Venerdì
18:21:40
Marzo
25 2022

Leonardo Buttaroni 39 scalini al Teatro San Babila di Milano

Cattive Compagnie 39 scalini
di John Buchan adattamento Patrick Barlow
regia Leonardo Buttaroni.
Uno spettacolo che è un piccolo gioiello di genialità e stravaganza.

Una corsa vertiginosa fino all’ultimo travestimento dai ritmi narrativi serrati e incalzanti che conserva la ricchezza dei dettagli psicologici della versione cinematografica girata da Hitchcock nel 1935, da cui riprende l’umorismo graffiante e acuto, l’alta tensione e la suspense.

View 598

word 1.2K read time 5 minutes, 57 Seconds

Ci si diverte, e tanto. Dal primo ingresso in scena fino alla chiusura del sipario.

39 scalini, firmato dall’attenta regia di Leonardo Buttaroni e arricchito dalle scenografie di Paolo Carbone, riprende l’opera scritta da Patrick Barlow nel 2005, pensata per un cast di quattro attori, qui interpretati dall’affiatato cast composto da Alessandro Di Somma, Yaser Mohamed, Diego Migeni e Marco Zordan, chiamati a interpretare, anche contemporaneamente, una moltitudine di personaggi dalle caratteristiche più diverse:buoni, cattivi, uomini, donne e anche oggetti inanimati.

I travestimenti si svolgono quasi sempre a vista, evidenziando la poliedricità e l’eccezionale versatilità degli attori, i quali,con maestria, coinvolgono l’intera platea già dalla prima battuta: sono i veri artefici del successo di questa commedia noir, talmente capaci da dissimulare il confine tra copione e improvvisazione.

Una corsa vertiginosa fino all’ultimo travestimento dai ritmi narrativi serrati e incalzanti che conserva la ricchezza dei dettagli psicologici della versione cinematografica girata da Hitchcock nel 1935, da cui riprende l’umorismo graffiante e acuto, l’alta tensione e la suspense.

Il personaggio perno dell’opera è Richard Hannay, uomo d’affari intrappolato in un giallo apparentemente senza uscita è interpretato come da copione da un solo attore (Marco Zordan), mentre attorno a tre interpreti (Alessandro Di Somma, Diego Migeni, Yaser Mohamed) ruota vorticosamente l’interpretazione degli altri 38 personaggi, in un susseguirsi di gag esilaranti, intrighi, colpi di scena e citazioni cinematografiche che rendono lo spettacolo irresistibilmente suggestivo e coinvolgente.

Intrighi internazionali, complotti criminali, donne seducenti e ammaliatrici, un giallo sottile ed esilarante tutto giocato su gag e travestimenti, che omaggia un grande indiscusso maestro del cinema come Alfred Hitchcock e strizza l’occhio alla commedia inglese contemporanea.

NOTE DI REGIA

Nel 1935 Alfred Hitchcock, regista cinematografico, prese a pretesto una storia d’inizio secolo e ne fece, grazie all’adattamento di Charles Bennett, un ottimo film. Talmente ben riuscito che da allora fino al 2016 se ne contano almeno 3 remake ed uno in progetto.

I “39 scalini” è un titolo che richiama folla al botteghino: merito del maestro del giallo che ha reso celebre anche John Buchan, autore legittimo del romanzo.

Quando abbiamo scelto questo testo ho cercato di capire tutto il piano recitativo che dovesse avere la commedia; l'idea più credibile era quella di far interpretare agli attori ogni singolo personaggio come se fosse un vero protagonista di un thriller.

Purtroppo, nello scorrere della trama, ai nostri capiteranno una serie infinita di sfortunati eventi, talmente grotteschi da essere più volte sull'orlo di dire: "chiudete il sipario!"

Ma, come spesso capita, gli attori in qualche modo risolvono il problema e ne escono in modo furtivo ed eclatante.

Lo spettacolo è costruito interamente con questi “trucchi” elementari, ben lontani dalle misteriose magie dei prestigiatori, trovate sceniche basate sulle precise intenzioni degli attori che smuovono nello spettatore un infantile gioco di illusione.

Così tutta la “pellicola” si svolge davanti agli spettatori che seguono le imprese di un solo protagonista – costantemente in scena eppure sempre in fuga – alle cui spalle la trama scorre, non sul classico vecchio rullo, ma sulle figurazioni e sull’abilità degli altri interpreti.

Leonardo Buttaroni

TEATRO SAN BABILA

2 aprile ore 20.30 - 3 aprile ore 15.30

Ci si diverte, e tanto. Dal primo ingresso in scena fino alla chiusura del sipario.

39 scalini, firmato dall’attenta regia di Leonardo Buttaroni e arricchito dalle scenografie di Paolo Carbone, riprende l’opera scritta da Patrick Barlow nel 2005, pensata per un cast di quattro attori, qui interpretati dall’affiatato cast composto da Alessandro Di Somma, Yaser Mohamed, Diego Migeni e Marco Zordan, chiamati a interpretare, anche contemporaneamente, una moltitudine di personaggi dalle caratteristiche più diverse:buoni, cattivi, uomini, donne e anche oggetti inanimati.

I travestimenti si svolgono quasi sempre a vista, evidenziando la poliedricità e l’eccezionale versatilità degli attori, i quali,con maestria, coinvolgono l’intera platea già dalla prima battuta: sono i veri artefici del successo di questa commedia noir, talmente capaci da dissimulare il confine tra copione e improvvisazione.

Una corsa vertiginosa fino all’ultimo travestimento dai ritmi narrativi serrati e incalzanti che conserva la ricchezza dei dettagli psicologici della versione cinematografica girata da Hitchcock nel 1935, da cui riprende l’umorismo graffiante e acuto, l’alta tensione e la suspense.

Il personaggio perno dell’opera è Richard Hannay, uomo d’affari intrappolato in un giallo apparentemente senza uscita è interpretato come da copione da un solo attore (Marco Zordan), mentre attorno a tre interpreti (Alessandro Di Somma, Diego Migeni, Yaser Mohamed) ruota vorticosamente l’interpretazione degli altri 38 personaggi, in un susseguirsi di gag esilaranti, intrighi, colpi di scena e citazioni cinematografiche che rendono lo spettacolo irresistibilmente suggestivo e coinvolgente.

Intrighi internazionali, complotti criminali, donne seducenti e ammaliatrici, un giallo sottile ed esilarante tutto giocato su gag e travestimenti, che omaggia un grande indiscusso maestro del cinema come Alfred Hitchcock e strizza l’occhio alla commedia inglese contemporanea.

NOTE DI REGIA

Nel 1935 Alfred Hitchcock, regista cinematografico, prese a pretesto una storia d’inizio secolo e ne fece, grazie all’adattamento di Charles Bennett, un ottimo film. Talmente ben riuscito che da allora fino al 2016 se ne contano almeno 3 remake ed uno in progetto.

I “39 scalini” è un titolo che richiama folla al botteghino: merito del maestro del giallo che ha reso celebre anche John Buchan, autore legittimo del romanzo.

Quando abbiamo scelto questo testo ho cercato di capire tutto il piano recitativo che dovesse avere la commedia; l'idea più credibile era quella di far interpretare agli attori ogni singolo personaggio come se fosse un vero protagonista di un thriller.

Purtroppo, nello scorrere della trama, ai nostri capiteranno una serie infinita di sfortunati eventi, talmente grotteschi da essere più volte sull'orlo di dire: "chiudete il sipario!"

Ma, come spesso capita, gli attori in qualche modo risolvono il problema e ne escono in modo furtivo ed eclatante.

Lo spettacolo è costruito interamente con questi “trucchi” elementari, ben lontani dalle misteriose magie dei prestigiatori, trovate sceniche basate sulle precise intenzioni degli attori che smuovono nello spettatore un infantile gioco di illusione.

Così tutta la “pellicola” si svolge davanti agli spettatori che seguono le imprese di un solo protagonista – costantemente in scena eppure sempre in fuga – alle cui spalle la trama scorre, non sul classico vecchio rullo, ma sulle figurazioni e sull’abilità degli altri interpreti.

Leonardo Buttaroni

TEATRO SAN BABILA

2 aprile ore 20.30 - 3 aprile ore 15.30

Cattive Compagnie

39 scalini

di John Buchan

regia Leonardo Buttaroni

Biglietti online: https://bit.ly/3uHaudK

Biglietteria telefonica:

02 46513734 – dal martedì al venerdì dalle ore 14 alle ore 17

BIGLIETTI

Intero – € 27

Over 65 – € 25

Studenti – € 12

Under30 – € 20

Insegnanti di ruolo – € 20

Teatro San Babila

Corso Venezia, 2/A - 20121 Milano

www.teatrosanbabilamilano.it



Cattive Compagnie

39 scalini - di John Buchan

regia Leonardo Buttaroni

Biglietti online: https://bit.ly/3uHaudK

Biglietteria telefonica:

02 46513734 – dal martedì al venerdì dalle ore 14 alle ore 17

BIGLIETTI

Intero – € 27

Over 65 – € 25

Studenti – € 12

Under30 – € 20

Insegnanti di ruolo – € 20

Teatro San Babila

Corso Venezia, 2/A - 20121 Milano

www.teatrosanbabilamilano.it



Source by Lucia Ferrigno


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Leonardo...di Milano
from: ladysilvia
by: MilanoFoodLab