Trasformer, ecco come i rifiuti fanno scuola

Sabato
00:12:39
Maggio
29 2010

Trasformer, ecco come i rifiuti fanno scuola

A Terra Futura i risultati della campagna di sensibilizzazione ai ragazzi delle medie L’assessore Bramerini premia le 7 classi vincitrici del concorso video

View 134.3K

word 552 read time 2 minutes, 45 Seconds

Firenze: Due minuti due per raccontare cosa di buono si può fare dai rifiuti. Per esempio energia, oppure materiale riciclato. Tanto il tempo a disposizione dei giovanissimi studenti delle suole medie di tutta la Toscana che hanno partecipato al concorso di video-spot legato al progetto "Trasformer – l’energia che viene dai rifiuti” promosso dalla Regione Toscana.

Sette i video che hanno vinto su 90 che hanno partecipato e che sono stati premiati oggi dall’assessore regionale all’ambiente Anna Rita Bramerini nell’ambito di Terra futura.

Tutto è iniziato con una campagna di sensibilizzazione sul tema rifiuti lanciata dalla Regione in collaborazione con Giunti, Ellesse, Revet e Sienamb iente alla fine della quale i giovanissimi film-maker hanno messo in piedi cortometraggi di due minuti con messaggi spot sulle tematiche del riciclo e dello smaltimento dei rifiuti. Come? Grazie alla formazione e all’informazione a cui si è aggiunta poi la fantasia che è riuscita a far nascere prodotti in certi casi "fulminanti”. Come uno dei tre video vincitori del primo premio, realizzato dagli studenti della seconda media della scuola Pirandello di Lari (Pi): 120 secondi netti dove vedi una campana raccoglirifiuti un po’ magica in cui inserisci una bottiglia di plastica vuota, giri una manopola, e ne estrai una T-shirt nuova... di riciclo. Il tutto a tempo dell’intramontabile "Gioca jouer”. Risultato: un perfetto messaggio pro raccolta differenziata e pro riciclo degno dei grandi comunicatori.

Insieme ai ragazzi di Lari, il primo premio è andato alla IB della scuola media John Le nnon di Sinalunga (Si) e alla I D della scuola media Martiri! di Civi tella di Civitella Badia al Pino (Ar). Seconde classificate, la IID della scuola media A.Di Colombo di Casole d’Elsa (Si), la IB della scuola media Giacomo Puccini di Piano di Conca (Lu) e la IIIB della scuola media di Loro Ciuffenna (Ar). Menzione speciale è andata alla IIIC della scuola media Primo Levi dell’Impruneta (Fi).

“I giovani sono lanello più importante di una catena che ci vede tutti coinvolti nello sforzo ottenere risultati evidenti nella politica ambientale – ha detto lassessore Bramerini - Per questo abbiamo dedicato loro questa campagna e questo concorso, due segni dellimpegno della Regione nellattuare una politica ambientale integrata, cioè capace di coinvolgere e legare tra loro i vari aspetti della vita: rifiuti, energia, trasporti, vita delle famiglie e molto altro. Il cammino è ancora lungo ma se collaboriamo tutti e ci assumiamo le no stre responsabilità riusciamo a centrare i nostri obiettivi”.

La campagna di sensibilizzazione si è rivolta a 379 scuole di tutta la Toscana, ovvero a 4014 classi. In totale 87.235 alunni hanno capito cosa sono i rifiuti e cosa succede in Toscana, come è importante la raccolta differenziata e cosa significa il sistema integrato che la segue, cioè la decisione di usarli per riciclo o mandarli in un termovalorizzatore o in discarica. Tutto questo lo ha spiegato un libretto che, con un linguaggio originale e divertente, ha fatto scivolare i ragazzi dentro largomento grazie alla gradevolezza delle illustrazioni e del linguaggio e allutilizzo di quiz. Il percorso è stato completato dalle visite guidate a un impianto di termovalorizzazione e a uno di selezione e trattamento dei rifiuti.

di Chiara Bini

Source by Toscana_Notizie


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Trasform...no scuola