Da lunedì in vigore l’ordinanza che vieta l’alcol ai minori di 16 anni. Moratti: Siamo i primi in Italia

Domenica
19:39:40
Luglio
19 2009

Da lunedì in vigore l’ordinanza che vieta l’alcol ai minori di 16 anni. Moratti: Siamo i primi in Italia

View 133.6K

word 831 read time 4 minutes, 9 Seconds

Milano: Oggi la Giunta ha deliberato la sanzione di 450 euro, che risulta ridotta rispetto ai 500 euro di sanzione prevista dalla legge, se pagata subito; il sequestro cautelare delle bevande e la confisca amministrativa per chi detiene, consuma o a chi cede anche a titolo gratuito, bevande alcoliche di qualunque gradazione ai minori di 16 anni. La sanzione sarà notificata ai genitori dei minori.
“E’ un'ordinanza che abbiamo ritenuto necessaria " dichiara il Sindaco Moratti - Siamo i primi in Italia e speriamo di essere i primi anche nei risultati positivi perché in Italia i giovani minori che devono sono oltre 750mila. A Milano il 34% dei ragazzi di 11 anni hanno già avuto problemi di alcolici. Pensiamo che questa ordinanza vada ad arginare questo fenomeno”.
“Ovviamente non basta quest'ordinanza " prosegue il Sindaco - alle politiche di sicurezza devono essere accompagnate politiche sociali e strutturali. Dare ai ragazzi voglia di costruire il proprio futuro e a realizzare i propri sogni. Questa è la parte più difficile”.
“Occorre aumentare spazi e luoghi " conclude il Sindaco - dove anche guidati da un confronto con gli adulti abbiano l’opportunità di realizzare esperienze e progetti”.
l’ordinanza entrerà in vigore, in via sperimentale per 120 giorni, lunedì prossimo, dopo l’affissione all’Albo Pretorio.

“E’ordinanza - spiega Letizia Moratti - che si aggiunge alle altre già in vigore dal novembre 2008. Questa è per i minori di 16 anni e la particolarità è che interviene sulla vendita, sulla somministrazione, sul consumo, sulla detenzione e sulla cessione anche a titolo gratuito. I ragazzi sono bravi ad aggirare gli ostacoli, siamo intervenuti con un'ordinanza completa."

“La settimana prossima ci saranno servizi mirati e controlli dinamici per verificare l’adempimento dell’ordinanza. Con la nuova disposizione Milano si conferma primo Comune d’Italia ad aver varato un piano organico di contrasto al degrado causato dall’abuso di alcol. Fenomeno che comporta enormi costi di ripulitura in virtù dell’abbandono di grandi quantità di rifiuti. E rischi per la sicurezza per l’uso sconsiderato soprattutto di contenitori di vetro allorchè si scatenano liti e risse soprattutto nei luoghi di maggiore ritrovo dei giovani. Senza dimenticare che nel 2008 l’alcol alla guida di veicoli, motocicli compresi, ha provocato 616 sinistri causando 1093 feriti e 2 morti” - dichiara il vice Sindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato.
“Il nuova provvedimento - prosegue De Corato - si aggiunge all’ordinanza che sanziona il consumo d’alcol allorchè creano condizioni di pericolo. Tanto che da inizio anno sono state 68 le sanzioni da 500 euro inflitte. Nel piano di contrasto all’abuso di alcolici non va dimenticato il giro di vite nei confronti degli autonegozi. In un incontro avvenuto in Prefettura è emerso che una parte dei problemi è causata dalla presenza di venditori ambulanti di bevande alcoliche che non rispettano gli orari di vendita e violano diverse disposizioni.”

“E’ un provvedimento importante perché coglie anche il significato di prevenzione e vuole contribuire a contrastare l’uso e l’abuso di alcol che mina la salute dei nostri ragazzi " dichiara l’assessore alla Salute Giampaolo Landi di Chiavenna " non è un provvedimento vessatorio ma una misura che mira a responsabilizzare le famiglie e i giovani”.
L’ordinanza, firmata dal Sindaco Moratti, vieta la somministrazione, la detenzione, il consumo e la cessione anche a titolo gratuito, di bevande alcoliche di qualunque gradazione ai minori di 16 anni.
I divieti si estendono anche alla vendita e/o somministrazione di bevande alcoliche, in zone accessibili ai minorenni, a mezzo di distributori automatici che non siano dotati di sistema di lettura automatica di documenti con i dati anagrafici dell’utilizzatore o, in alternativa, qualora non sia presente sul posto, in maniera continuativa, apposito personale che possa effettuare controlli mirati.

Milano è la prima città italiana a sanzionare il consumo e la detenzione. Finora si era arrivati a multare solo la somministrazione e, come nel caso del Comune di Monza, la vendita di alcolici ai minori di 16 anni. Un passo avanti soprattutto nella tutela della salute dei più giovani e aumentare la loro consapevolezza della pericolosità spesso sottovalutata dell’abuso di alcol.

Questo provvedimento rafforza l’ordinanza già in atto dal 4 novembre 2008 nei luoghi di aggregazione della città che pone il divieto di consumare e detenere bevande alcoliche in contenitori di vetro o di latta in luoghi pubblici o aperti al pubblico del Comune di Milano, a tutela della qualità di vita soprattutto nei luoghi dell’aggregazione giovanile, dove il consumo indiscriminato di bevande alcoliche si traduce spesso in comportamenti poco civili e rispettosi del decoro urbano. L’ordinanza agisce da deterrente anche nei confronti dei reati contro il patrimonio pubblico spesso associati al consumo di alcol purtroppo anche da parte di minori.

L’attività di controllo verrà affidata congiuntamente alle Forze dell’Ordine, Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e alla Polizia Locale, nell’ottica di una collaborazione che ha già consentito di migliorare la capacità di intervento e di monitoraggio del territorio.

Source by Comune_di_Milano


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Da luned...in Italia
from: ladysilvia
by: Greenpeace