Malattie emorragiche e trombotiche: al Congresso SISET novità diagnostiche, farmacologiche e di ricerca sperimentale per la loro cura

Martedì
20:09:16
Settembre
28 2004

Malattie emorragiche e trombotiche: al Congresso SISET novità diagnostiche, farmacologiche e di ricerca sperimentale per la loro cura

View 166.2K

word 823 read time 4 minutes, 6 Seconds

Le malattie emorragiche e trombotiche, le novità diagnostiche e le interessanti prospettive nelle applicazioni cliniche per la loro cura, anche grazie ai risultati delle ricerche farmacologiche e di biologia cellulare e molecolare. Sono questi gli importanti temi al centro del XVIII Congresso Nazionale della Società Italiana per lo Studio dell’Emostasi e della Trombosi (SISET), che avrà luogo a Roma, presso l’Auditorium-  dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (largo F. Vito 1), da giovedì 30 settembre a domenica 3 ottobre 2004.

Il Congresso sarà presieduto dalla prof. Maria Benedetta Donati, Presidente SISET, e dal prof. Giuseppe Leone, rispettivamente ricercatore presso i Laboratori del Centro di ricerche e formazione ad Alta tecnologia nelle Scienze biomediche dell’Università Cattolica di Campobasso, e direttore dell’Istituto di Ematologia della Cattolica di Roma. Presidente onorario il prof. Bruno Bizzi, già direttore dell’Istituto di Patologia speciale medica della Cattolica di Roma.

Alla cerimonia di apertura, giovedì 30 settembre, ore 18, interverranno tra gli altri Enrico Garaci, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità , e Luciano Criscuoli, Direttore Generale - Ministero Istruzione, Università e Ricerca.

Alle ore 19 la “lecture” del prof. Octavi Quintana Trias, direttore Health Research, Dg Ricerca, della Commissione Europea sul tema “Il futuro della ricerca cardiovascolare in Europa”.

La SISET, fondata 34 anni fa a Parma e che conta oltre 520 soci, riunisce ogni due anni, esperti nazionali e internazionali per il tradizionale stato dell’arte sull’avanzamento delle conoscenze nel campo delle malattie emorragiche e trombotiche.

Tra i relatori stranieri presenti si-  segnalano il professor Jozef Vermylen dell’Università Cattolica di Lovanio (Belgio), che è stata scuola di formazione per molti ricercatori italiani nel campo dell’emostasi e della trombosi; il professor Frederick Rickles, Washington DC (USA), presidente della Federazione delle Società Scientifiche Americane per le Scienze Biologiche (FASEB). Tra i relatori italiani: Francesco Violi (Roma), Pier Mannuccio Mannucci (Milano), Nicola Semeraro (Bari), Anton Giulio Dettori (Parma), Vittorio Pengo (Padova), Gualtiero Palareti (Bologna), Giovanni De Gaetano (Università Cattolica).

Nelle dense giornate di congresso saranno discussi i recenti successi della ricerca italiana nel campo della diagnosi, prevenzione e terapia delle malattie ischemiche vascolari (come infarto cardiaco e ictus cerebrale), la principale causa di mortalità e morbilità nel nostro Paese. In particolare, per quanto riguarda le trombosi venose e l’embolia polmonare, sarà posto l’accento sui nuovi farmaci anticoagulanti con meccanismo innovativo che potranno sostituire i trattamenti tradizionali per la trombosi, riducendone gli effetti collaterali emorragici. Per quanto riguarda le malattie ischemiche, sarà sottolineata l’importanza di individualizzare i trattamenti preventivi e terapeutici, anche con l’aiuto della farmacogenetica.

Tra gli obiettivi del Congresso l’aggiornamento delle conoscenze sui rapporti tra malattie cardiovascolari e neoplasie, tema di particolare interesse per l’attività di ricerca del nuovo Centro nelle Scienze biomediche della Cattolica di Campobasso.

“Sempre più stretti appaiono i rapporti tra i meccanismi che sono alla base dei tumori e delle malattie cardiovascolari " anticipa la professoressa Donati - e numerosi cominciano a essere i protocolli di studio comuni; solo alcuni anni fa non si poteva supporre che un farmaco antitrombotico come l’eparina potesse prolungare la sopravvivenza di pazienti con tumore, come appare da alcuni recentissimi studi di gruppi di ricerca italiani”.

Il Convegno coprirà un largo spettro di tematiche nel campo dell’emostasi e della trombosi, dalla biologia cellulare e molecolare alla farmacologia sperimentale, alla clinica ed epidemiologia, con enfasi sui fattori di rischio genetici e acquisiti, quali infezioni, patologia della gravidanza, abitudini alimentari. Alcune sessioni saranno dedicate alla diagnosi e alla terapia della cosiddetta “trombofilia”, alla luce delle recenti Linee guida pubblicate dalla stessa SISET.

Il Congresso prevede 10 sessioni educazionali, 4 sessioni di comunicazioni orali selezionate, 18 sessioni di comunicazioni orali, 21 sessioni di poster, per oltre 350 presentazioni in totale. Il programma prevede inoltre 8 simposi organizzati in collaborazione con le maggiori aziende attive nel settore.

Nel corso della sessione conclusiva del Congresso, saranno consegnati 13 premi SISET a giovani ricercatori, autori di presentazioni scelte per la loro eccellenza scientifica.

Attività principali della SISET
”¢  Studio delle problematiche inerenti la coagulazione del sangue, la fibrinolisi, l’emostasi, la fisiopatologia e la terapia delle malattie emorragiche e trombotiche.
”¢  Promozione della ricerca clinica e di laboratorio sulla trombosi e l’emostasi, anche mediante l’istituzione di premi di ricerca e “borse viaggio” per giovani ricercatori per la partecipazione a congressi italiani o internazionali.
”¢  Promozione e sostegno di congressi scientifici, conferenze e corsi di formazione sui temi dell’emostasi e della trombosi, favorendo lo scambio di conoscenze e il contatto dei ricercatori.
”¢  Promozione e tutela della diffusione dei risultati delle ricerche effettuate dai propri associati, oltre che dell’azione di sensibilizzazione su tali tematiche nel mondo scientifico.
”¢  Trasferimento dei risultati della ricerca internazionale nel campo dell’emostasi e della trombosi attraverso la preparazione di linee guida per la diagnosi e il trattamento delle malattie trombotiche o emorragiche, favorendo l’applicazione dei dati scientifici alla pratica clinica.

DI-  DUNDAR KESAPLI

http://www.siset2004.com

Source by Redazione


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Malattie...loro cura