Georgia, quasi 40.000 bambini hanno bisogno di urgente aiuto

Martedì
16:44:13
Agosto
26 2008

Georgia, quasi 40.000 bambini hanno bisogno di urgente aiuto

Aiuti UNICEF arrivati all’aeroporto di Tbilisi ©UNICEF/HQ08-0683/C.Volpe

View 173.1K

word 664 read time 3 minutes, 19 Seconds

New York: l’UNICEF ha espresso la sua preoccupazione riguardo la situazione di quasi 40.000 bambini colpiti dal conflitto in Georgia. l’Agenzia delle Nazioni Unite per l’Infanzia ha lanciato un avvertimento: le condizioni in cui versano i bambini sfollati, sia dal punto di vista psico-sociale che dell’alimentazione, stanno mettendo a rischio il loro benessere.

La rappresentante dell’UNICEF in Georgia, Giovanna Barberis, ha ricordato che i centri di accoglienza in cui ora sono stati accolti i bambini sfollati non sono adatti per viverci. Non soddisfano i minimi standard igienico-sanitari e non sono costruzioni sicure. La maggior parte dei centri sono allestiti in edifici fatiscenti in cui mancano i servizi igienici, i vetri alle finestre, l’acqua corrente e spesso non dispongono di energia elettrica continua.

«I neonati che vivono in questi centri - ha detto Giovanna Barberis - hanno urgentemente bisogno di sostegno nutrizionale, mentre i bambini più grandi necessitano di alimenti ricchi di sostanze nutritive come frutta e verdura. C'è inoltre bisogno di pannolini e altre scorte igieniche, come anche di giochi e materiali ricreativi. Sono stati segnalati casi di pidocchi, varicella e infezioni fungine. Di fatto non ci sono regolari servizi sanitari, accesso ai farmaci o supporto psico-sociale».

Tra i bambini dei centri visitati, il team di valutazione dell’UNICEF ha rilevato la presenza di sintomi chiaramente attribuibili a casi di stress post traumatico, come disturbi del sonno.

La maggior parte dei bambini ha vissuto esperienze emotive molto difficili. Sono assai diffusi insonnia, paure, mal di testa e nevrosi. La Barberis ha ricordato che l’esperienza traumatica vissuta in questo periodo dai più piccoli può avere pesanti effetti negativi di lunga durata.

La risposta dell’UNICEF
l’UNICEF finora ha provveduto a inviare alimenti di base, acqua e attrezzature igieniche, lenzuola e coperte per donne e bambini sfollati.

Riguardo le condizioni psicosociali dei bambini, l’UNICEF allestirà spazi ricreativi a misura di bambino nei centri di accoglienza di Tbilisi e nelle vicinanze. Questi spazi offriranno ai bambini cura e protezione per tornare gradualmente ad una vita normale. Inoltre gli spazi ricreativi a misura di bambino potranno essere utilizzati temporaneamente anche come scuole; nel frattempo l’UNICEF lavorerà affinchè i bambini possano tornare sui banchi di scuola in tempo per l’inizio dell’anno scolastico, a metà settembre.

Insieme ai suoi partner l’UNICEF ha concordato una prima distribuzione di 400 kit di scuola in scatola e 300 kit di attrezzature per acqua e igiene ai centri di accoglienza nell’est della Georgia.

l’UNICEF sostiene inoltre che: “i kit di scuola in scatola saranno utilizzati per facilitare l’accoglienza dei bambini negli spazi ricreativi e per supportare le prime attività di recupero psicosociale con i bambini e gli adolescenti“.

l’UNICEF sta allo stesso tempo allestendo gli aiuti per garantire forniture alimentari per oltre 4.200 bambini sfollati tra i 6 e i 24 mesi di età presso i centri di accoglienza. Nonostante questo, l’UNICEF, insieme alle autorità georgiane, invita le mamme ad allattare esclusivamente al seno i propri neonati, e ha già espresso la propria preoccupazione per la grande quantità di sostituti del latte materno che sono in arrivo come aiuti umanitari nel paese.

l’UNICEF stima che ci siano oltre 128.700 persone sfollate in Georgia, di queste 38.610 sono bambini sotto i 18 anni di età, mentre 5.700 hanno meno di 2 anni.

Per fronteggiare l’emergenza umanitaria, nell’ambito del “Flash Appeal“ congiunto delle Nazioni Unite, l’UNICEF ha lanciato un appello di raccolta fondi per 6,4 milioni di dollari USA per fornire immediata sussistenza ai bambini e alle donne.

Come puoi aiutare

carta di credito donando online o telefonando al Numero Verde UNICEF 800 745 000
cc postale n. 745.000 intestato a Comitato Italiano per l’UNICEF, causale: “Emergenza Georgia“
cc bancario n. 000.000.510051, Banca Popolare Etica, IBAN: IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051, intestato a Comitato Italiano per l’UNICEF, causale: “Emergenza Georgia“
la sede UNICEF della tua città (elenco su www.unicef.it/comitati ).

Source by UNICEF


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Georgia,...nte aiuto
from: ladysilvia
by: Claudio_di_Salvo