IRAQ: DUE SOLDATI USA UCCISI IN AGGUATO A KIRKUK

Lunedì
07:18:04
Ottobre
20 2003

IRAQ: DUE SOLDATI USA UCCISI IN AGGUATO A KIRKUK

View 134.2K

word 546 read time 2 minutes, 43 Seconds

ROMA - Si allunga l’ elenco di vittime americane - ormai 338 - in Iraq, dove le forze armate statunitensi sono state nuovamente bersaglio di imboscate. Tutto questo mentre il Pentagono, riferisce il Washington Post, elabora un piano per la riduzione progressiva - nell’ arco di tre anni - della presenza dei soldati americani in Iraq. E mentre, poi, il New York Times svela l’esistenza di un rapporto che, con parecchio anticipo sui tempi, aveva anticipato i problemi che gli americani e le altre forze militari della coalizione avrebbero dovuto fronteggiare in Iraq.

Ancora una volta per portare i loro attacchi ai militari della coalizione è stata scelta la zona di Kirkuk, la citta' petrolifera nel nord del Paese. Due i militari morti - un terzo è stato ferito - a causa di un attacco compiuto contro un convoglio americano utilizzando armi anticarro e leggere. I soldati morti appartenevano, come quello ferito, alla quarta divisione di fanteria, dispiegata a Kirkuk.

A Falluja, una delle localita' del 'triangolo sunnita', un altro convoglio americano, adibito al trasporto di munizioni, è caduto in un' imboscata di guerriglieri. Nel corso dell’ attacco - che ha visto la reazione dei soldati americani - agenti della polizia irachena hanno posto in stato di fermo un fotografo dell’ Afp e un cameraman della Reuters che stavano riprendendo le fasi dell’ imboscata. In un altro attacco, sempre a Falluja, la reazione dei soldati americani agli assalitori ha lasciato sul terreno un iracheno ucciso. È accaduto quando le truppe americane hanno cercato di rimorchiare uno dei carri oggetto della prima imboscata.
Il bilancio della giornata deve registrare altre vittime di guerra. Nella regione di Baaquba, a nord ovest di Baghdad, due iracheni sono morti e almeno altri 15 sono rimasti feriti nell’ esplosione di un ordigno che alcuni poliziotti cercavano di disinnescare. l’incidente è avvenuto a Dali Abbas, un villaggio situato a circa 60 km a nord di Baaquba. Quando gli agenti hanno scoperto l’ordigno hanno tentato di neutralizzarlo mentre intorno a loro si andava riunendo una piccola folla, che è stata investita dall’ esplosione accidentale.

Baaquba è una delle localita' comprese nel cosiddetto 'triangolo sunnita', dove è forte la resistenza contro le truppe d'occupazione americane. Che, stando alle prime indiscrezioni che filtrano dal Pentagono, dovrebbero ridimensionare nei prossimi mesi, la loro presenza, passando dalle attuali 130 mila unita' alle 50 mila che vi sarebbero dispiegate nel 2005. Secondo il Washington Post, il piano (che non ha ancora il ''luce verdè' da parte del ministro della Difesa, Donald Rumsfeld) prevede il progressivo passaggio dei compiti oggi svolti dagli americani a forze irachene o, eventualmente, a militari di altre Nazioni. Per il WP, il piano dovrebbe portare a due risultati: il primo, quello di restituire fiducia ai militari in Iraq fissando nuove quote per la loro presenza nell’ immediato futuro parametri per una scadenza; il secondo, sganciare unita' oggi impiegate nel Paese meio-orientale per renderle disponibili al dispiegamento in altre aree di crisi nel mondo. Secondo il Times, lo studio del Dipartimento di Stato aveva previsto molti dei problemi che si stanno registrando in Iraq. Lo studio, dice il Times, avrebbe previsto con esattezza tutto: saccheggi, attentati ai sistemi idrici ed elettrici e, quindi, difficolta' per il loro ripristino; infiltrazione di gruppi terroristici; passivita' della popolazione irachena.

Source by ANSA


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / IRAQ: D... A KIRKUK
from: ladysilvia
by: ANSA