Quando l’Acciaio Inox NON è Inossidabile

Giovedì
13:40:11
Luglio
02 2009

Quando l’Acciaio Inox NON è Inossidabile

Trattamenti Anticorrosione
Il nome di questo metallo è stato assegnato quando non se ne conoscevano bene le prerogative, in realtà l’acciaio inox può OSSIDARSI, e le cause che possono innescare i fenomeni corrosivi possono essere molteplici

View 172.8K

word 604 read time 3 minutes, 1 Seconds

Il nome di questo metallo è stato assegnato quando non se ne conoscevano bene le prerogative, in realtà l’acciaio inox può OSSIDARSI, e le cause che possono innescare i fenomeni corrosivi possono essere molteplici (approfondimenti al link www.ricercachimica.it ):
Alterazioni termiche come saldatura o taglio laser
Contaminazioni da tracce di ferro (derivate da utilizzo di utensili non dedicati o da lavorazioni promiscue di acciaio inox e ferro)
Superfici non regolari ove è possibile il ristagno di elementi inquinanti
Finiture superficiali che comportano un aumento della rugosità, come ad esempio la satinatura, la fiorettatura o la sabbiatura, che possono causare l’inclusione di elementi inquinanti
Ambienti aggressivi, come per esempio ambienti marini
Sabbiatura eseguita con sabbia non perfettamente pulita o contaminata con materiali ferrosi
molte altre ancora

Per garantire nuovamente l’inossidabilità dell’acciaio inox, si rende INDISPENSABILE un CICLO DI LAVORO composto dai seguenti trattamenti anticorrosione:
1)DECONTAMINAZIONE
2)RIMOZIONE area Decromizzata
3)Ripristino Film di Ossido di Cromo

1) DECONTAMINAZIONE, DISOSSIDAZIONE: consistente nell’eliminazione di tracce di olio, grassi e altri contaminanti dovuti alla lavorazione. La decontaminazione del manufatto è da effettuare:
• prima della saldatura in quanto la presenza di molecole organiche (grasso o olio), costituite essenzialmente da carbonio, possono infragilire la saldatura e compromettere la resistenza alla corrosione.
• prima di ogni altro intervento chimico, in quanto la presenza di questi agenti contaminanti può inibire l’effetto delle fasi successive e produrre macchie sulla superficie trattata.

Con la decontaminazione si eliminano tracce e residui di elementi inquinanti, nonché, la presenza di contaminazioni ferrose. Si può effettuare a spruzzo, a pennello o ad immersione con formulati di nuova generazione esenti da Acido Nitrico o altro prodotto studiato ad hoc per il processo specifico (approfondimenti al link ).


2) RIMOZIONE area Decromizzata: è il trattamento base per eliminare le tracce di ossido dovute ad alterazioni termiche. La RIMOZIONE dell’area DECROMIZZATA ha la funzione di asportare non solo il "nero della saldatura" ma altresì lo strato impoverito di cromo, zona critica per l’attacco corrosivo, dovuto all’alterazione termica stessa. Esso si ottiene generalmente in 30-120 minuti (dipendentemente dalla tipologia della saldatura) e deve essere eseguita su superficie pulita, poiché se trovasse oli di lavorazione o grasso, il suo potere attivo verrebbe inibito. l’operazione deve essere eseguita con nostri composti brevettati, a spruzzo, ad immersione o a pennello che non generano corrosione intergranulare che, a livello microscopico diventerebbe infatti causa di futura corrosione.

l’intervento di Rimozione dell’area Decromizzata deve essere eseguito a seconda della tipologia della saldatura con soluzioni di Nuova Generazione Esenti da ACIDO NITRICO (approfondimenti al link www.ricercachimica.it/decapaggio.html )


3) Ripristino Film di Ossido di Cromo: dopo aver decontaminato e disossidato il manufatto da possibili agenti inquinanti, l’acciaio inox può rimanere senza alcuna protezione, e quindi esposto agli eventuali attacchi aggressivi esterni. È fondamentale ripristinare lo strato di ossido di cromo superficiale che era stato impoverito o inquinato dalle lavorazioni. È un processo indispensabile per poter garantire l’inossidabilità dell’acciaio inox. Per tale processo sono necessarie dalle 2 alle 8 ore. Si può effettuare a spruzzo, a pennello o ad immersione con formulati di nuova generazione Esenti da ACIDO NITRICO
(approfondimenti al link www.ricercachimica.it/passivazione.html ).

Un ulteriore trattamento è rappresentato dalla Elettrolucidatura, ovvero, un processo controllato finalizzato ad incrementare la resistenza alla corrosione cosi' come il livello di asetticità della superficie dell’INOX (nonché, del Titanio, Ottone, Rame). Approfondimenti al link www.ricercachimica...ttrolucidatura.html

Source by Ermanno_Delia


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Quando l...ssidabile