Lettera aperta a tutela di una bambina strappata alla famiglia e NON ASCOLTATA

Lunedì
00:05:23
Settembre
20 2021

Lettera aperta a tutela di una bambina strappata alla famiglia e NON ASCOLTATA

View 1.5K

word 747 read time 3 minutes, 44 Seconds

Egregi Signori,

mi rivolgo a Voi per segnalarvi una questione che riguarda la mia famiglia e nello specifico la mia bambina, Violetta (nome di fantasia) di 10 anni che da febbraio 2020 è stata rinchiusa in una comunità piemontese.
Oltre al dolorosissimo allontanamento dal suo papà, dalle sue sorelle, e dalla sua famiglia, che si ripercuotono sulla salute di Violetta, che ha sviluppato: caduta dei capelli per il forte stress, eruzioni cutanee in tutto il corpo, ferite alla testa causate da un altro ospite della struttura, alla bambina viene impedito di avere relazioni sociali e persino di partecipare alle attività ludiche che la comunità organizza, in contesti di collettività, con gli altri bambini.
A Violetta è stato impedito di continuare il suo corso di chitarra, di pianoforte, il corso di danza, pure la frequenza al catechismo. Violetta non ha potuto ricevere neppure la consacrazione alla comunione, calpestando i valori religiosi a cui fa riferimento Violetta e la nostra famiglia.

Nel mese di agosto la comunità presso la quale è rinchiusa coattivamente Violetta ha organizzato un’uscita collettiva, presso le giostre cittadine, al fine di agevolare le relazioni sociali dei bambini, e dare loro la possibilità di poter trascorrere del tempo in un contesto ludico, di approfondimento sociale, che avrebbe sicuramente giovato anche a Violetta.

Ma quel giorno, nonostante il progetto della comunità, a Violetta è stato impedito di parteciparvi dalla psicologa dell’ASL di Torino. Nonostante la vigorosa richiesta di Violetta, in cui esprimeva il forte desiderio di potervi partecipare, la dottoressa in questione, ha ritenuto opportuno non spostare l’appuntamento settimanale, cui la bambina partecipa ormai da circa un anno e mezzo, e che nel corso degli anni ha subito delle variazioni di data. Ma in quell’occasione la Dottoressa è stata irremovibile.

Non ci sembra che abbia agito dell’interesse della minore. Durante un colloquio con la sorella maggiore, avvenuto in data 09 agosto 2021, Violetta ha esternato la sua sofferenza, ed il suo disagio scaturito da tale modus operandi della dottoressa, tanto da far credere a Violetta di essere “diversa”, instillando nella bambina, complessi, di cui non aveva mai sofferto prima, che ha descritto alla sorella con molta tristezza, sentendosi diversa e discriminata. E ancora una volta, NON ASCOLTATA!

Violetta ha chiesto a più riprese di poter ritornare a casa dalla sua famiglia. Lo ha chiesto a tutti. Alla curatrice, all’educatrice, a questa psicologa, ma ci riferisce che le sue parole non vengono ascoltate, e nemmeno prese in considerazione, tanto che i Servizi Sociali, omettono queste dichiarazioni di Violetta nelle relazioni ufficiali. Tuttavia possiamo fornire prove oggettive a comprova delle reali dichiarazioni della bambina.

Siamo fortemente preoccupati, e temiamo che la persistenza di queste condizioni possa essere deleteria per il benessere reale di Violetta. Ci basiamo su prove oggettive, su malessere e sofferenza che Violetta esterna, durante il solo appuntamento al mese che gli viene concesso per vedere i suoi cari, che dura solo un’ora e spesso anche meno.

Non esiste più una vita normale per la nostra bambina, non può partecipare alle attività cui partecipava, e ora non può nemmeno passare del tempo con i suoi coetanei durante i progetti ludici fuori dalla struttura.
A Violetta è stato detto che dev’essere addirittura “resettata”, termine usato proprio dagli operatori del Servizio Sociale.

Vi chiediamo d’intervenire e di aiutare Violetta a vivere una vita migliore, accanto alla sua famiglia, continuando il suo percorso, in un ambiente familiare sereno diverso da quello attuale, che la bimba descrive come caotico e dove gli educatori ed il personale della struttura sono soliti urlare.

Ci rivolgiamo a Voi esternando la forte preoccupazioni per le condizioni di Violetta, che diventano sempre più preoccupanti mese per mese.

Restiamo a disposizione per fornire i dati e le prove oggettive della situazione che abbiamo descritto.

Il papà di Violetta

inviata a:

Egregio Dott. Alberto Cirio
Presidente Regione Piemonte
ufficio.presidenza@cr.piemonte.it

C.A. Dott.ssa Ylenia Serra Garante per l'infanzia e l'adolescenza Regione Piemonte
garante.infanzia@cr.piemonte.it

C.A. Prof.ssa Vincenza Palmieri
Presidente Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare
pedagogiafamiliare@gmail.com

C.A. Dott.ssa Chiara Caucino Assessore Politiche della Famiglia, dei Bambini e della Casa, Sociale, Pari Opportunità Regione Piemonte
assessore.caucino@regione.piemonte.it

C.A. Associazione Nazionale Famiglie
Insieme per i Diritti Umani
info.anfidu@gmail.com

info@anfidu.it - www.anfidu.it

Associazione Nazionale Famiglie Insieme per i Diritti Umani | Facebook https://www.facebo...ANFIDU.Associazione

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Lettera ...ASCOLTATA
from: ladysilvia
by: Bocconi
from: ladysilvia
by: Apple