Wall Street - ora i segreti stanno venendo a galla: i trucchi sporchi contro chi ''Denuncia''

MOVE
MOVE
MOVE
MOVE
MOVE
MOVE
MOVE
MOVE
MOVE
Martedì
17:52:44
Novembre
30 2021

Wall Street - ora i segreti stanno venendo a galla: i trucchi sporchi contro chi ''Denuncia''

Wall Street ha messo in atto per decenni un copione di trucchi sporchi contro gli spifferatori - ora i segreti stanno venendo a galla / By Pam Martens: November 29, 2021

View 1.3K

word 2.4K read time 12 minutes, 9 Seconds

Per più di due decenni, i consiglieri generali delle mega banche di Wall Street si sono incontrati segretamente una volta all'anno in hotel e resort di lusso in tutto il mondo. Questo sembrerebbe essere una chiara violazione della legge antitrust, ma dato che la porta girevole di Wall Street ha compromesso il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti per gran parte di questo periodo, non c'è stata alcuna spinta da parte del Dipartimento di Giustizia per chiudere queste riunioni clandestine.

Gli addetti ai lavori di Wall Street dicono che tra i punti principali dell'ordine del giorno di questa conferenza annuale ci sono sessioni di strategia su come impedire al Congresso di promulgare una legislazione che porrebbe fine al sistema di giustizia privatizzato di Wall Street chiamato arbitrato obbligatorio. Questo sistema permette all'industria più seriamente corrotta d'America di chiudere efficacemente le porte dei tribunali della nazione alle denunce di frode dei suoi lavoratori e clienti. Questo sistema di giustizia privata tiene anche fuori dalla stampa i dettagli di molti dei crimini sistemici di Wall Street.

Il sistema di "McGiustizia" di Wall Street è solo un elemento di un copione di trucchi sporchi che Wall Street usa per schiacciare un lavoratore onesto che è intenzionato a chieder conto all'azienda. Il libro dei giochi include il gaslighting ; una campagna di ostracizzazione ordinata dai colleghi; la retrocessione; un'indagine interna con un risultato preordinato per denigrare la reputazione del whistleblower; l'oscuramento nell'industria; e, spesso, l'umiliazione finale di essere scortato fuori dall'edificio dalle guardie di sicurezza. Mentre la sporca campagna si svolge di fronte ai colleghi, raggiunge l'obiettivo supplementare previsto di mettere a tacere qualsiasi collega che potrebbe pensare di denunciare attività illegali.

Dopo questa guerra psicologica all'interno dell'azienda di Wall Street, l'onesto informatore sarà accolto con il prossimo capitolo del manuale sociopatico: I tribunali della camera stellare di Wall Street (arbitrato obbligatorio) se lui o lei tentano di essere risarciti per i danni, gli fa perdere il risarcimento e così via. Le aziende di Wall Street spesso portano gli impiegati attuali che erano amici del whistleblower licenziato a testimoniare bugie oltraggiose sul lavoratore onesto nel tentativo di infliggere più danni emotivi per assicurarsi che questo individuo cerchi un futuro impiego ovunque tranne che a Wall Street.

In un esempio particolarmente sfacciato di come questo sistema di giustizia privata funzioni al di fuori della legge, i dipendenti della JPMorgan Chase si sono sentiti sicuri di poterla far franca falsificando i reclami scritti dei clienti contro un onesto whistleblower, il broker Johnny Burris, e inserendoli nella sua udienza arbitrale davanti all'autoregolatore del settore, la FINRA. Burris si era guadagnato l'ira della banca per aver avuto la temerarietà di registrare su nastro i suoi capi che gli facevano pressione per vendere ai suoi clienti i fondi comuni di proprietà dell'azienda, che generavano più profitti per la banca, piuttosto che essere autorizzato a decidere quali fondi comuni avrebbero servito correttamente i migliori interessi dei suoi clienti.

Carmen Segarra, avvocato ed esaminatrice di banche, è stata licenziata dalla Fed di New York dopo essersi rifiutata di cambiare il suo verdetto negativo sulla Goldman SachsBurris non è stato l'unico onesto whistleblower ad usare le registrazioni su nastro come mezzo per assicurarsi un archivio fattuale degli eventi contro le bugie ritorsive di Wall Street. Carmen Segarraera un avvocato e un esaminatore di banche impiegato dalla Fed di New York, un regolatore completamente catturato. Era impiegata alla Goldman Sachs. Dopo essere stata intimata dai colleghi (giustamente chiamati "relationship managers") a cambiare il suo verdetto negativo sulla Goldman, andò allo Spy Store in Lower Manhattan e comprò un piccolo microfono e registrò 46 ore di audio che dimostravano quanto compromessa da Wall Street fosse diventata la Fed di New York. Segarra fu licenziata dopo essersi rifiutata di cambiare il suo verdetto negativo sulla Goldman.

Poiché Segarra era un esaminatore di banche, ha intentato una causa presso la corte distrettuale federale nella zona di Wall Street, il Southern District di New York, denunciando una violazione dell'attività protetta come esaminatore di banche secondo il Federal Deposit Insurance Act. Il caso è stato respinto dalla giudice Ronnie Abrams, sposata con Greg Andres, un partner dello studio legale Davis Polk & Wardwell. Il caso è stato davanti alla corte dall'ottobre 2013 fino al 3 aprile 2014, quando la giudice Abrams ha programmato una conferenza telefonica con entrambe le parti per condividere il fastidioso dettaglio che "era appena giunto alla sua attenzione che suo marito [aspettate] rappresentava Goldman Sachs in qualità di consulente." Il giudice non si è ricusato e ha invece respinto il caso di Segarra.

Segarra ha coraggiosamente servito l'interesse pubblico portando quelle 46 ore di nastri e la sua storia ai reporter investigativi di ProPublica e This American Life della radio pubblica. Cosa è successo a Goldman Sachs da allora? Il 22 ottobre 2020 il Dipartimento di Giustizia ha accusato Goldman Sachs e la sua filiale malese di un reato ciascuno per "essersi impegnati in uno schema per pagare più di 1,6 miliardi di dollari in tangenti, direttamente e indirettamente, a funzionari stranieri ..." al fine di garantire affari per Goldman Sachs.

L'avvocato Gary Aguirre è stato licenziato dalla SEC per aver fatto pressione per notificare un mandato di comparizione ad una potente figura di Wall StreetSegarra ha molta compagnia quando si tratta di avvocati onesti che sono diventati il bersaglio quando spingono troppo forte per denunciare i potenti titani di Wall Street o le aziende responsabili. L'ex procuratore della SEC Gary Aguirre ha testimoniato davanti al Comitato del Senato degli Stati Uniti sulla magistratura nel giugno 2006 su come cercare di fare il suo lavoro con onestà ha fatto deragliare la sua carriera alla SEC. Durante il mandato di Aguirre alla SEC aveva fatto pressione sui suoi superiori per notificare un mandato di comparizione a John Mack, un potente ex funzionario della Morgan Stanley. Aguirre voleva raccogliere testimonianze sul potenziale coinvolgimento di Mack nell'insider trading. Quello che accadde invece fu che Mack fu protetto e Aguirre fu licenziato per telefono mentre era in vacanza. Il licenziamento sembrava particolarmente sospetto perché solo tre giorni prima, Aguirre aveva contattato l'Ufficio del Consiglio Speciale per discutere la protezione di Mack da parte della SEC.

Altri sadici stratagemmi dal libro dei trucchi sporchi di Wall Street si sono riversati quest'anno in due cause federali presentate contro JPMorgan Chase. In una denuncia modificata depositata il 23 giugno da Donald Turnbull, un dipendente della banca da 15 anni che era salito al rango di amministratore delegato, ha detto alla corte di essere stato licenziato per aver "collaborato in buona fede con un'indagine federale sulle pratiche di trading della banca".

Secondo la causa di Turnbull, una volta che JPMorgan Chase "ha appreso la natura delle informazioni che il signor Turnbull aveva condiviso con i pubblici ministeri - JPMorgan ha lanciato una campagna di ritorsione contro il signor Turnbull. Allarmata dalla percezione della sua colpevolezza istituzionale, JPMorgan si è affrettata attraverso una finta inchiesta sulle pratiche commerciali ineccepibili del signor Turnbull. Sulla base di una narrazione pretestuosa per cui la Banca aveva perso la fiducia in lui, la Banca lo ha terminato, cancellato le sue azioni non investite, e minacciato di recuperare la sua compensazione precedente".

Meno di cinque mesi dopo che Turnbull ha presentato la sua causa federale, Shaquala Williams, un avvocato donna che ha lavorato in conformità alla JPMorgan Chase, ha presentato la propria causa nella stessa corte distrettuale federale a Manhattan per ritorsione al whistleblower per attività protette ai sensi del Sarbanes-Oxley Act del 2002. (I reclami di ritorsione dei whistleblower a volte possono evitare la trappola dell'arbitrato obbligatorio ed essere sostenuti in tribunale federale). Williams formula accuse estremamente gravi, sostenendo che la banca stava effettivamente tenendo due serie di libri contabili in modo da poter effettuare pagamenti "di emergenza" a intermediari di terze parti, uno dei quali era un ex funzionario del governo legato a Jamie Dimon, presidente e amministratore delegato della banca. Williams sostiene anche che la banca aveva istituito controlli fasulli che violavano il suo accordo di non perseguibilità con il Dipartimento di Giustizia. (Vedi il testo completo della denuncia federale di Williams qui).

Peter Sivere sta ancora combattendo una battaglia con Barclays che è iniziata un decennio faUna storia altrettanto inquietante viene da Peter Sivere, che ha trascorso la maggior parte della sua carriera come funzionario di conformità in due mega banche di Wall Street, cercando di far riconoscere ai suoi superiori la cattiva condotta interna che ha segnalato, prima alla JPMorgan Chase e poi alla Barclays. JPMorgan Chase, che ha successivamente ammesso di aver ricevuto cinque capi d'accusa senza precedenti dal Dipartimento di Giustizia tra il 2014 e il 2020, ha fatto umiliare Sivere dalle guardie di sicurezza scortandolo fuori dall'edificio. Barclays ha prima degradato Sivere, poi lo ha licenziato.

Il consiglio di amministrazione di JPMorgan Chase sembra essere un componente abilitante del copione dei trucchi sporchi. Dal 2014, i membri del consiglio hanno letto di livelli insondabili di criminalità all'interno della banca che supervisionano, ma hanno mantenuto lo stesso presidente e amministratore delegato, Jamie Dimon, al timone della banca per tutto quel periodo. Meno di 10 mesi dopo che la banca ha ammesso il suo quarto e quinto reato il 29 settembre 2020, il consiglio della JPMorgan ha dato a Dimon non un foglio rosa, ma un bonus di 50 milioni di dollari. Questo dà un nuovo significato al messaggio spesso ripetuto dal senatore Bernie Sanders che "il modello di business di Wall Street è la frode".

Oliver Budde, avvocato che rappresenta Peter SivereIl veterano e scrittore di Wall Street, William Cohan, ha scritto ampiamente sugli sforzi ostinati di Sivere in articoli su Bloomberg News nel 2012, sul Financial Times nel 2014 e sul New York Times nel 2015. Si potrebbe pensare che questo tipo di esposizione mediatica porterebbe una sorta di chiusura a Sivere. Non è stato così. Questo perché sia Sivere che il suo avvocato, Oliver Budde, credono che la giustizia sia stata mal servita in questa vicenda.

Abbiamo offerto all'avvocato Budde l'opportunità di spiegare ai nostri lettori la sua teoria sul caso di Sivere. Ci ha fornito la seguente dichiarazione:

"Vedo una cospirazione tra Barclays, Sullivan & Cromwell e DOJ [Dipartimento di Giustizia] per seppellire la verità che nel 2011, come funzionario di conformità Barclays, Peter Sivere ha fatto una soffiata su alcuni dipendenti di Barclays che si appropriavano indebitamente di informazioni riservate fornite dal cliente Hewlett-Packard in materia di cambio - la stessa cattiva condotta che sette anni dopo è diventata la base per un accordo scritto del 2018 in cui il DOJ ha rifiutato di perseguire Barclays per la cattiva condotta, in cambio che Barclays migliorasse il suo programma di conformità, collaborando con il DOJ e pagando $ 12.9 milioni. Sullivan & Cromwell, avvocato esterno di Barclays, ha anche firmato quella lettera. In essa, il DOJ con l'approvazione di Sullivan & Cromwell ha dato a Barclays un credito speciale per "tempestiva, volontaria auto-rivelazione" nel 2016 di esattamente ciò che Sivere aveva segnalato a Barclays cinque anni prima nel 2011. Ma nel 2011, Barclays ha preferito continuare l'illecito piuttosto che affrontarlo. Così, invece, Barclays ha deciso essenzialmente di rovinare la vita di Sivere, e finora, va bene.

"La cospirazione appare abbastanza audace, se non sconsiderata, perché Sivere è registrato mentre ripete le sue preoccupazioni a vari pubblici sia dentro che fuori Barclays dal 2013 al 2015, compreso il New York Times nell'agosto 2015. Abbiamo abbondanti prove che DOJ, Sullivan & Cromwell, il consiglio di amministrazione di Barclays, l'amministratore delegato Antony Jenkins, il capo della conformità Hector Sants, e molti altri alla Barclays tutti sapevano della denuncia di Sivere del 2011 dal 2015. Abbiamo la prova che Sivere ha partecipato a una teleconferenza del 2015 con il personale del DOJ e dell'FBI, e Sivere giura in un affidavit che ha descritto le sue preoccupazioni su Hewlett-Packard del 2011 in quella chiamata. E infine, Alexander Willscher, lo stesso avvocato di Sullivan & Cromwell che ha firmato la lettera del DOJ del 2018, è stato uno dei quattro destinatari di Sullivan & Cromwell di decine di email che Sivere ha inviato nel 2015 in cui ha nuovamente spiegato a lungo quelle preoccupazioni.

"Perché seppellire la verità del whistleblowing di Sivere del 2011? Semplice: nel giugno 2012 Barclays ha firmato un accordo scritto simile in cui il DOJ ha rifiutato di perseguire la cattiva condotta sul LIBOR, che ha obbligato Barclays a segnalare 'tutte le condotte potenzialmente criminali da Barclays o uno dei suoi dipendenti che riguardano la frode o le violazioni delle leggi che regolano i mercati dei titoli e delle materie prime.' Allo stesso modo, nel maggio 2015 Barclays ha firmato un patteggiamento con DOJ in cui DOJ ha rifiutato di perseguire la cattiva condotta di cambio, ma senza menzione di Hewlett-Packard, che allo stesso modo ha obbligato Barclays a segnalare "tutte le informazioni credibili riguardanti le violazioni penali della legge degli Stati Uniti in materia di frode, comprese le frodi di titoli o materie prime da parte del convenuto o di uno dei suoi dipendenti di cui il Consiglio di amministrazione del convenuto, la gestione (cioè, tutti i supervisori all'interno della banca), o il personale legale e di conformità sono a conoscenza.

Se Barclays, Sullivan & Cromwell, o il DOJ dovessero mai ammettere la validità della denuncia di Sivere del 2011, allora diventerebbe chiaro che Barclays ha violato i termini sia dell'accordo della lettera del DOJ del 2012 che del patteggiamento del DOJ del 2015, e nessuno potrebbe sostenere in modo credibile che Barclays meritasse il trattamento mite o il credito speciale per la "tempestiva e volontaria autodenuncia" che le è stato concesso dall'accordo della lettera del DOJ del 2018.

"Sono pronto a difendere le mie affermazioni in qualsiasi forum appropriato".

Fermiamoci qui a riflettere per un momento. Ora c'è un avvocato whistleblower, Shaquala Williams, che ha presentato una causa nella corte distrettuale federale di Manhattan in cui afferma che JPMorgan Chase sta effettivamente sfottendo il Dipartimento di Giustizia emettendo rapporti fasulli sulla sua conformità con il suo accordo di non persecuzione. Ora abbiamo un altro avvocato, Oliver Budde, disposto a mettere il suo nome su una dichiarazione che c'è una cospirazione che circonda l'accordo di non persecuzione di Barclays con il Dipartimento di Giustizia.

Forse è il momento di nominare uno Special Counsel indipendente per indagare su questi accordi di non persecuzione. Abbiamo appreso attraverso l'indagine di Frontline su come il Dipartimento di Giustizia di Obama stava indagando sui crimini di Wall Street dalla crisi finanziaria del 2008. Frontline ha riferito che non c'erano "indagini in corso. Non c'erano mandati di comparizione, nessun esame di documenti, nessuna intercettazione telefonica".

Ci sono una serie di ragioni aggiuntive per prendere sul serio la teoria del caso dell'avvocato Budde. In primo luogo, il Dipartimento di Giustizia, sia sotto l'amministrazione Obama che sotto l'amministrazione Trump, ha distribuito accordi di non perseguibilità a trasgressori seriali di Wall Street come se fosse una vigilessa che distribuisce biglietti di parcheggio per non aver messo abbastanza monetine nel parchimetro. Chiaramente, un trasgressore recidivo non merita accordi di libertà vigilata all'infinito.

Alexander Willscher, socio, Sullivan & Cromwell

In secondo luogo, uno degli avvocati che ha firmato l'accordo di non perseguibilità del 2018 per conto di Barclays era Andrew Willscher, un partner di Sullivan & Cromwell che si vanta sul sito web dello studio legale di aver convinto il Dipartimento di Giustizia nell'accordo del 2018"a non portare accuse penali contro Barclays in relazione alle accuse che i dipendenti della banca hanno usato informazioni riservate sulla fusione per anticipare le operazioni e consentire alla banca di trarre profitto a spese di un cliente". Willscher si vanta anche dell'accordo di non perseguimento del 2015 in cui ha rappresentato Barclays "nell'indagine e risoluzione con il DOJ e altre autorità di regolamentazione relative a una cospirazione criminale per manipolare il prezzo della valuta scambiata nel mercato globale FX Spot." Il caso del 2015 includeva le prove di un trader di Barclays che dichiarava in una chat room "...se non stai barando, non ci stai provando".

Dovrebbe Willscher, un avvocato, vantarsi sul sito web del suo studio legale di aver tolto dall'imputazione un recidivo seriale?

Steven Peikin ha attraversato la porta girevole della SEC, tornando a Sullivan & Cromwell per difendere le società di Wall Street

In secondo luogo, uno degli avvocati che ha firmato l'accordo di non perseguibilità del 2018 per conto di Barclays era Andrew Willscher, un partner di Sullivan & Cromwell che si vanta sul sito web dello studio legale di aver convinto il Dipartimento di Giustizia nell'accordo del 2018"a non portare accuse penali contro Barclays in relazione alle accuse che i dipendenti della banca hanno usato informazioni riservate sulla fusione per anticipare le operazioni e consentire alla banca di trarre profitto a spese di un cliente". Willscher si vanta anche dell'accordo di non perseguimento del 2015 in cui ha rappresentato Barclays "nell'indagine e risoluzione con il DOJ e altre autorità di regolamentazione relative a una cospirazione criminale per manipolare il prezzo della valuta scambiata nel mercato globale FX Spot." Il caso del 2015 includeva le prove di un trader di Barclays che dichiarava in una chat room "...se non stai barando, non ci stai provando".

Dovrebbe Willscher, un avvocato, vantarsi sul sito web del suo studio legale di aver tolto dall'imputazione un recidivo seriale?

Tom Mueller, autore di "Crisi di coscienza - Whistleblowing nell'epoca delle frodi"Abbiamo chiesto a Tom Mueller, autore dell'opera seminale sugli informatori aziendali, Crisi di coscienza: Whistleblowing in an Age of Fraud, cosa pensava della situazione normativa a Wall Street oggi. Mueller ha risposto:

"La linea di prodotti che ci è stata venduta, che gli avvocati che regolano Wall Street possono liberamente lasciare i loro posti per unirsi alle banche di Wall Street o ai loro difensori dalle scarpe bianche - che i poliziotti possono trasformarsi in ladri senza compromettere la loro volontà di fare polizia - è la singola caratteristica più tossica della pseudo-regolamentazione finanziaria Good ol' Boy in America. La porta girevole agisce come una tazza di tè al polonio sull'etica professionale degli avvocati nei servizi finanziari".

Quando Bloomberg News ha riferito nel 2016 sui consigli generali delle mega banche di Wall Street che si incontrano in segreto ogni anno durante due decenni, abbiamo notato che i partecipanti alla riunione clandestina del 2016 includevano Stephen Cutler della JPMorgan Chase (un ex direttore dell'Enforcement alla Securities and Exchange Commission ); Gary Lynchdella Bank of America (un ex direttore dell'Enforcement alla SEC); e Richard Walker della Deutsche Bank (anche un ex direttore dell'Enforcement alla SEC).

Un'altra pistola fumante dell'accordo di non perseguibilità del 2018 tra Barclays e il Dipartimento di Giustizia è che l'indagine sul frontrunning in valuta estera alla Barclays non è stata gestita dalla Commodity Futures Trading Commission (CFTC), che dichiara sul suo sito web che è "l'agenzia federale con la responsabilità primaria di supervisionare i mercati delle materie prime, compreso il trading di valuta estera". Né l'indagine è stata supervisionata dalla Securities and Exchange Commission , che avrebbe potuto indagare l'accusa di Sivere che le informazioni riservate di Hewlett-Packard sono state impropriamente condivise alla Barclays per beneficiare finanziariamente il trading proprietario della Barclays.

Invece, bizzarramente, è stato l'ispettore generale della Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC - NdT: il corrispondente dell'italiano Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi - una mega truffa già di per sé... ) che ha condotto l'indagine. L'ultimo paragrafo del comunicato stampa che annuncia un'incriminazione in materia recita come segue:

"L'indagine è condotta dall'ufficio dell'ispettore generale della FDIC. L'assistente capo Brian Young e il procuratore Justin Weitz della sezione frodi della divisione penale stanno portando avanti il caso. L'ufficio del procuratore degli Stati Uniti per il distretto settentrionale della California ha fornito assistenza sostanziale in questa materia".

L'ufficio dell'ispettore generale della FDIC riconosce sul suo sito web che ha "un'ampia giurisdizione per indagare sui crimini che coinvolgono le banche regolate e assicurate dalla FDIC e le attività della FDIC". Un'incriminazione nel caso è stata presentata contro un dipendente di Barclays Capital Inc, una società di brokeraggio (broker-dealer) che non ha nulla a che fare con i depositi assicurati supervisionati dalla FDIC.

La storia diventa ancora più strana. Abbiamo inviato tre volte un'e-mail al contatto per le relazioni con i media della FDIC OIG, cercando di capire come la FDIC OIG sia stata coinvolta in questa questione commerciale che dovrebbe appartenere correttamente alla CFTC e alla SEC. Abbiamo semplificato la nostra domanda nel nostro terzo tentativo inquesto modo: "In quali circostanze l'FDIC OIG sarebbe autorizzato a condurre un'indagine che coinvolge il Foreign Exchange Trading di un broker-dealer, quando il suo mandato pubblico è quello di indagare su questioni relative alle banche assicurate a livello federale?"

La persona delle relazioni con i media non ha fornito alcuna risposta, solo un link al sito principale della FDIC OIG.

Barclays potrebbe ora essere in acque bollenti con l'autoregolatore di Wall Street, FINRA. Secondo Sivere, l'accordo di separazione che ha firmato con Barclays gli ha richiesto di arbitrare qualsiasi reclamo futuro che potrebbe avere contro Barclays davanti a un forum di arbitrato privato noto come JAMS. Questa sembra essere un'altra pagina del copione dei trucchi sporchi.

Sivere lavorava per Barclays Capital, una società di brokeraggio (broker-dealer). Come funzionario di conformità, è caduto nella categoria di ciò che l'autoregolatore di Wall Street, FINRA, definisce come una "persona associata".

Abbiamo chiesto alla FINRA via e-mail se un broker-dealer è autorizzato a utilizzare un forum di arbitrato privato piuttosto che il forum della FINRA per le controversie tra una Persona Associata e la sua azienda. Abbiamo fatto sapere alla FINRA che stavamo parlando specificamente di un funzionario di conformità alla Barclays il cui accordo di separazione prevedeva l'uso esclusivo di JAMS.

A differenza del FDIC OIG, che si è nascosto quando abbiamo posto una domanda, abbiamo prontamente ricevuto una risposta dettagliata dalla FINRA. Includeva questa valutazione piuttosto severa della sostituzione di JAMS invece di FINRA nella Dispute Resolution:

"Pertanto, la FINRA considera le azioni delle imprese associate che richiedono alle persone associate di rinunciare al loro diritto ai sensi del codice industriale all'arbitrato delle controversie presso la FINRA in un accordo precontenzioso come una violazione della regola 13200 della FINRA e come un comportamento incompatibile con i principi giusti ed equi del commercio e una violazione della regola 2010 della FINRA (standard di onore commerciale e principi del commercio).

"La FINRA nota che ha un obbligo statutario ai sensi dell'Exchange Act di "imporre il rispetto da parte dei suoi membri e delle persone associate ai suoi membri, delle disposizioni" di, tra l'altro, l'Exchange Act e le regole della FINRA, che includono l'obbligo di arbitrare davanti alla FINRA. Inoltre, la FINRA può sanzionare i suoi membri o le persone associate per la violazione di una qualsiasi delle sue regole tramite "espulsione, sospensione, limitazione di attività, funzioni e operazioni, multa, censura, sospensione o interdizione dall'associazione con un membro o qualsiasi altra sanzione adeguata". "

Abbiamo contattato la Barclays in cerca di una risposta all'interpretazione della FINRA su ciò che la Barclays aveva fatto sostituendo JAMS. Abbiamo anche chiesto quanti altri accordi di separazione Barclays aveva scritto che designavano esclusivamente JAMS come foro arbitrale. Abbiamo ricevuto questa risposta: "Ci rifiutiamo di commentare questo".
Secondo un articolo del Los Angeles Business Journal del luglio dell'anno scorso, la struttura di JAMS funziona così: è di proprietà di 125 dei suoi arbitri/mediatori che sono considerati appaltatori indipendenti e possono stabilire le loro tariffe, "che vanno da circa 6.000 a 15.000 dollari al giorno, con una media di circa 10.000-11.000 dollari al giorno, secondo un dirigente del settore". L'articolo ha anche riportato che dei giudici in pensione rappresentano circa il 75% degli arbitri/mediatori di JAMS e possono portare a casa dal 70 al 75% dei loro onorari.

Abbiamo contattato JAMS via e-mail chiedendo se ci fosse qualcosa di impreciso nelle informazioni di cui sopra che sono state pubblicate sul sito web del Los Angeles Business Journal per più di un anno. Non abbiamo ricevuto alcuna risposta.

Carolyn Demarest, arbitro JAMS
Lo scorso settembre, Sivere ha presentato un arbitrato con JAMS, essenzialmente sulla base della teoria delineata sopra dal suo attuale avvocato Budde. Sivere aveva un solo arbitro per il suo caso, Carolyn Demarest, un ex presidente della Divisione Commerciale della Corte Suprema di Kings County, New York. La Demarest fatturava 775 dollari l'ora, rivaleggiando con gli avvocati dei grandi studi legali di Wall Street. Sivere ci ha fornito la fattura, indicando che ha pagato più di 10.500 dollari, mentre Barclays ha pagato una somma simile, ma inferiore. Demarest ha archiviato il caso su una mozione di archiviazione della Barclays.

In un caso di tribunale federale, sia il giudice che la giuria sono forniti senza alcun costo per il querelante e sono pagati dal contribuente americano. Wall Street ha convinto le corti federali di tutta l'America che l'arbitrato obbligatorio è "giusto, veloce ed economico".

L'Associazione Americana per la Giustizia ha pubblicato uno studio il 27 ottobre, che ha analizzato il tasso di vittoria dei consumatori e dei dipendenti nei forum di arbitrato privato JAMS e un gruppo simile, l'American Arbitration Association (AAA). Lo studio ha trovato quanto segue:

"Negli anni passati, i consumatori avevano più probabilità di essere colpiti da un fulmine che di vincere un premio monetario in un arbitrato forzato. Nel 2020, questo tasso di vittoria è sceso ulteriormente. Solo 577 americani hanno vinto un premio monetario nell'arbitrato forzato nel 2020, un tasso di vittoria del 4,1% - sotto la media quinquennale del 5,3%. Per i dipendenti costretti all'arbitrato, la probabilità di vincere era ancora più bassa. Nonostante circa 60 milioni di lavoratori siano soggetti a disposizioni di arbitrato forzato nel loro posto di lavoro, solo 82 dipendenti hanno vinto un premio monetario nell'arbitrato forzato nel 2020".

Il tasso medio quinquennale di vittoria per i dipendenti che vanno davanti agli arbitrati JAMS e AAA è stato dell'1,9%.

a Cura di Marco Saba - fonte: https://wallstreet...s-are-spilling-out/

Source by Marco_Saba


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Wall Str...enuncia''