Roma, niente case in affitto per le persone diversamente abili

Martedì
11:00:42
Febbraio
19 2008

Roma, niente case in affitto per le persone diversamente abili

Antonello De Pierro denuncia la discriminazione nei confronti dei disabili

View 135.6K

word 417 read time 2 minutes, 5 Seconds

15/02/2008 - Roma " Come già denunciato diverso tempo fa dal segretario romano dell’ Italia dei Valori Roberto Soldà , è emerso nuovamente l’increscioso problema riguardante la quasi totale impossibilità per le persone diversamente abili di locare un alloggio nella capitale.A Roma sette responsabili di altrettante agenzie immobiliari su dieci hanno negato l’affitto a Mimmo, un ragazzo disabile, pochissimi minuti dopo aver offerto le più svariate soluzioni a un cosiddetto “normalè'; questo è quanto si evince da un’ indagine effettuata da Francesco Palese per la trasmissione televisiva “L’Altra Inchiesta” dell’emittente Retesole, filmato reperibile sul sito web di YouTube ( www.youtube.com/watch?v=Kw5xTOGLA8M ).Lo scorso 5 dicembre Mimmo, al secolo Domenico Vetere, laureando in Scienze politiche all’Università La Sapienza, insieme ai colleghi Mary, Totò e Graziella, organizzò un presidio di fronte Montecitorio, proprio per denunciare il fatto che da diversi mesi lui e gli altri ragazzi, disabili anch’essi, non riuscivano a trovare un alloggio, in quanto a breve avrebbero dovuto abbandonare la Casa dello Studente in via Cesare De Lollis. Fortunatamente tuttora la struttura preposta alle residenze universitarie, sotto precise disposizioni dell’assessore regionale all’Istruzione Silvia Costa, ospita i ragazzi in attesa di un futuro migliore.“Quando ho sentito questa notizia sono saltato sulla sedia " così esordisce Antonello De Pierro, presidente del movimento nazionale dell’ Italia dei Diritti, dopo aver preso atto della vicenda - è veramente inconcepibile, in un momento in cui si parla tanto di abbattimento delle barriere architettoniche, un atteggiamento così indifferente, è davvero assurdo che ci sia un sentimento discriminatorio così accentuato nei confronti dei disabili.

In un paese civile è un fatto aberrante " prosegue De Pierro - oltre all’abbattimento delle barriere architettoniche, il vero lavoro da fare è quello di demolire con la scure dell’impegno culturale e sociale le barriere mentali nei confronti dei portatori di handicap.Di fronte ad episodi di questo tipo sembra che i decenni dall’ olocausto nazista ad oggi non siano mai passati, sembra che la storia non ci abbia insegnato nulla; purtroppo il lavoro da fare è ancora molto, occorrerebbe intervenire anche legislativamente per reprimere atti di questo genere.

Il tessuto sociale italico è costellato da molti episodi di intolleranza nei confronti dei diversamente abili, uno dei tipi di discriminazione più diffusi è quello perpetrato da alcuni uomini che decidono di abbandonare le proprie mogli o compagne al loro destino dopo la nascita di un figlio disabile”.

Source by Italymedia


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Roma, ni...nte abili
from: ladysilvia
by: carabinieri