L'inutile tirannia del Covid pass dell'Italia

Lunedì
18:01:23
Febbraio
21 2022

L'inutile tirannia del Covid pass dell'Italia

Versione italiana a cura della redazione. Articolo originale scritto dall'autore di A New Life, Nicholas Farrell - A New Life (Weidenfield & Nicolson/Orion Phoenix)

View 681

word 1.4K read time 7 minutes, 8 Seconds

L'articolo pubblicato il 20 feb su The Spectator, riflette a pieno la realtà italiana. Per completezza lo riportiamo qui in lingua italiana in modo che si abbia la massima comprensione d'espressione esposta da Nicholas l'autore di “A New Life”.

L'articolo: Mentre la maggior parte dei paesi europei, in particolare la Gran Bretagna, stanno allentando le loro restrizioni Covid, l'Italia che è la più dura di tutte, questa settimana li ha resi ancora più duri, anche se i dati mostrano che sono inutili.

Forse è perché l'Italia è un paese in cui indovini e guaritori di fede sono un'industria multimiliardaria che ha il regime di passaporto dei vaccini più draconiano d'Europa. Ad ogni modo, la psicosi di massa acceca i suoi politici e le persone dalla verità.

Nel Regno Unito, le false affermazioni dei consulenti scientifici del governo sulla necessità e sui vantaggi dei blocchi sono state alla fine demolite in modo convincente e The Spectator ha svolto un ruolo significativo nel processo. È giunto il momento che anche affermazioni false simili sui passaporti dei vaccini vengano sfatate.

Non ci può essere posto migliore dell'Italia per avviare questo processo di smascheramento.

La giustificazione per il regime del passaporto del vaccino in Italia - chiamato "Il Green Pass" - quando è stato introdotto lo scorso agosto era che avrebbe aumentato l'adozione del vaccino, creato spazi sicuri per i vaccinati e quindi ridotto i casi di Covid, i ricoveri e i decessi. Non ha fatto nessuna di queste cose.

Invece il regime è diventato costantemente più draconiano. I non vaccinati sono stati presto banditi da quasi tutti gli spazi pubblici e dai trasporti pubblici, e persino dal lavoro, a meno che non avessero avuto il Covid negli ultimi sei mesi, o pagati per un test Covid di 15 € una volta ogni 48 ore.

Salutato come un enorme successo con fervore religioso dal governo di unità nazionale italiano, guidato dal premier non eletto ed ex banchiere centrale dell'UE, Mario Draghi, 'Il Green Pass' non è stato in realtà altro che un esercizio di inutile tirannia.

Eppure, nonostante ciò, a dicembre, il governo Draghi ha introdotto 'Il Super Green Pass' che ha reso il regime ancora più tirannico con la vaccinazione ormai obbligatoria per tutti sui mezzi pubblici, e in molti spazi pubblici come ristoranti e bar – anche all'esterno – e capelli saloni e stadi sportivi, a meno che non abbiano avuto il Covid negli ultimi sei mesi. Annullato il diritto dei non vaccinati a sostenere il test di 48 ore da 15€ per accedervi.

E questa settimana, con il tasso di contagi in caduta libera, la vaccinazione obbligatoria è stata estesa ai luoghi di lavoro per gli over 50. La vaccinazione era già obbligatoria sul lavoro per gli operatori sanitari e di emergenza e gli insegnanti. Ma d'ora in poi, nessuna persona non vaccinata di età superiore ai 50 anni che non abbia avuto il Covid negli ultimi sei mesi potrà andare al lavoro. Se lo fanno, loro e il loro datore di lavoro rischiano multe da € 600 a € 1.500. In precedenza, potevano ancora andare al lavoro se facevano il test Covid da 15 € ogni due giorni o se avevano il Covid negli ultimi sei mesi. Ci sono 500.000 italiani non vaccinati di età superiore ai 50 anni che lavorano e ora saranno sospesi senza paga – secondo la stampa italiana – a meno che non gettino la spugna e non vengano presi a pugni.

Naturalmente, né il non eletto Draghi né nessun altro nella sua coalizione interpartitica ammetterà mai che quello che strombazzano come il loro risultato più orgoglioso è un fallimento. Né lo faranno i media italiani che hanno seguito così supinamente la linea del governo – né gli stessi italiani – tre quarti dei quali sostengono 'Il Green Pass' nei sondaggi. Hanno tutti troppa faccia da perdere adesso.

Che la loro ossessiva convinzione sulle meraviglie de "Il Green Pass" sia una completa sciocchezza è chiaro da un confronto dei dati per l'Italia e la Gran Bretagna che in realtà non ha avuto alcuna forma di passaporto per i vaccini.

Italia e Gran Bretagna hanno popolazioni simili, rispettivamente con 59 milioni e 69 milioni di persone.

Oggi, dopo quasi sette mesi di regime del passaporto vaccinale in Italia, il numero di persone non vaccinate in Italia e in Gran Bretagna rimane più o meno lo stesso. In Italia, l'88,92% degli over 12 è completamente vaccinato, rispetto all'84,9% in Gran Bretagna.

A gennaio c'erano ancora 5,9 milioni di italiani non vaccinati di età superiore ai 12 anni, ancora una volta un numero simile a quello della Gran Bretagna.

La lezione è chiara: come mostra la Gran Bretagna, la stragrande maggioranza delle persone ha scelto di farsi vaccinare di propria spontanea volontà e non ha bisogno di essere costretta a farlo dallo stato. In effetti, costringere le persone a farlo – come mostra l'Italia – non funziona.

Ciò che conta di più, ovviamente, è il conteggio dei cadaveri. Ma anche qui 'Il Green Pass' e 'Il Super Green Pass' hanno avuto scarso effetto. In effetti, creando un senso di falsa fiducia tra i vaccinati, potrebbero aver peggiorato le cose. Ad ogni modo, hanno fallito.

Se avessero funzionato, i tassi di infezione dell'Italia sarebbero stati di gran lunga inferiori a quelli della Gran Bretagna. Eppure, dall'inizio dell'ultima grande ondata di sombrero a dicembre causata dalla variante Omicron, l'Italia ha avuto un numero notevolmente simile di infezioni da Covid alla Gran Bretagna senza pass verde.

La spiegazione, ovviamente, è che a prescindere da tutti quei pass verdi, gli italiani vaccinati si infettano a vicenda.

Dal 1° dicembre – quando la variante Delta era in uscita e la variante Omicron in arrivo – sono stati più di sette milioni i casi di Covid sia in Italia che in Gran Bretagna.

In Italia, il 70 per cento delle infezioni da Covid nell'ultimo mese sono state in persone parzialmente o completamente vaccinate. Vero, proporzionalmente, poche persone vaccinate che prendono il Covid finiscono in ospedale, o muoiono, ma quelle che lo fanno sono ancora molte persone. Circa la metà dei ricoveri Covid in Italia e più della metà dei decessi Covid da dicembre sono state persone vaccinate parzialmente o totalmente.

Per aggiungere la beffa al danno, anche l'Italia ha avuto molti più decessi per Covid rispetto alla Gran Bretagna dal 1° dicembre.

In Italia, dal 1° dicembre, ci sono stati 18.000 morti per Covid, rispetto ai 15.000 morti per Covid in Gran Bretagna. Questa è un'enorme differenza.

Eppure i politici, i giornalisti e la maggior parte degli stessi italiani continuano a credere che "Il Green Pass", ora trasformato in "Il Super Green Pass", sia l'unica soluzione.

L'Italia non ha un Primo Ministro eletto dal 2011, eletto nel senso che il Primo Ministro è stato il leader di una coalizione o di un partito che ha vinto le elezioni generali. Tuttavia, non è la natura antidemocratica dei governi italiani a spiegare il regime del passaporto per i vaccini in Italia, ma la natura dittatoriale degli italiani. Ironia della sorte, l'unico grande partito ad opporsi al regime è il postfascista Fratelli d'Italia.

Quasi incredibilmente, la scorsa settimana un giornalista ha effettivamente interrogato il professor Walter Ricciardi, consigliere scientifico Covid del ministro della Salute, su questo confronto tra Italia e Gran Bretagna in un importante talk show politico televisivo.

Il professore – un equivalente italiano del nostro amato professore Neil Ferguson – stava brontolando su come il passaporto del vaccino garantisca la libertà quando un giornalista presente gli ha chiesto perché fosse necessario quando paesi come Gran Bretagna e Spagna non hanno nulla del genere e tuttavia hanno avuto una mortalità inferiore Vota.

Infatti, secondo i dati della John Hopkins University, l' Italia ha avuto 252,55 morti ogni 100.000 abitanti e la Gran Bretagna 240,57.

Il prof Ricciardi – che ha accusato il giornalista di fare affermazioni 'prive di qualsiasi fondamento scientifico' – ha ribattuto: 'L'Inghilterra calcola i decessi in modo completamente diverso da noi – se calcolasse allo stesso modo, sarebbe il doppio. Pretende circa 150.000 ma sono 300.000.'

Senza senso! In realtà, la Gran Bretagna richiede solo che il defunto sia risultato positivo negli ultimi 28 giorni della sua vita, il che semmai sopravvaluta il bilancio delle vittime. Ma in Italia, le linee guida del servizio sanitario affermano: "Non basta essere positivi al #Sars-Cov-2 per considerare il decesso dovuto al #Covid-19".

Il professore ha proseguito affermando che gli inglesi (gli italiani insistono sempre che la Gran Bretagna è Inghilterra) si sono rifiutati di imparare dall'Italia e di conseguenza i "numeri di morti e casi" dell'Inghilterra sono "enormemente maggiori dei nostri". Una sciocchezza, di nuovo. Ha concluso dicendo che il SSN è così cattivo che per la chirurgia dell'anca "è un'attesa di dieci anni". Questo, almeno, è forse vero.

fonte: http://www.to5.me/3P

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / L'inutil...ll'Italia