DIGITAL-MENTE - Indagine sociologica dell’Università dell’Insubria

Mercoledì
20:07:40
Dicembre
08 2021

DIGITAL-MENTE - Indagine sociologica dell’Università dell’Insubria

La forza dei rapporti sociali dal vivo prevale su quella dei social media

View 966

word 750 read time 3 minutes, 45 Seconds

Varese 1.12.2021. Gli studenti di Comunicazione Pubblica e Istituzionale del Corso di laurea in Scienze della Comunicazione dell'Università degli Studi dell'Insubria hanno lanciato nel mese scorso un sondaggio con lo scopo di scoprire come le diverse generazioni vivono i riflessi che genera l’era digitale nella sfera relazionale, pubblica e privata.

L’indagine si articola in quattro sezioni: Socializzazione; Aspetti personali; Aspetti sentimentali; Sicurezza.

Il sondaggio, diffuso su piattaforme social e rivolto a giovani e meno giovani, con età minima di 18 anni, ha ricevuto circa 12.000 risposte, pervenute da tutte le regioni italiane e da 20 Paesi esteri, principalmente dalla Germania, dalla Spagna, dall’Irlanda, dagli Usa e dal Regno Unito.

Nella partecipazione la componente femminile è nettamente maggioritaria con il 62%. La fascia d’età più rappresentata (83%) appartiene a coloro che si collocano fra i 18 e i 30 anni. Il 45% degli interpellati è in possesso di diploma, seguiti dai laureati (38%) e da chi possiede la licenza media (13%). La maggior parte delle risposte proviene dagli studenti (49%) e dai lavoratori (37%).

Per quanto riguarda i contenuti, il sondaggio rileva l’utilità sociale della rete (70% delle risposte) preferendo però la socializzazione in presenza (70%), privilegiando la conoscenza e l’interazione con gli altri di persona (74%). Il campione esprime anche forte preoccupazione circa i danni che l’uso eccessivo del cellulare può provocare in termini di capacità di riflessione e di approfondimento (84%) pur dichiarando che non saprebbe farne a meno nemmeno per una settimana (55%). Il campione manifesta altresì il timore nei confronti dei social perché possono rendere più complicata rispetto al passato l’evoluzione dell’età adolescenziale. Bisogna considerare che il 47% dei cittadini sondati trascorrono ormai più di quattro ore al giorno al cellulare e altrettanto on line e tra costoro i giovanissimi rappresentano una parte considerevole.

Per quanto riguarda le influenze dei social sulle forme esistenziali dei cittadini si rileva che solo il 14% degli interpellati dichiara di non subire alcun condizionamento. Dalle risposte risulta anche che i social, malgrado il 30% delle persone dichiari di aver subito truffe online, esercitano un forte richiamo nel campo dei consumi: solo il 36% sostiene di acquistare prodotti dal vivo. Il campione (45%) ci fa sapere che internet è il primo canale da cui attingere le informazioni sorpassando la TV che segue con il 43%.

Ma i social hanno fatto breccia anche nell’universo dei sentimenti. Il campione racconta di lasciarsi sedurre dall’aspetto estetico (27%), dal bagaglio di conoscenze e cultura (19%), dal tono della voce (10%), mentre la sensibilità sociale si ferma in fondo con l’8% dei consensi. Ma non tutto è così lineare. Una parte considerevole del sondaggio fornisce risposte perentorie: sostiene che è difficile esprimere un sentimento attraverso la chat (68%), afferma che la rete peggiora la durata e l’intensità di una relazione nel 43% dei casi, sottolineando che imbastire una relazione on line impegna più settimane, un mese e più (76%).

In sostanza l’indagine condotta dagli studenti di Comunicazione Pubblica e Istituzionale dell’Università dell’Insubria ha voluto sondare un campione molto vasto nazionalmente per cercare di capire se e come la macchina “social media” influenza il comportamento quotidiano dei singoli e delle comunità, se sono ancora le persone a regolare la propria vita o si marcia a ruoli invertiti rispetto al dominio della rete.

I risultati dell’indagine ci dicono che la nostra esistenza reale apprezza molto il contatto umano e che la rete non avrà vita facile nel renderlo “asocial”.

Angelo Tagliabue, rettore dell’Insubria, sottolinea: “Ancora una volta i nostri studenti hanno colto nel segno conducendo un’indagine, tradotta anche in inglese e francese, conseguendo un successo importante. L’università dell’Imsubria pone molta attenzione ai fenomeni sociali contribuendo alla loro comprensione per migliorare la qualità della vita e le prospettive delle nuove generazioni”.

Giulio Facchetti, presidente del Corso di laurea in Scienze della Comunicazione commenta: “Live vs Social, Online vs Offline. Non è una sfida semplice e temporanea. Nessuno dubita della utilità della “rete” perché ormai è parte integrante della nostra vita, ma si vuole capire quanto e se la vita reale si discosta da quella virtuale e con quali effetti esistenziali. L’indagine dei nostri studenti a questo riguardo ci ha fornito utilissime chiavi di lettura”.

Le risposte al questionario sembrano spingere verso una gestione consapevole e positiva dello sviluppo tecnologico e della rete che, non di rado, desta una certa preoccupazione, seminando scetticismo. E lo scetticismo, come si sa, assottiglia le speranze, limita l’azione e la partecipazione, mina il patrimonio creativo e progettuale delle nuove generazioni.

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / DIGITAL-...Insubria
from: ladysilvia
by: UNIPR