LEONE MAGNO: PROMOTORE INSTANCABILE PRIMATO ROMANO

Mercoledì
17:21:26
Marzo
05 2008

LEONE MAGNO: PROMOTORE INSTANCABILE PRIMATO ROMANO

View 160.9K

word 660 read time 3 minutes, 18 Seconds

CITTA' DEL VATICANO. San Leone Magno, Papa e Dottore della Chiesa, è stato il protagonista della catechesi di Benedetto XVI per l’Udienza Generale di oggi, tenutasi in due tempi: nella Basilica Vaticana dove il Santo Padre ha incontrato gruppi di studenti italiani e nell’Aula Paolo VI dove ha tenuto la catechesi e salutato le 7.000 persone presenti.

San Leone Magno “come indica l’appellativo attribuitogli dalla tradizione” - ha detto Papa Benedetto - “fu davvero uno dei più grandi Pontefici che abbiano onorato la Sede romana, contribuendo moltissimo a rafforzarne l’autorità e il prestigio. Primo Vescovo di Roma a portare il nome di Leone, (...), è anche il primo Papa di cui ci sia giunta la predicazione, da lui rivolta al popolo che gli si stringeva attorno durante le celebrazioni”.

“E’ spontaneo pensare a lui anche nel contesto delle attuali udienze generali del mercoled씝 - ha affermato Benedetto XVI - “appuntamenti che negli ultimi decenni sono divenuti per il Vescovo di Roma una forma concreta di incontro con i fedeli e con tanti visitatori provenienti da ogni parte del mondo”.

Leone fu consacrato Papa “il 29 settembre del 440” - ha proseguito il Pontefice “Iniziava così il suo pontificato, che durò oltre ventun anni. (...) Quelli in cui visse Papa Leone erano tempi molto difficili: il ripetersi delle invasioni barbariche, il progressivo indebolirsi in Occidente dell’autorità imperiale e una lunga crisi sociale avevano imposto al Vescovo di Roma (...) di assumere un ruolo rilevante anche nelle vicende civili e politiche”.

“Celebre è rimasto un episodio della vita di Leone. Esso risale al 452, quando il Papa a Mantova (...) incontrò Attila, capo degli Unni, e lo dissuase dal proseguire la guerra d’invasione con la quale aveva devastato le regioni nordorientali dell’Italia”. Nel 455, anche se non riuscì a impedire che i Vandali di Genserico invadessero e saccheggiassero la città , Leone riuscì ad impedire che “Roma fosse incendiata e ottenne che dal terribile sacco fossero risparmiate le Basiliche di San Pietro, di San Paolo e di San Giovanni, nelle quali si rifugiò parte della popolazione terrorizzata”.

Nei numerosi sermoni e lettere, Leone Magno “appare in tutta la sua grandezza” - ha ricordato Papa Benedetto - “rivolto al servizio della verità nella carità , attraverso un esercizio assiduo della parola, che lo mostra nello stesso tempo teologo e pastore. (...) Costantemente sollecito dei suoi fedeli e del popolo di Roma, ma anche della comunione tra le diverse Chiese e delle loro necessita, fu sostenitore e promotore instancabile del primato romano”.

Sotto il suo Pontificato si tenne il Concilio di Calcedonia (451) che - ha ricordato il Papa - “fu la più importante assemblea fino ad allora celebrata nella storia della Chiesa. (...) Nel respingere l’eresia di Eutiche, che negava la vera natura umana del Figlio di Dio - affermò l’unione nella unica Persona, senza confusione e senza separazione, delle due nature umana e divina”.

“Risulta con evidenza” - ha spiegato Papa Benedetto XVI - “come il Papa avvertisse con particolare urgenza le responsabilità del Successore di Pietro, il cui ruolo è unico nella Chiesa, perché ’a un solo apostolo è affidato ciò che a tutti gli apostoli è comunicato’. (...) E queste responsabilità il Pontefice seppe esercitare, in Occidente come in Oriente, intervenendo in diverse circostanze con prudenza, fermezza e lucidità attraverso i suoi scritti e mediante i suoi legati. Mostrava in questo modo come l’esercizio del primato romano fosse necessario allora, come lo è oggi, per servire efficacemente la comunione, caratteristica dell’unica Chiesa di Cristo”.

“Consapevole del momento storico in cui viveva e del passaggio che stava avvenendo - in un periodo di profonda crisi - dalla Roma pagana a quella cristiana, Leone Magio seppe essere vicino al popolo e ai fedeli con l’azione pastorale e la predicazione. (...) Legò la liturgia alla vita quotidiana dei cristiani” e in particolare “insegnò ai suoi fedeli (...) che la liturgia cristiana non è il ricordo di avvenimenti passati, ma l’attualizzazione di realtà invisibili che agiscono nella vita di ognuno”.

Source by vaticano


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / LEONE MA...TO ROMANO
from: rockitalia
by: Rockitalia
from: ladysilvia
by: Redazione
from: ladysilvia
by: Claudio_Di_Salvo
26 gen 2010
CARNEVALE ROMANO