Cnr ed Enea presentano i risultati del programma di salvaguardia dai campi elettromagnetici

Venerdì
16:28:43
Ottobre
22 2004

Cnr ed Enea presentano i risultati del programma di salvaguardia dai campi elettromagnetici

Saranno presentati al Consiglio Nazionale delle Ricerche i risultati dell’attività del programma di ricerca dedicato alla “Salvaguardia dell’Uomo e dell’Ambiente dalle emissioni elettromagnetiche”. Se ne parlerà più diffusamente, anche delle-  ricadute e prospettive di sviluppo, nel Convegno che si terrà nei giorni 25, 26 e 27 ottobre 2004, al Cnr

View 133.0K

word 686 read time 3 minutes, 25 Seconds

Elettromagnetismo: “Sviluppo nella sicurezza”. Questo l’obiettivo del Programma di ricerca triennale coordinato da Cnr ed Enea e finanziato dal Miur “Salvaguardia dell’Uomo e dell’Ambiente dalle emissioni elettromagnetiche”, i cui risultati, a tre anni dall’avvio, verranno illustrati al Cnr, nei giorni dal 25 al 27 ottobre prossimi. Un programma che, avviato nel 2001 e coordinato dal prof. Paolo Bernardi dell’Università di Roma “La Sapienza” e già Presidente della Commissione per la protezione dai campi elettromagnetici a radiofrequenza del Cnr, si integra con analoghi progetti e ricerche in corso,-  nazionali-  ed internazionali.
Il crescente sviluppo di sistemi elettrici, elettronici, informatici e di telecomunicazioni, in particolare quelli di comunicazione mobile e cellulare, che generano e immettono campi elettromagnetici nell’ambiente, deve tenere conto, ormai è accertato, dei risultati delle ricerche portate avanti per limitarne l’inquinamento. Ed è in questa prospettiva che Cnr ed Enea hanno progettato sistemi, realizzato strumentazioni per il controllo e monitoraggio dell’inquinamento, studiato tecniche di protezione realizzate con nuovi dispositivi e materiali, che verranno presentati nel corso del convegno.
- “Sviluppare tecnologie elettromagnetiche tenendo conto della necessità di salvaguardare l’ambiente e la salute dell’uomo: l’obiettivo è stato raggiunto afferma il prof. Paolo Bernardi. "-  I risultati finora raccolti sono rassicuranti e i livelli approvati dalle attuali normative sono sicuri”.
Sono stati messi a punto i codici di calcolo (programmi per la valutazione della distribuzione dei campi elettromagnetici attorno a una o più sorgenti) che consentono di stabilire l’efficacia dei sistemi di protezione, di ottimizzare le installazioni-  di nuove stazioni, di calcolare le distanze di antenne e tralicci dai luoghi sensibili per rispettare i limiti di legge. Parametri indispensabili per gli operatori locali (comuni, province) che devono rilasciare le autorizzazioni in base alle attuali normative.

“Sono state condotte indagini conoscitive sulle principali sorgenti di esposizione e sui livelli di campo esistenti nelle aree urbane e all’interno di ambienti chiusi, come aeroporti, laboratori di ricerca, ambienti domestici e ospedalieri " spiega il professor-  Bernardi " per arrivare a progettare apparecchiature immuni ai campi elettromagnetici e, quindi, più sicure”.

Sono le prime risposte che la scienza ha dato e che " in linea con le raccomandazioni degli organismi internazionali quali l’Oms e la Commissione Europea " invitano a ridimensionare eccessivi allarmismi e ad armonizzare tra loro le normative, e a continuare le ricerche per ottenere la riduzione delle esposizioni. Riguardo all’analisi del rischio, le ricerche condotte hanno per ora confermato che esso è di bassa consistenza ai livelli previsti dalle raccomandazioni internazionali ed in particolare dalla normativa italiana più restrittiva.
Grande importanza, infine, è stata data alla necessità di fornire una corretta informazione sui progressi delle ricerche sviluppate sia nell’ambito del Programma, sia in altri Paesi del mondo.

Al di là dei notevoli risultati raggiunti, va infine sottolineato come il Programma, con le molteplici e complementari competenze acquisite dalle Unità di ricerca coinvolte, ha di fatto permesso di costituire una “rete di eccellenza” che potrà agire da catalizzatrice per l’aggregazione di nuove unità e che costituisce una risorsa per il Paese, in vista di possibili sviluppi di ulteriori ricerche finalizzate all’ampliamento dei risultati già raggiunti, anche alle luce delle nuove esigenze create dal sempre ulteriore sviluppo di nuovi sistemi che immettono campi elettromagnetici nell’ambiente.
I risultati sono riportati sul sito internet: http://www.emprotect.enea.it

Roma, 22 ottobre 2004
La scheda
Chi: Cnr ed Enea
Che cosa: Convegno nazionale “Salvaguardia dell’Uomo e dell’Ambiente dalle emissioni elettromagnetiche: i risultati, le ricadute, le prospettive di  -  sviluppo”.
Quando: 25, 26 e 27 ottobre 2004
Dove: Consiglio Nazionale delle Ricerche, Aula Marconi, Piazzale Aldo Moro, 7
Per informazioni:
Prof. Paolo Bernardi, Università degli Studi di Roma “La Sapienza” " tel. 05.44585855;
e-mail: bernardi@die.uniroma1.it- 
Ufficio Stampa Cnr:
Rosanna Dassisti - tel. 06.4993.3588;
e-mail: rosanna.dassisti@ufficiostampa.cnr.it

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Cnr ed E...magnetici