ANNAPOLIS: UN VERTICE DI DEBOLEZZE E IL RUOLO DELLA TURCHIA

Mercoledì
08:53:20
Novembre
28 2007

ANNAPOLIS: UN VERTICE DI DEBOLEZZE E IL RUOLO DELLA TURCHIA

View 131.1K

word 520 read time 2 minutes, 36 Seconds

Medio Oriente: Misna; “Un insieme di debolezze non può portare molto lontano e la situazione è così fluida da pensare che il vertice di Annapolis sia il tentativo degli Stati Uniti di mantenere il Medio Oriente in uno stato di instabilità e tensione continua, tale da giustificarne la presenza militare”: lo ha detto alla MISNA Antonino Pellitteri, docente di Storia dei paesi islamici presso la facoltà di lettere dell’Università di Palermo, titolare della più antica cattedra italiana per gli studi di arabistica. Capire il Medio Oriente " secondo il docente siciliano - significa anche capire che nulla può risolversi se non all’interno di un contesto regionale che comprenda tutte le variabili: motivo sufficiente perché, a maggior ragione adesso che non in passato " quando Arafat rappresentava tutti i palestinesi e trattava con un esecutivo forte come quello di Rabin " difficilmente da Annapolis partirà l’ultimo e definitivo processo di pace per la creazione di uno stato palestinese e la stabilizzazione di tutta l’area.

“Mettendo una parte dei tasselli del mosaico su uno stesso tavolo " ha aggiunto Pellitteri " avremmo il Libano che non riesce ad eleggere un nuovo presidente, i palestinesi divisi da una guerra civile strisciante con Hamas nemmeno invitata al tavolo delle trattative, Israele con un esecutivo altrettanto debole e sicuramente incapace di avviare adesso qualunque serio discorso di pace”. Su un altro tavolo, ha detto ancora alla MISNA Pellitteri, dovremmo mettere l’Iran " anche lei non invitata all’assise organizzata nella capitale dello stato del Maryland " che negli ultimi mesi ha cercato di avvicinarsi ai paesi del Golfo; l’Iraq, dove troviamo Washington che sostiene gli sciiti, mentre gli alleati sauditi appoggiano i sunniti; e infine la Siria che si presenta ad Annapolis in veste di osservatore interessato.

“Il punto " ha detto Pellitteri " è che gli Stati Uniti più che alla creazione di uno stato palestinese, o perfino all’eventualità di un attacco contro l’Iran (improbabile se pensiamo alla sicura opposizione di Russia, Cina e probabilmente Europa), nel momento forse di massima debolezza del presidente George Bush provano a tirarsi fuori da una sorta di pantano nel quale sono caduti: Annapolis è allora il tentativo di riaffermare la loro potenza, e per farlo, vogliono mantenere l’attuale stato di instabilità spezzando contemporaneamente qualunque forma di nuovo e alternativo equilibrio”. Eppure, secondo Pellitteri qualcosa si muove e non necessariamente nella stessa direzione voluta dai circoli neo-conservatori americani: “La Turchia in questo momento gioca un ruolo dietro le quinte molto importante; se la Siria è ad Annapolis è perché ci sono state consultazioni tra Ankara e Damasco, non certo per le insistenze dei sauditi. Nel momento in cui mancano le certezze e con un’America più debole che mai, il governo di Erdogan sta tessendo una trama che porta il segno della storia e del passato ottomano; non per ricostruire un impero che non c’è più, ma per recuperare vincoli e legami di paesi che facevano parte di una stessa entità , che hanno un passato e tradizioni comuni e che forse possono individuare soluzioni vere e decisive”. (a cura di Gianfranco Belgrano) [GB]

Source by Misna


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / ANNAPOLI...A TURCHIA