10 clandestini in due appartamenti occupati abusivamente

Lunedì
12:10:12
Maggio
31 2010

10 clandestini in due appartamenti occupati abusivamente

Via Padova, De Corato: “Dopo incendio di domenica scorsa, Polizia Locale torna in via Clitumno 11 e trova 10 clandestini in due appartamenti occupati abusivamente”

View 133.9K

word 527 read time 2 minutes, 38 Seconds

Milano: “Ancora controlli in via Clitumno 11. Dopo l’incendio che domenica scorsa ha distrutto un alloggio al quinto piano, la Polizia Locale è tornata nello stabile per controllare altri due appartamenti occupati abusivamente. Dieci gli abusivi denunciati, tutti clandestini e di nazionalità marocchina, ad eccezione di un senegalese. Uno dei due alloggi era stato posto sotto sequestro lo scorso ottobre su disposizione del magistrato, dopo aver scoperto un’attività di sfruttamento della prostituzione. Per questo motivo i 4 marocchini trovati all’interno sono stati denunciati anche per violazione dei sigilli, oltre che per occupazione. La ragazza è stata portata in una comunità protetta dopo aver denunciato molestie da parte di uno dei marocchini con cui abitava”.

Lo comunica il vice Sindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato.

“Ecco l’efficacia dell’ordinanza di via Padova " commenta De Corato ". Gli amministratori segnalano le situazioni sospette e a rischio e la Polizia Locale interviene. Una collaborazione proficua che ha già visto una settantina di segnalazioni con diversi casi scoperti di appartamenti-dormitorio o in gravi condizioni igienico-sanitarie. Ricordo che solo una decina di giorni fa in via Padova la Polizia locale era intervenuta in due dormitori, uno dei quali a rischio esplosione per esalazioni di gas. E poco più di un mese fa, sempre in via Padova, i vigili avevano salvato da avvelenamento da monossido 5 persone che vivevano in un appartamento di uno stabile di ringhiera”.

“In via Clitumno 11 " aggiunge De Corato " l’attenzione della Polizia Locale è sempre rimasta alta. Dal 13 agosto scorso, data in cui ci fu il primo imponente blitz contro abusivi e clandestini, le verifiche negli alloggi e nelle parti comuni sono state costanti. Ottantasei gli appartamenti controllati e circa 280 persone identificate. In particolare, oltre 50 persone sono state denunciate e 10 arrestate per clandestinità , altre 16 denunciate per vari reati e 12 i proprietari denunciati per affitto a irregolari. Il fatto che i clandestini abbiano violato i sigilli posti dal magistrato è la dimostrazione che non bisogna abbassare la guardia. E non lo faremo. Di certo aiuterebbe un segnale più deciso anche da parte della magistratura visto che dopo circa 30 richieste di sequestro di appartamenti inoltrate dai vigili all’autorità giudiziaria, siamo ancora in attesa di riscontro”.

La Polizia Locale della zona 2 è intervenuta anche in via Ponte Nuovo, al civico 26, su segnalazione dell’amministratore di condominio per subaffitto e sovraffollamento. All’interno di un alloggio di circa 40 metri quadri erano stati sistemati 7 posti letto. I 3 cingalesi regolari trovati all’interno hanno dichiarato di pagare ’in nero’ un affitto di 100/150 euro al mese al proprietario, su cui sono in corso indagini. I tecnici di Asl e A2A, presenti al sopralluogo, hanno dichiarato l’alloggio a rischio esplosione e i residenti in imminente pericolo di vita: la caldaia a gas infatti aveva una perdita interna e il filtro completamente otturato, per cui in 10/15 giorni la cucina (dove tra l’altro erano stati sistemati due letti) si sarebbe saturata di monossido di carbonio. Provocando un’esplosione o il soffocamento degli occupanti.

Riccardo De Corato - Vice Sindaco

Source by Riccardo_De_Corato


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / 10 cland...sivamente