75° anniversario di Holodomor, la fame artificiale dell’inverno 1932-1933

Lunedì
11:22:26
Novembre
26 2007

75° anniversario di Holodomor, la fame artificiale dell’inverno 1932-1933

Holodomor" la fame "artificiale" che nel 1932-1933 provocò la morte di più di dieci milioni di cittadini ucraini. L’Ucraina di Viktor Yuchchenko commemora i feroci eventi di quegli anni tristi dell’era sovietica alla presenza di una nutrita rappresentanza diplomatica proveniente dalle attuali più evolute nazioni del mondo. La commemorazione ufficiale del Genocidio avvenuta in Campidoglio il 22 novembre 2007. Consegnati degli ordini di San Giorgio dell’ "Accademia Internazionale della Fortuna d’Oro" di Kiev.

View 132.0K

word 1.2K read time 5 minutes, 48 Seconds

Holodomor" la fame "artificiale" che nel 1932-1933 provocò la morte di più di dieci milioni di cittadini ucraini. L’Ucraina di Viktor Yuchchenko commemora i feroci eventi di quegli anni tristi dell’era sovietica alla presenza di una nutrita rappresentanza diplomatica proveniente dalle attuali più evolute nazioni del mondo.

Nonostante nel 1932 il raccolto di grano in Ucraina fosse stato particolarmente buono, nell’inverno per decisione di Stalin la popolazione ucraina fu privata del cibo sufficiente per sfamarsi: le autorità sovietiche perpetrarono l’abominio in questo modo del crimine della pulizia etnica contro un intero Popolo inerme, che aveva l’unica colpa di essere legato alle proprie tradizioni cristiane, avendo già tra l’atro accettato le regole della collettivizzazione per la produzione e la gestione delle risorse agricole.

In quell’inverno 1932-1933 le famiglie ucraine furono costrette a cibarsi delle carcasse di animali, ed anche delle carni dei propri bambini. Tuttavia l’elemento che consente di afferma re che Mosca perpetrò, allora il crimine della "guerra etnica" risiede nel fatto che assieme alla "artificiale fame" i comunisti vietarono l’uso della "lingua ucraina" imponendo invece l’uso forzato del "russo".Parole forti sono sta dette finalmente, dopo decenni di imposto silenzio, sulla Carestia artificiale del 1933, eco della denuncia fatta lo scorso anno dal Presidente della Repubblica di Ucraina Viktor Yushchenko di fronte ai rappresentanti delle Nazioni Unite. La Rivoluzione di Ottobre e il dilagare del comunismo avevano operato una immensa, duplice discriminazione. Durante la Guerra Civile Russa (1917-1920) un milione trecentomila russi della "nobiltà bianca" latifondista vicina allo Zar e l’elite intellettuale del Paese erano stati privati di ogni diritto reale e costretti all’esilio o condotti a morte dalla spietata polizia politica, la C'eka.

l’Unione Sovietica ha mantenuto per più di 70 anni, in nome della scelta politica collettivista, intere generazioni prive dei più sacri diritti civili e quelli reali sanciti dalla Carta dei Diritti dell’Uomo e contenuti nelle Carte Costituzionali di tutti i Paesi democratici a cominciare da quella americana del 1787, soggiogando le masse ed estirpando dalle coscienze il desiderio della libera espressione e quello del possesso individuale di beni spirituali e materiali. Bukharin affermòٍ: "La scienza dell’economia non è più necessaria in un paese come l’U.r.s.s., in cui i rapporti economici possono essere liberamente decisi per gli uomini, senza sottostare a "leggi naturali", misteriose e tiranniche". Tutto era semplice, di una stupenda e brillante semplicità : furono nazionalizzati i mezzi di produzione, fu collettivizzata la terra e fu istituito un ufficio di pianificazione centrale, che doveva dirigere da Mosca l’attività economica dell’immenso, sconfinato paese.

Non a caso Stalin consente ed ordina in Polonia la deportazione dei polacchi dell’Est nella Pomerania ed il trasferimento dei polacchi pomerani verso i territori di confine con la Russia: il tentativo che viene condotto è la russificazione dei cittadini. Portare la gente della Polonia Orientale slavizzata ed abbastanza comunisticizzata a stretto contatto con il confine tedesco, mirava a creare una naturale barriera sociale e culturale. Simili spostamenti coatti di intere popolazioni sono stati effettuati dal potere centrale sovietico anche in Ucraina, in seguito ulteriormente vessata insieme al Caucaso settentrionale, al Volga e al Kazachistan, dalla storica Carestia tra 1932 e 1933 che fece 18 milioni di morti, "pilotata" dal dittatore Stalin ma per sterminare i piccoli proprietari? No fu sporca guerra etnica. "Squarciamo il sudario della memoria sulle responsabilità dirette del regime staliniano nella politica che scientemente condusse al massacro nell’ambito della dekulakizzazione per l’eliminazione dei piccoli e medi contadini proprietari, ma anche per sterminare con la guerra etnica quelle popolazioni tradizionalmente resistenti ad accettare la sostituzione dell’ideologia comunista alla fede in Dio. Di tutto ciò non si seppe nulla in Italia: di chi la responsabilità ? Chi si salvò , venne trasferito, deportato e dovette abbandonare tutto, riuscendo a portare poco con sè, nulla più degli effetti personali e la grande umiliazione di non poter possedere nulla di proprio, pedissequamente afflitto dall’arroganza dei commissari politici di Regime: ragion di stato esasperata che poco aveva a che fare con la pura ideologia socialista che oggi è una delle anime dell’attuale Europa a 25". Ciò afferma la Dott.ssa Liliya Bilyk presidente del Movimento "Ukraina in Europa" e membro della delegazione ucraina al ’Culture and Cultural Policies for Development’ 5th Ministerial Colloquy, organizzato dal Consiglio d’Europa a Kiev 15-17 settembre, candidata del MIDS alla carica di Consigliere Municipale aggiunto nel primo municipio di Roma: "Oggi, a settanta anni da questi tragici avvenimenti e dopo dodici anni dal ristabilimento progressivo delle libertà con l’avvio della Perestroika gorbacioviana, il nuovo corso politico ucraino voluto dal Viktor Yushchenko dopo la rivoluzione arancione del 2004 e la volontà dell’Ucraina di aderire all’Europa hanno reso maturi i tempi per svelare il dramma "artificiale" del 1933".Roma. Il 9 novembre si è tenuta Presso la John Cabot University di Roma la conferenza "The Ukrainian Holodomor and the denial of Genocides" per commemorare il 75° anniversario della fame artificiale perpetrata in Ucraina nell’inverno 1932-1933 dai comunisti di Stalin a danno dei gulaki ucraini, genocidio che costò la vita a circa 10 milioni di ucraini, ai quali contestualmente fu vietato dalle autorità di Mosca di parlare la lingua nazionale, l’Ucraìno. Presso la Sala del Carroccio, sempre a Roma, il 22 novembre si svolgerà una commemorazione ufficiale della Fame artificiale del 1933 promossa dal Comune di Roma e dall’Ambasciata della Repubblica di Ucraìna, durante la quale saranno proiettate le immagini del genocidio perpetrato dal vicino russo. In Campidoglio, intanto il 5 novembre, si è tenuta la cerimonia della consegna degli ordini di San Giorgio dell’ "Accademia Internazionale della Fortuna d’Oro di Kiev". Presenti tra gli altri il noto poeta e scrittore egiziano Salama El Tawil il quale ha ottenuto, nell’ ottobre 2007, il prestigioso premio internazionale "Il Marilianum" città di Marigliano ed il premio "Nocera Poesia" e l’avv. Massimiliano Auriemma, esperto in diritto societario, lavoro e diritto di famiglia, per la proponente "Ukraina in Europa". I preziosi Ordini numerati ed in puro argento sono stati conferiti a personaggi legati al mondo della politica italiana impegnati nel sociale sia a sostegno di progetti umanitari pro-Chernobyl sia nel processo di integrazione interculturale ed interreligiosa come l’ On.Mirco Coratti e l’On Franca Coen del Comune di Roma, l’On Piera Coscarelli Aloisio del Comune di Viterbo, il clero greco-cattolico nella persona del Padre Porfirio dei monaci di san Basilio all’Aventino, per i media il giornalista Gabriele Ratini direttore del periodico italiano indipendente in lingua ucraina e italiana "Forum".

Source by ROMA-MEETING


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / 75° ann...932-1933