorno a scuola in presenza, il Ministero dell’Istruzione ha presentato la proposta di piano di rientro per il 2021/22.

Il piano prevede, nei suoi punti principali:

  1. l’utilizzo della mascherina di tipo chirurgico o di comunità. La mascherina chirurgica sarà necessaria nel caso sia impossibile mantenere il metro di distanza. I dispositivi di protezione del personale restano i medesimi del 2020/21. Per quanto riguarda l’igienizzazione delle aule, si raccomanda di ricorrere alla corretta aerazione e alla pulizia dei locali. Stesso discorso vale per le palestre, dove il distanziamento deve essere di due metri;
  2. nell’eventualità di caso confermato di positività a scuola, la sanificazione va svolta entro 7 giorni dal personale scolastico, senza necessità di certificazione di avvenuta sanificazione;
  3. non sono previsti screening della popolazione scolastica;
  4. nelle mense, non occorre utilizzare stoviglie monouso;
  5. i trasporti necessitano di un raccordo con le scuole, in funzione della disponibilità di mezzi, quindi l’arrivo a scuola sarà scaglionato e differito.

Il piano scuola è la dimostrazione di una politica velleitaria. Di fatto, nulla è stato fatto e nulla si intende fare per assicurare il ritorno a scuola, stabilmente in presenza al 100%.

Nessun intervento strutturale di edilizia scolastica che consenta lo smantellamento delle>

Nessun intervento circa l'assunzione di personale docente e ATA in quantità tale da chiudere la piaga infame del precariato e dimezzare il numero di studenti per>

Nessun intervento di potenziamento del trasporto pubblico locale urbano e interurbano: ricominceranno gli scaglionamenti delle entrate e delle uscite per adeguare gli orari scolastici alle corse dei mezzi pubblici.

Il pochissimo screening sanitario viene eliminato, considerandolo spesa superflua.

USB Scuola insiste con forza a chiedere che queste misure vengano attuate in via immediata e prioritaria; che cessi immediatamente la campagna denigratoria e diffamatoria nei confronti del personale della scuola, che vuole attribuire già oggi la colpa di un ritorno alla didattica a distanza ad una categoria che ha invece mostrato un fortissimo senso etico e civile, nonché un enorme rispetto per il proprio lavoro e la volontà di riprenderlo in presenza, l’unico modo che consente reale efficacia alla professione docente, aderendo massicciamente alla campagna vaccinale; che il governo e l’intero Parlamento cessino immediatamente di dire che la scuola è la loro priorità, perché è una menzogna pura e semplice e operino invece investimenti concreti, reali e mirati.

USB P.I. Scuola


Source by USB


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Piano sc...ende fare