Lunedì
01:50:40
Marzo
28 2022

Welfare. Il Comune chiede i finanziamenti del PNRR, 8,8 milioni per 15 progetti

View 1.7K

word 1.1K read time 5 minutes, 32 Seconds

Milano - Finanziare quindici progetti per rafforzare con oltre 8,8 milioni di euro i servizi sociali, le attività di contrasto alla grave emarginazione e per favorire l’inclusione sociale. Con questo obiettivo il Comune di Milano ha approvato con una delibera l’adesione all’avviso pubblico lanciato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali per ottenere le risorse europee del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR).

I progetti per cui si chiede il finanziamento sono suddivisi in diverse linee di intervento. Entro il 31 marzo il Comune dovrà presentare le richieste specifiche di finanziamento al Ministero.

“La pandemia - dichiara l’assessore al Welfare e Salute Lamberto Bertolé - ha acuito il disagio e i bisogni esistenti, rendendo necessarie risposte sempre più complesse e personalizzate. Può e deve rappresentare, però, anche un potenziamento delle politiche di welfare, di cui ha messo in luce le debolezze. I fondi del PNRR sono il primo passo in questa direzione, un’occasione che non possiamo perdere per costruire una società più attenta, giusta e reattiva di fronte alle diverse fragilità che la caratterizzano. Abbiamo messo in campo progetti molto diversi che agiscono su ognuna di esse e contiamo di ricevere dal Governo il sostegno economico necessario per farli partire. I comuni sono gli enti locali più vicini ai cittadini, ne conoscono le necessità e i bisogni. Sostenerli nei loro progetti è doveroso e imprescindibile per assicurarci di uscire dall’emergenza causata dal Covid-19 con delle armi e una preparazione maggiori”.

Contrasto alla grave marginalità e all’emergenza abitativa

Una prima azione riguarda la creazione di luoghi di housing temporaneo dedicati alle famiglie che si trovano in emergenza abitativa e ai senza dimora. Il Comune prevede di utilizzare i fondi del PNRR per ristrutturare tre stabili: il complesso edilizio di via Aldini 71, 72 e 74 a Quarto Oggiaro e l’immobile confiscato alla criminalità organizzata di via Mosso 4, in zona via Padova.
Se il finanziamento verrà accordato, in via Aldini - 8.260 mq complessivi - sorgeranno due progetti di housing first, i mini appartamenti che vengono usati per l’accoglienza di famiglie in difficoltà e dei senza dimora cosiddetti ‘irriducibili della strada’ che rifiutano l’accoglienza nei centri collettivi, partendo da un’idea nordeuropea che mette al centro del percorso di reinclusione sociale la casa. Il primo verrà dedicato all’ospitalità temporanea di nuclei monoparentali in condizioni di difficoltà abitativa attraverso la ristrutturazione di una parte del complesso edilizio pari a circa 700 mq per realizzare quattro piccoli appartamenti e spazi comuni. Il secondo verrà dedicato all’accoglienza di clochard con vulnerabilità psicologica e problemi di dipendenza e salute mentale, in un ulteriore spazio da 700 mq dove, dopo la riqualificazione, sorgeranno altri quattro appartamenti. All’housing first per le famiglie in difficoltà saranno dedicati anche i 300 mq dello stabile di via Mosso, la cosiddetta ‘casa con buco’, all’interno della quale verranno realizzati tre mini alloggi.

Il finanziamento previsto per questi tre interventi è di 2 milioni 130mila euro.

Una seconda azione di questa linea di intervento riguarda l’attivazione di centri multifunzionali per l’accesso a diversi servizi dedicati alle persone senza dimora e in condizioni di povertà estrema. Gli stabili messi a disposizione e per i quali si chiede il finanziamento sono quelli di via Barabino 6, al Corvetto, e ancora quello di via Aldini 71, 72, 74, già oggi utilizzati per servizi di contrasto alla grave emarginazione. In entrambi i casi si prevede di procedere alla ristrutturazione degli immobili per poi insediare al loro interno i seguenti servizi: guardaroba, spazio per la distribuzione di pacchi alimentari, sportelli ResidenzaMi per la residenza fittizia, centri diurni, spazi di accoglienza a bassa soglia per ospitare rispettivamente 30 persone (in via Barabino) e 50 persone (in via Aldini). L’obiettivo è anche l’integrazione degli spazi nella vita dei quartieri che li ospitano con il coinvolgimento degli abitanti.

Il finanziamento previsto per questi due interventi è di 2 milioni 180mila euro.

Percorsi di autonomia per persone anziane

L’obiettivo di questa linea di azione è di implementare nuove forme di care giving attraverso l’applicazione delle nuove tecnologie per migliorare la vita domestica degli anziani. Si prevede di mettere a disposizione 20 appartamenti attrezzati con dispositivi di domotica per ospitare altrettanti anziani non completamente autosufficienti. Tra i risultati attesi quello di assicurare maggiore autonomia alle persone coinvolte, rimandando il più possibile il ricovero in strutture residenziali ad alta intensità. Per questo progetto è previsto un finanziamento per 2 milioni 460mila euro.
Un secondo progetto per cui verranno chieste risorse per 330mila euro riguarda invece la prevenzione del fenomeno dell’accumulo domestico che può interessare gli anziani con disagio mentale. L’intervento prevede un tutoring domiciliare per accompagnare la persona in un percorso di ricostruzione di abitudini sane di vita e di superamento dell’isolamento sociale tramite la creazione di una rete di supporto.

Percorsi di autonomia per persone con disabilità

Con un finanziamento da 715mila euro il Comune intende rafforzare i progetti di autonomia per gli utenti con disabilità in carico ai servizi, attraverso la costruzione di un percorso personalizzato specifico per ognuno di loro. Per farlo è necessario potenziare l’equipe multidisciplinare che affianca i servizi sociali professionali nella gestione di questi percorsi e investire risorse per favorire l’autonomia abitativa e lavorativa, in coerenza con la legge sul ‘Dopo di noi’. A questo scopo, l’Amministrazione intende favorire il loro inserimento in azienda con tirocini e stage e mettere a disposizione una decina di appartamenti dove, in collaborazione con il Terzo settore, gli utenti possano sperimentare una vita autonoma.

Supporto alla genitorialità

A sostegno delle famiglie fragili dove sono presenti minori, il Comune intende rafforzare iniziative di educativa domiciliare per favorire l’instaurazione di un rapporto sereno genitori-figli, promuovere interventi con la scuola per aiutare la socializzazione dei minori e l’inserimento nel gruppo classe, creare percorsi collettivi di sostegno tra genitori e tra bambini e adolescenti.

Il finanziamento richiesto per questa linea di azione è di 634.500 euro.

Rafforzamento dei servizi sociali e prevenzione del burn out

La pandemia e le restrizioni ad essa collegate hanno acuito i bisogni esistenti, rendendoli più complessi. Questo ha portato a un sovraccarico di lavoro per gli operatori sociali - assistenti sociali, educatori, psicologi - che si occupano dell’assistenza ai cittadini più fragili. Per questo il Comune intende supportare i 383 social workers dipendenti dell’Amministrazione con due diverse azioni: la creazione di una figura interna a disposizione dei colleghi in difficoltà emotiva per aiutarli a gestire le criticità e favorire il confronto e la realizzazione di momenti collettivi di consolidamento delle competenze per ridurre il senso di frustrazione e inadeguatezza di fronte alla necessità di gestire problemi sempre più complessi.

Per questa azione è previsto un finanziamento di 420mila euro.

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Welfare.... progetti