Ricordo del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa

Lunedì
13:39:32
Settembre
03 2007

Ricordo del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa

Il CMI a Palermo alla liturgia in suffragio delle vittime dell’agguato mafioso

View 134.0K

word 503 read time 2 minutes, 30 Seconds

I Monarchici del CMI erano a Palermo quando la Corale Polifonica San Sebastiano della Polizia Municipale di Palermo, diretta dalla Maestra Serafina Sandovalli, eseguirà l’animazione della liturgia in suffragio delle vittime dell’agguato mafioso nel quale morirono il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, la moglie e l’agente di scorta.

Carlo Alberto Dalla Chiesa, Generale dei Carabinieri a pochi mesi dalla pensione era Vicecomandante dell’Arma; fu creato Prefetto e spedito dal governo Spadolini a Palermo per una missione impossibile: combattere e disintegrare la mafia. Alla cerimonia religiosa, officiata da Monsignor Gioacchino Gambino, che si svolgerà il 3 settembre alle 9,15, nella chiesa di Santa Maria di Monserrato a piazza Croci, parteciperanno autorità civili e militari.

Le 21,15 di venerdì 3 settembre 1982, in via Isidoro Carini, vicino a piazza Politeama, nel cuore di Palermo. Due moto di grossa cilindrata affiancano l’automobile di Emanuela Setti Carraro, 32 anni, consorte del Generale. Segue l’auto di scorta condotta dall’agente Domenico Russo. Tutti trucidati sotto la tempesta di colpi di un kalashnikov già utilizzato dalla mafia per altri eccidi (a cominciare da quello di Alfio Ferlito, concorrente di Nitto Santapaola alla guida delle cosche catanesi). Il cuneese Carlo Alberto Dalla Chiesa nasce a Saluzzo il 27 settembre 1920. Giovane tenente, ha comandato in Montenegro un reparto di guerriglia. Viene decorato con una medaglia d’argento al valor militare, una di bronzo al valor civile e due croci al merito di guerra. Per meriti di guerra, passa in servizio nell’Arma dei Carabinieri.

A Torino crea il nucleo speciale antiterrorismo, struttura che gli consente di infiltrare alcuni dei suoi uomini nelle Br e di catturare Renato Curcio e Alberto Franceschini (’75). Subito dopo il nucleo verrà smantellato contemporaneamente alla ristrutturazione dell’Ispettorato antiterrorismo del prefetto Emilio Santillo. Dopo l’omicidio Moro è incaricato di ricostituire i nuclei speciali: porta a segno la cattura di Patrizio Peci, il primo pentito del terrorismo, e il blitz di via Fracchia a Genova (’80), cui seguirà il delitto Tobagi. E’ nominato in Sicilia il 2 aprile 1982. Arriva a Palermo la sera del 30 aprile, poco dopo l’uccisione del segretario siciliano del pci, Pio La Torre, terzo uomo politico assassinato nel giro di pochi mesi dopo Piersanti Mattarella, presidente dc della Regione siciliana, e Michele Reina, segretario della Dc palermitana.

Il 10 agosto, in un’intervista a Giorgio Bocca, denuncia il suo isolamento e la mancata attribuzione dei poteri, parla dei suoi sospetti sugli intrecci mafia-affari e del “rapporto dei 164“ che sta ultimando. Sarà la prima pietra del maxiprocesso di Falcone contro la mafia. Non chiede leggi speciali o eccezionali. Muore trucidato la sera del 3 settembre: resta per tutti il “prefetto dei cento giorni“. Conosceva la storia dell’altro piemontese, Cesare Mori, il “prefetto di ferro“, mandato nel 1925 in Sicilia per ristabilire l’autorità, con qualsiasi mezzo. Mori fu poi nominato Senatore del Regno e allontanato dalla Sicilia. Dalla Chiesa fu eliminato fisicamente. Eugenio Armando Dondero Portavoce Coordinamento Monarchico Italiano

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Ricordo ...la Chiesa