Iraq, I Quattro ostaggi italiani “erano mercenari al servizio degli Usa” lo ha dichiarato il Gip di Bari

Venerdì
08:18:24
Ottobre
22 2004

Iraq, I Quattro ostaggi italiani “erano mercenari al servizio degli Usa” lo ha dichiarato il Gip di Bari

View 135.3K

word 422 read time 2 minutes, 6 Seconds

BARI - Increduli, indignati, offesi i 4 ex ostaggi italiani, Umberto Cupertino, Salvatore Stefio e Maurizio Agliana. Accusati ma Pronti a difendersi e a rispondere alle accuse.

Il Gip di Bari Giuseppe De Benedictis ha accusato i quattro operatori della sicurezza italiani sequestrati in Iraq nell’aprile scorso di essere "mercenari" al servizio degli Stati Uniti.

Lo riferiscono fonti giudiziarie, spiegando che le parole di accusa sono contenute nelle motivazioni di un provvedimento -- già respinto dal tribunale del Riesame lo scorso 18 ottobre -- che vietava l’espatrio per il presunto reclutatore di vigilantes Giampiero Spinelli.

Il gip ha scritto che i quattro vigilantes "erano veri e propri fiancheggiatori delle forze della coalizione e questo spiega, se non giustifica, l’atteggiamento dei sequestratori nei loro confronti", hanno riferito le fonti.

Le parole del magistrato sono state accolte con amarezza da tre dei quattro operatori -- Umberto Cupertino, Salvatore Stefio e Maurizio Agliana -- sopravvissuti a 56 giorni di sequestro, mentre il quarto operatore, Fabrizio Quattrocchi, fu ucciso pochi giorni dopo il rapimento dai militanti.

"Mi sento offeso, indignato per le dichiarazioni che sono state fatte", ha dichiarato Maurizio Agliana alle telecamere di SkyTg 24, definendo ingenerose le parole del Gip anche nei confronti di Quattrocchi, che "era una persona buona e generosa".

"Il nostro lavoro era ed è di operatore della sicurezza ravvicinata", ha precisato Stefio al tg.

"Era un semplice lavoro di protezione", ha aggiunto a sua volta Cupertino.

l’NCHIESTA
Nelle motivazioni del gip barese è anche riportato che "le indagini sinora compiute hanno consentito di accertare che era effettivamente vero quanto ipotizzato, subito dopo il sequestro dei quattro italiani in Iraq, che essi erano sul territorio di quel Paese in veste di mercenari, o quantomeno, di gorilla a protezione di uomini di affari in quel martoriato Paese".

La procura di Bari ipotizza che Spinelli, trentenne di Sammichele di Bari, abbia provveduto a presunti arruolamenti o armamenti non autorizzati al servizio di uno Stato estero, in violazione dell’articolo 288 del codice penale.

Sul sequestro indaga anche la procura di Roma, che ha iscritto due iracheni sul registro degli indagati con l’ipotesi di sequestro di persona con finalità di terrorismo.

Sono decine gli occidentali sequestrati in Iraq da gruppi di militanti contrari alle forze a guida Usa. Alcuni di loro sono stati uccisi. Altri, come le due volontarie italiane Simona Torretta e Simona Pari, sono riusciti a tornare nel loro Paese.

Reuters / TG5
http://www.reuters.it

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Iraq, I ...p di Bari