È davvero tutta colpa nostra?

Giovedì
07:10:07
Novembre
06 2003

È davvero tutta colpa nostra?

View 133.0K

word 353 read time 1 minute, 45 Seconds

«Il costo a lungo termine di iniziative del genere potrebbe essere enorme», spiega Andrei Illarionov, consulente del presidente russo Vladimir Putin che non a caso si è prontamente rimangiato la promessa di ratifica del Protocollo di Kyoto.

l’accordo, che ha rappresentato il primo passo verso la riduzione delle emissioni di anidride carbonica ad opera dei combustibili fossili - accusati di soffocare il pianeta e causare un eccessivo innalzamento delle temperature - rischia di naufragare senza l’approvazione dei russi, tanto più che gli Stati Uniti hanno ritirato la loro adesione già nel 2001.

«Faremmo meglio a investire i nostri soldi in attività di promozione dello sviluppo economico, in iniziative volte a eliminare le sacche di miseria, in sussidi ai paesi del Terzo Mondo», ha dichiarato Illarionov nel corso di una conferenza sul clima che si è svolta a Mosca all’inizio di ottobre, giustificando la sua posizione proprio riferendosi al picco massimo di 18 miliardi di miliardi di dollari delle stime dell’Ipcc per il 2100.

Al di là del protocollo di Kyoto, valido solo fino al 2012, gli esperti di clima sottolineano come una spesa così ingente sia poi del tutto vincolata a interpretazioni un po’ arbitrarie del termine "pericoloso". La Framework Convention on Climate Change delle Nazioni Unite del 1992, ratificata anche dall’America, sosteneva di mirare alla «stabilizzazione delle concentrazioni di gas serra nell’atmosfera, al fine di impedire pericolose interferenze delle attività umane sul sistema climatico». Un'ondata di caldo, in Europa, quest'estate ha mietuto circa 15 mila vittime solo in Francia. Un fenomeno analogo, in India, ha ucciso 1300 persone. A maggio negli Stati Uniti ci sono stati 562 tornadi: un record storico. Quali di queste catastrofi devono essere considerate "pericolose" e quali di esse sono da attribuire a responsabilità umane?

Se davvero è tutta colpa dell’uomo, dovremo per forza di cose ridurre drasticamente l’uso di combustibili fossili, che al momento sono invece l’asse portante dell’economia mondiale, dalle centrali elettriche a carbone, agli impianti siderurgici, alle macchine che ogni giorno guidiamo. Secondo il presidente dell’Ipcc, Rajendra Pachauri, il concetto di "pericolo" è in gran parte arbitrario.

Sta ai singoli governi definirlo.

Source by BOILER_ENEL


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / È davve...a nostra?