NEL BIANCO - Fiction in onda su Mediaset

Martedì
14:36:53
Gennaio
05 2010

NEL BIANCO - Fiction in onda su Mediaset

View 171.2K

word 1.2K read time 6 minutes, 9 Seconds

ROMA - Nel Bianco è l’incredibile bestseller firmato Ken Follett, oggi diventato fiction in due puntate per Canale 5 in onda martedì 5 e giovedì 7 gennaio alle ore 21.10 in prima TV assoluta. Whiteout (Nel bianco in italiano) è stato pubblicato per la prima volta nel 2005 ed ha ottenuto un successo strepitoso in tutto il mondo: basta pensare al fatto che è entrato nella lista bestseller del New York Times al posto numero 9, ha scalato la classifica ed è rimasto in vetta per sei settimane.
È la vigilia di Natale e negli uffici della casa farmaceutica scozzese Oxenford i dipendenti e gli scienziati si scambiano regali e auguri. La bella Toni Gallo (Isabella Ferrari), ex poliziotto, scrupolosa e attenta responsabile della sicurezza degli impianti, ordina un'ultima verifica delle scorte: nei laboratori dell’istituto, virus e antivirus vengono coltivati e testati in gran sicurezza. Se una sola provetta del virus Madoba, evoluzione del già temibile Ebola, cadesse nelle mani sbagliate, potrebbe verificarsi una strage di enormi proporzioni.
Il proprietario della Oxenford, Stanley (Heiner Lauterbach), ripone grande fiducia in Toni, oltre a subire un'attrazione che tuttavia stenta a sbocciare. Stanley è vedovo ed è troppo legato alla sua grande famiglia, figli e nipoti, mentre Toni, separata, ha un forte orgoglio professionale che le impedisce di scoprire troppo i sentimenti verso il suo capo.
Ma nel giro di ventiquattrore le cose cambieranno radicalmente. Un furto violento e più grave del previsto sconvolge la Oxenford: una fiala di virus Madoba viene trafugata mentre nella notte infuria una tempesta di neve che blocca ogni via di comunicazione. La notte di Natale si trasforma in un incubo bianco: i criminali, sorpresi dalla tormenta, si rifugiano proprio nella abitazione di Stanley e tengono sotto scacco l’intera famiglia. l’unica speranza di salvezza è Toni Gallo che, senza alcun mezzo a disposizione, deve trovare i criminali e recuperare il virus prima che accada l’irreparabile.
Una notte lunga, fredda e violenta attende i protagonisti di questa vicenda, una notte in cui, attraverso capovolgimenti psicologici e sorprese emotive, si arriva alla soluzione finale

Nel primo episodio, in un laboratorio biologico scozzese viene sottratto una provetta contenente un virus simile a quello di Ebola. Nel furto è implicato Kit, il figlio del proprietario dell’istituto Stanley, oberato da forti debiti di gioco con il capobanda. Sulle tracce dei delinquenti c’è l’ex poliziotta Toni Gallo, responsabile della sicurezza dell’istituto innamorata di Stanley. Il gruppo di criminali, bloccato durante la fuga da una tempesta di neve, si rifugia nella casa del padre di Kit, dove tutta la famiglia è riunita, tra litigi e recriminazioni, per festeggiare il Natale.

INTERVISTA A ISABELLA FERRARI (TONI GALLO)

Qual’è per te l’aspetto più interessante del ruolo di Toni Gallo?
Sicuramente le caratteristiche di un personaggio di Ken Follet. Tony è una donna ostinata che non si arrende mai. Le difficoltà che deve affrontare mettono subito in luce la sua autorevolezza e la sua intelligenza. Eppure ciò che la rende unica sono la sua sensibilità , e il suo modo di amare così femminile.

Avevi letto il libro prima di iniziare le riprese?
Non avevo mai letto Ken Follet, pur conoscendo la sua fama. Quando ho letto “Nel Bianco“ sono rimasta incatenata dal primo capitolo. La sua tensione narrativa non ti abbandona mai. Tutti i personaggi sono in continuo movimento, e la loro verità si modifica di pagina in pagina. Dopo, solo dopo, ho scoperto che l’autore è un amante di Shakespeare.

Come hai vissuto la visita di Ken Follett sul set?
Quel giorno non ero sul set...Meglio. Quando giro le presenza sul set mi distraggono molto, figuriamoci con KEN FOLLETT!
Abbiamo cenato però insieme in un noto ristorante di Berlino. Abbiamo riso molto, non abbiamo per niente parlato di Tony Gallo e del film, ma di politica italiana, di figli, ma soprattutto della sua band musicale.

Hai fatto parte di una coproduzione internazionale con attori provenienti da diversi paesi: è stato difficile?
Recitare in due lingue è stata chiaramente una sfida per me... Mi divertono le sfide. Fanno parte della mia professione.

Com'è stato lavorare con la neve artificiale?
La cosa più divertente di tutta la lavorazione. Gli occhi non sono più puntati su di te ma tutto ruota intorno alla neve. Se c’è abbastanza vento, o se c’è poco vento: E così ti senti finalmente libero.

Lo scenario terroristico del film (e del romanzo) è realistico secondo te?
c’è un forte legame con la realtà , se pur il racconto rasenta la fantascienza. Purtroppo è la realtà che è arrivata al limite della fantascienza. Il mondo e la sua natura ci appaiono in tutta la sua fragilità e l’uomo in tutta la sua incoerente tensione all’autodistruzione.

Intervista con Ken Follett
Qual’è stata l’idea iniziale che l’ha portata a scrivere 'Nel Bianco?'
KF: Due cose: da un lato volevo scrivere una storia di tipo classico, su un Gruppo di persone in una casa isolate che vengono presi in ostaggio da sconosciuti. Dall’altro alto volevo anche scrivere una storia su un tema moderno come quello dei virus letali. 'Nel Bianco' combina le due cose.

Ritiene che lo scenario del bio terrorismo descritto nel libro sia realistico
KF: Moltissimo, potrebbe accadere con estrema facilità . Come racconto nel romanzo, ci sono elevate misure di sicurezza che proteggono i laboratori, ma potrebbero sempre essere aggirate.

Il set le è sembrato 'realistico' rispetto a quello che aveva immaginato? Com'è stato incontrare i suoi personaggi in carne ed ossa?
KF: Il set è stato ricostruito perfettamente: sembrava di essere dentro una vera casa scozzese, invece che nei dintorni di Berlino. Anche gli interpreti, benchè non fossero fisicamente uguali ai personaggi che avevo immaginato, erano perfetti.

Come si sente un autore a vedere il suo romanzo sullo schermo?
KF: l’autore è sempre preso da due sentimenti contrastanti: da un lato è in ansia perché teme che la sua storia venga stravolta e teme che possano essere commessi degli errori nella trasposizione da letteratura ad immagine. D'altra parte, è molto eccitante vedere i propri personaggi prendere vita.

Non teme che il pubblico preferisca vedere un film piuttosto che leggere un romanzo da 500 - 1000 pagine?
KF: In pratica, il pubblico fa entrambe le cose. Se hanno amato il libro vedranno il film, se gli è piaciuto il film compreranno il libro.

Che cosa, secondo lei, fa la differenza tra leggere un libro e vedere un film tratto da quel libro? È coinvolgente allo stesso modo?
KF: Naturalmente io preferisco I libri! E la differenza, per me, è la stessa che c’è tra guardare una partita di calcio e giocarla

«Isabella Ferrari ha recitato benissimo la sua parte». Ken Follett non ha dubbi: l’attrice italiana è perfetta nel ruolo dell’ex poliziotta Toni Gallo, protagonista della miniserie Nel bianco. Lo scrittore inglese, autore del romanzo da cui è tratta la fiction, ne ha parlato in un'intervista al Corriere della sera. «A dire la verità - ha detto - non ricordo come immaginassi Toni Gallo, perché ora immagino solo la Ferrari: una donna bellissima, forte e atletica, molto energica».

Una promozione a pieni voti per l’attrice, che del resto ha amato molto il romanzo di Ken Follett: «Quando ho letto Nel Bianco sono rimasta incatenata dal primo capitolo - ha raccontato a mediaset.it -. La sua tensione narrativa non ti abbandona mai. Tutti i personaggi sono in continuo movimento, e la loro verità si modifica di pagina in pagina. Dopo, solo dopo, ho scoperto che l’autore è un amante di Shakespeare»

Source by Claudio_Di_Salvo


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / NEL BIAN... Mediaset