Trans stuprato e ucciso: Da telecamere del Comune contributo determinante a indagini. 900 “occhi” fondamentali per sicurezza

Mercoledì
18:49:18
Agosto
06 2008

Trans stuprato e ucciso: Da telecamere del Comune contributo determinante a indagini. 900 “occhi” fondamentali per sicurezza

Severità nella condanna e certezza della pena anche per minori che compiono gravi reati contro vita umana

View 132.2K

word 542 read time 2 minutes, 42 Seconds

Severità nella condanna e certezza della pena anche per minori che compiono gravi reati contro vita umana
Milano - "Ancora una volta le telecamere installate dallAmministrazione comunale si rivelano preziose nellambito di indagini e attività investigative. Un contributo che, nel caso di un crimine tanto brutale ed efferato, si dimostra ancor più necessario e importante. Ma soprattutto conferma lutilità di una dotazione tecnologica che, grazie allimpegno del Comune, è arrivata a distribuire in tutta la città ben 900 ‘occhi elettronici”.
Così il vice Sindaco e assessore alla Sicurezza a commento dellarresto dei due giovani per lo stupro e lassassinio di un transessuale brasiliano.
"Lefferatezza del crimine – aggiunge il vice Sindaco – riporta lattenzione sul tema della violenza e dei giovani, in particolare i minori, sempre più spesso coinvolti in episodi di bullismo, delinquenza, criminalità predatoria e, come in questo caso, feroce maltrattamento della vita umana. Non possono esserci sconti per chi dimostra un accanimento tanto brutale contro unaltra persona e ci auguriamo che, anche per il minorenne come per il suo complice, ci sia fermezza e giusta severità nella condanna, ma soprattutto certezza della pena. In attesa che intervengano modifiche legislative per inasprire le pene contro i minori di 14 anni che commettono gravi reati”.I responsabili dell’accaduto sono stati fermati dalla squadra mobile e arrestati. Sono due giovani, Davide Grasso, ventenne nato a Catania e residente a Rozzano, alla periferia di Milano, con alcuni precedenti di polizia, e M. R., il secondo giovane e un diciassettenne marocchino, con precedenti per furto e spaccio di stupefacenti, affidato a una comunità di Don Gino Rigoldi. La vittima invece era Rangel Gustavo Brandau, 30enne transessuale brasiliano, era in Italia come irregolare.La collega: “Ho provato a salvarla“ “Gli ho gridato di lasciarla andare e quando mi sono avvicinata per aiutarla a scappare mi hanno afferrata per i capelli e picchiata e così sono scappata perché avevo paura che se la prendessero anche con me“. Paola, il trans che da due mesi divideva il marciapiede di via Novara a Milano con Samantha, ricorda la sua “collega“. “Se la sono presa con lei perché fisicamente era la più esile tra noi trans: era la vittima più facile e probabilmente lavevano addocchiata quando era da sola, lei iniziava a lavorare presto, intorno a mezzanotte, mentre io iniziavo solitamente più tardi“. Paola spiega che Samantha (nome darte di Gustavo Rangel Brandau) era in Italia da circa tre anni e che sognava in questi giorni di lasciare il marciapiede per poter andare al Festival Latinoamericano in corso a Milano. “Ma aveva bisogno di soldi, voleva tornare in Brasile a salutare la famiglia a portare i soldi per aiutare i genitori che vivono a Bahia e quindi lavorava tutte le sere e le notti“. In base alla denuncia e al racconto dell’altro transessuale, alle riprese delle telecamere installate dal Comune di Milano e a un'impronta rinvenuta nell’auto, la squadra mobile del capoluogo lombardo risale al giovane marocchino. M. R. confessa, indica il complice e aiuta a ritrovare il cadavere, rinvenuto in avanzatissimo stato di decomposizione.
Fonti Varie

Source by Varie


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Trans st...sicurezza