I DIRITTI DELL’IMMIGRATO. COME LI APPLICO E COME LI VIOLO? IL CASO DEL BLOCCO DEI PERMESSI DI SOGGIORNO DA PARTE DELLA QUESTURA DI PRATO

Mercoledì
17:30:10
Agosto
18 2004

I DIRITTI DELL’IMMIGRATO. COME LI APPLICO E COME LI VIOLO? IL CASO DEL BLOCCO DEI PERMESSI DI SOGGIORNO DA PARTE DELLA QUESTURA DI PRATO

View 133.0K

word 515 read time 2 minutes, 34 Seconds

Firenze - Il consultorio di informazione e assistenza “Aduc-immigrazione” ci dà occasione per venire a conoscenza di alcune storie incredibili e decisamente poco consone a quello che dovrebbe essere uno Stato di diritti, dove questi ultimi dovrebbero essere garantiti a chiunque, soprattutto ai soggetti piu’ deboli. Vediamo cosa è successo lo scorso 12 agosto.

Da anni ormai Prato è la meta scelta da parte di numerosi cittadini cinesi che decidono di trasferirsi in Italia. Corre voce che qui, gli immigrati di detta nazione città , siano così numerosi che, in caso di penuria di alloggi, approfittino persino delle stesse aziende per alloggiare. Tutto ciò, voci o meno che siano, non piace alla Questura di Prato, che è impegnata a scovare accomodamenti, residenze, domicili veri e fittizi di ogni lavoratore extracomunitario.

Ma come fa la Questura di Prato a controllare i domicili dichiarati dai cinesi soggiornanti a Prato? Fa dei sopralluoghi a tappeto? Si limita a verificare solo i casi di sospette false dichiarazioni? No. Innanzitutto blocca i rinnovi dei permessi di soggiorno.

Ecco quello che è accaduto. Il Sig. X chiede il 1 maggio il rinnovo del suo permesso di soggiorno, dichiarando il solito domicilio dello scorso anno (con il quale aveva ottenuto senza problemi il suo primo permesso di soggiorno). Dopo due mesi si reca in Questura, credendo di poterlo ritirare e invece niente, non è ancora pronto.

Infatti, al disperato aspirante viene recapitata una comunicazione scritta del responsabile del Procedimento dell’ufficio immigrazione, comunicazione che è datata maggio, ossia subito dopo la presentazione dell’istanza di rinnovo. In tale comunicazione si intima il richiedente a “rendersi disponibile” per accertamento sulla veridicità ’ ed effettiva residenza nel domicilio dichiarato; che i controlli si “svilupperanno nell’arco di 45 giorni” e, ad esito negativo, daranno luogo a rifiuto del rinnovo del permesso di soggiorno.

Da maggio a luglio nessun sopralluogo, da luglio ad agosto, nonostante le sollecitazioni di un legale, nessun sopralluogo. E, ovviamente il Sig. X non ha ancora il suo permesso di soggiorno! Non solo. Il poverino è rimasto tutte le sere e tutti i fine settimana a casa terrorizzato dall’idea che la polizia non lo trovasse al proprio domicilio! Infatti, la Questura si è ben guardata dallo specificare, come accade per gli aspiranti residenti nei comuni italiani, fasce orarie e/o giorni per il possibile sopralluogo, anzi! Al contrario, ha ben specificato che, nell’arco di 45 giorni, se non dovesse esser trovato a casa, sarebbe incorso in un rifiuto del permesso di soggiorno.

Mah?”¦le suddette verifiche degli alloggi, non saranno mica facili giustificazioni ai ritardi dei rinnovi dei permessi? E poi, è davvero necessario effettuare la sospensione del rinnovo in attesa delle verifiche, se è vero come è vero che la Questura può in ogni momento revocare un permesso già concesso?

Tutto ciò che accade sotto minaccia di mancato rinnovo di un permesso di soggiorno non può non avere il sapore di una”¦ lenta tortura.

Claudia Moretti, avvocato
responsabile servizio “Aduc-immigrazione” " http://immigrazione.aduc.it
(tutti i martedì ore 17-20. Tel. 055 282168)

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / I DIRITT... DI PRATO