100 anni dal debutto ENRICO IV di LUIGI PIRANDELLO torna al Teatro Manzoni di Milano

MOVE

MOVE

Mercoledì
16:30:13
Febbraio
23 2022

100 anni dal debutto ENRICO IV di LUIGI PIRANDELLO torna al Teatro Manzoni di Milano

View 712

word 526 read time 2 minutes, 37 Seconds

Nel rispetto del cartellone della Stagione Teatrale del Teatro Manzoni di Milano è andato in scena dal 22 Febbraio - Enrico IV di Luigi Pirandello - con Eros Pagni, nell’adattamento e regia di Luca De Fusco.

Un grande appuntamento, dunque per il Teatro Manzoni che festeggia il centenario del debutto: era il 24 febbraio 1922 quando andò in scena per la prima volta proprio al Teatro Manzoni nella sede di Piazza San Fedele, l'eccellente opera del drammaturgo Luigi Pirandello.

Il testo allora presentato fù molto motivo di orgoglio per i milanesi, riscuotendo straordinario successo.

Il protagonista , Eros Pagni, durante la conferenza stampa, ha evidenziato che, anche questa volta quando indosserà le vesti di Enrico IV, lo farà senza interpretare un ruolo ma semplicemente "vivendolo" nella sua interezza come ho sempre cercato di fare per ottenere il massimo!

La Pirandelliana e Il Rossetti Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia

presentano in occasione del centenario del debutto al Teatro Manzoni di Milano

EROS PAGNI in

ENRICO IV

di LUIGI PIRANDELLO

adattamento e regia LUCA DE FUSCO

debutto il 4 settembre 2021 - Festival delle Ville Vesuviane

Lo spettacolo è andato in scena esattamente 100 anni dopo la prima assoluta che avvenne il 24 febbraio 1922 proprio al Teatro Manzoni quando ancora era situato in piazza San Fedele.

Enrico IV è uno dei personaggi che aspetta la maturità di un grande attore. Mastroianni, Randone, Albertazzi, Benassi, Ruggeri hanno dato ognuno una propria versione di questo grande personaggio.

Il testo non è forse perfetto come altri capolavori di Pirandello ma il personaggio è entrato subito nella storia del teatro.

Un uomo che è caduto da cavallo durante una festa in maschera e si è risvegliato convinto di essere Enrico IV, il personaggio storico che stava interpretando, è una grande metafora.

Con la sua figura ci fa riflettere sul grande tema della follia ma anche sulla finzione e sul teatro stesso, visto che l’uomo, di cui non conosciamo neppure il vero nome, si è talmente radicato nel suo personaggio da non volerne uscire neppure quando rinsavisce di colpo.

L’arrivo dei suoi vecchi compagni di quella fatale mascherata fa esplodere tutte le contraddizioni di questa incredibile figura che vive da anni chiuso in un castello fuori dal tempo.

Eros Pagni è giudicato da molti uno dei massimi attori italiani.

Nel corso della sua formidabile carriera ci ha dato dei personaggi indimenticabili.

Tra i più recenti un Sindaco del rione sanità, il Padre dei sei personaggi, il Prospero della Tempesta.

Dopo un lungo sodalizio col Teatro di Genova e col compianto Marco Sciaccaluga, ha intessuto una nuova collaborazione con Luca De Fusco, col quale iniziò interpretando un magnifico Shylock.

La versione dei “Sei personaggi in cerca d’autore” che Pagni e De Fusco hanno realizzato assieme, è stata salutata con grande successo non solo in Italia ma anche a San Pietroburgo e Parigi.

Il grande critico George Banu definì lo spettacolo una delle maggiori versioni del capolavoro pirandelliano.

Nel maggio scorso la Rai ha trasmesso lo spettacolo registrato al Valle, teatro dove il testo debuttò cento anni prima.

Pagni e De Fusco celebrano ora un nuovo centenario, rappresentando “Enrico IV” al Teatro Manzoni di Milano il 24 febbraio, esattamente cento anni dopo la prima assoluta di quel testo che fu salutato dai milanesi con grande successo.

Note del regista

“E io penso, Monsignore, che i fantasmi, in generale, non siano altro in fondo che piccole scombinazioni dello spirito: immagini che non si riesce a contenere nei regni del sonno: si scoprono anche nella veglia, di giorno; e fanno paura”.

“Siamo fatti della stessa materia di cui sono fatti i sogni e la nostra minuscola vita è contenuta in un sogno “.

Queste due citazioni sono tra le più belle battute rispettivamente di “Enrico IV” e de “La Tempesta”.

È sorprendente l’affinità delle frasi, pur ovviamente nella loro differente natura.

È solo una casualità che Eros Pagni ed io abbiamo smesso di recitare il secondo testo per approdare adesso al primo, sconfiggendo il brivido inquietante che il commiato di Prospero dalle scene fosse anche il nostro. Parlo di casualità perché non abbiamo scelto il testo di Pirandello come un sequel di quello di Shakespeare, ma c’è chi crede, come gli psicoanalisti, che le coincidenze non esistano e gli accadimenti siano legati tra loro da segreti, da fili sottili e di lettura talvolta non facile.

Più ho studiato Enrico e, in effetti, più ho pensato a Prospero.

Entrambi i personaggi sono arroccati (uno in un’isola, l’altro in un castello), sembrano completamente estranei al loro tempo, vivono un’assoluta solitudine, entrambi sono creduti pazzi, entrambi hanno con le persone che li circondano un rapporto flebile, intermittente, che può far dubitare al regista della stessa reale esistenza di ogni personaggio, salvo quello del protagonista.

In senso tecnico mi sento di aggiungere che sia Prospero che Enrico sono tra i migliori personaggi di due drammaturghi geniali contenuti in due testi che non sono, invece, i loro capolavori proprio perché dominati, a mio avviso, più dalla pulsione di delineare un grande personaggio che una grande vicenda, dato che gli intrecci narrativi dei testi sono talmente esili da poter essere riassunti in poche righe.

Come non ero sicuro che Prospero non fosse solo nella sua biblioteca, così non sono sicuro che Enrico non sia solo nella sua camera da letto.

Sono, inoltre, entrambi testi che si collocano nella fase finale delle produzioni dei due autori e forse questo determina quelle affinità.

I due grandi scrittori, dopo straordinari quadri d’insieme, hanno voglia di autoritratti.

Non c’è, infatti, dubbio che dietro Prospero si celi Shakespeare e dietro Enrico Pirandello. L’autore che ha detto “la vita o si vive o si scrive”, sottintendendo di non averla quindi vissuta, somiglia molto a un uomo che ha trascorso l’esistenza in un mondo immaginario, posticcio, teatrale in cui ognuno “fa finta“ di essere qualcun altro.

Questo è lo spunto da cui parto, prima dell’inizio delle prove, avendo tracciato una rotta ma senza essere certo del porto d’arrivo, come io credo si debba fare sempre in un allestimento teatrale, in cui il regista può provare a sorprendere ma deve sempre essere pronto ad essere sorpreso dallo scavo dentro le pieghe del testo.

Dopo l’orribile periodo che ci ha tanto addolorato e dopo l’obbligato silenzio, sono felice di poter riprendere a comunicare col nostro pubblico. Sono anche felice di ritrovare tanti antichi compagni di lavoro, e di trovarne di nuovi, primo tra tutti Valerio Santoro che non manca di coraggio, virtù che ammiro negli altri e coltivo in me stesso. Ai compagni che stavolta non trovo a bordo auguro altre felici navigazioni.

PERSONAGGI E INTERPRETI

  • Eros Pagni - Enrico IV
  • Anita Bartolucci - La Marchesa Matilda Spina
  • Paolo Serra - Barone Belcredi
  • Valerio Santoro - Il Dottore
  • Gennaro Di Biase - 1° Consigliere
  • Matteo Micheli - 2° Consigliere
  • Alessandro Balletta - Marchese Carlo di Nolli
  • Alessandra Pacifico Griffini - Frida

In scena dal 22 febbraio al 6 marzo al Teatro Manzoni di Milano

feriali ore 20,45 - domenica ore 15,30

BIGLIETTI:

  • Poltronissima Prestige € 35,00
  • Poltronissima € 32,00
  • Poltrona € 23,00
  • Poltronissima under 26 € 15,50

Source by Lucia Ferrigno


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / 100 anni...i Milano
from: ladysilvia
by: MilanoFoodLab