Nasce a Palermo il primo ''Punto pizzo-free''

Giovedì
02:07:53
Marzo
06 2008

Nasce a Palermo il primo ''Punto pizzo-free''

Antonello De Pierro, presidente dell’ Italia dei Diritti, commenta la sfida lanciata ai clan dagli imprenditori palermitani.

View 134.2K

word 518 read time 2 minutes, 35 Seconds

Roma " Sabato apre a Palermo il primo supermercato “pizzo-free”, un negozio che vende solo prodotti di commercianti che hanno deciso di ribellarsi pubblicamente alle estorsioni aderendo al comitato “Addiopizzo”, al cui interno è nata la "lista di consumo critico", un elenco pubblico che riporta i 241 nomi di imprenditori e commercianti che si sono opposti al racket delle estorsioni, in modo che la città sappia da chi comprare senza rischiare di foraggiare le organizzazioni criminali.
L’iniziativa nasce dalla volontà di trenta imprenditori e commercianti palermitani di far confluire i loro prodotti "certificati Addiopizzo" in un unico punto vendita, un piccolo grande emporio della legalità , che verrà inaugurato nel cuore di Palermo.
Forte dell’ondata di successi raccolti in questi quattro anni di attività , il cartello degli imprenditori antimafia lancia la sua sfida: combattere la criminalità dal basso, a partire dagli atteggiamenti quotidiani, per arrivare a sconfiggere un sistema radicato. Comprare solo in alcuni negozi e non in altri, è secondo loro uno di questi atteggiamenti.

“È una grande iniziativa che lancia un messaggio molto importante alla città di Palermo che nella lotta contro la mafia ha già pagato un prezzo di sangue elevatissimo”, così Antonello De Pierro, presidente del movimento nazionale dell’ Italia dei Diritti, commenta l’iniziativa degli imprenditori palermitani.
“Finalmente " prosegue De Pierro - sembra che la città tutta si stia risvegliando dal lungo torpore impostole dall’ humus subculturale che ha permesso alle organizzazioni mafiose di proliferare.
Questo è un modo coraggioso ed efficace per far sì che anche altri si rialzino dalle genuflessioni alla mafia e decidano la via di una rivoluzione socio-culturale senza precedenti.
E’ interessante il fatto che vengano pubblicati i nomi dei commercianti che si sono ribellati al pizzo;
il nostro appello ai palermitani è quello di disertare nel modo più assoluto i negozi che fanno capo a chi non compare in questo elenco, in modo da bloccare completamente il fiume di denaro che il racket fa scorrere nelle casse delle organizzazioni criminali”.

Ma è proprio sull’ esigenza di un coinvolgimento più concreto da parte delle istituzioni, che ha insistito il presidente De Pierro : “ I commercianti nonostante il loro grande coraggio non possono fare tutto da soli fino a quando i mafiosi potranno contare su sostanziali infiltrazioni negli apparati dello stato, come si può evincere manifestamente dalle centinaia di migliaia di pagine dei processi per mafia, dove spesso i cosiddetti colletti bianchi, pur riconosciuti colpevoli, sono stati salvati dalla prescrizione. In ogni caso ciò non ha cancellato la solida piattaforma probatoria della loro appartenenza o meglio della loro collusione con le organizzazioni mafiose”.
Parole condivise anche da Roberto Soldà , segretario romano dell’ Italia dei Valori, il quale plaude all’iniziativa palermitana e nella quale ravvede uno spunto di riflessione anche per la realtà capitolina non esente da fenomeni malavitosi analoghi.

“Diceva Leonardo Sciascia " conclude De Pierro - Lo Stato non può processare se stesso, parole sacrosante che fino a quando non verranno svuotate della loro triste verità , la restaurazione del sistema sarà pressochè impossibile”.

Source by italymedia.it


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Nasce a ...o-free''