I bambini nella guerra e nella Shoah

Sabato
11:50:02
Gennaio
24 2009

I bambini nella guerra e nella Shoah

Presentazione della mostra di pittura di MARTA CZOK

View 135.6K

word 363 read time 1 minute, 48 Seconds

ROMA - La rassegna è stata presentata alla stampa alla presenza dellArtista, questa mattina, presso Palazzo Ferrajoli, Piazza Colonna 355, sede della esposizione in programma dal 25 al 28 gennaio 2009, a ingresso gratuito. In catalogo, saggio critico di Cesare Terracina.


Un percorso drammatico, ma pieno di inedite sensazioni quello tracciato nelle 16 opere della mostra allestita a Roma nel cinquecentesco Palazzo Ferrajoli: in essi Marta Czok «racconta» dei bambini nella guerra e nella Shoah con un occhio assolutamente insolito e unesposizione pittorica fuori dagli schemi tradizionali della denuncia. Cosa poteva pensare un bambino dinanzi alla guerra, allOlocausto?


Da sempre la storia ha parlato di una delle vergogne incancellabili dellumanità come di un dolore vissuto attraverso gli occhi dei grandi. E anche le poche parole dei sopravvissuti erano «adulte». Ma come hanno potuto vivere la tragedia i bambini?


Quali segnali hanno colto i loro occhi, con quali colori hanno dipinto langoscia, quanta luce a disposizione hanno avuto per schiarire unidea. E per trasmetterla anche a chi, giustamente, ha aperto un fronte storico di denuncia, ha documentato con filmati e fotografie sequenze, frammenti di dolore legati in un tormento reso ancor più aberrante dallincomunicabilità. Un fotogramma, per quanto emblematico, non può fermare unemozione, non può dare voce a un travaglio troppo complesso per essere interpretato da un click, metallico come una baionetta. Ecco allora che i colori della memoria, i silenzi del disprezzo, le urla nel gelo della solitudine trovano forma, muovono le labbra dei bambini della Shoah e di tutte le altre guerre grazie al tratto pittorico di straordinaria e incantevole sensibilità di Marta Czok. Nelle tele dellartista non compare la violenza perché essa è sottintesa, la crudeltà non è ostentata per non generare rischio di apologie.


E sui volti di quei bambini non compaiono lacrime, ma segnali di dolore molto più intensi, carichi di stupore, di rabbia incredula, di immensa umanità. Con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Centro di Cultura Ebraica di Roma, del Museo della Shoah, dellUNICEF, dellANED, dellIstituto Polacco di Roma, del Comune di Roma, della Provincia di Roma e della Regione Lazio

Source by Claudio_di_Salvo


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / I bambin...lla Shoah