Israele processa gli attivisti, mentre l’Onu chiede un inchiesta

Martedì
19:49:42
Giugno
01 2010

Israele processa gli attivisti, mentre l’Onu chiede un inchiesta

View 167.9K

word 422 read time 2 minutes, 6 Seconds

di Alfredo d’Ecclesia

Dopo dieci ore di negoziati a porte chiuse, l’ambasciatore messicano Claude Heller Presidente del consiglio di sicurezza ha letto la dichiarazione elaborata dal consiglio dove si chiede l’immediato rilascio delle navi e dei civili detenuti in Israele l’Onu ?è profondamente rammaricato per la perdita di vite e per le ferite derivate dall’uso della forza durante l’operazione militare israeliana in acque internazionali contro il convoglio che navigava verso Gaza“. Si parla poi di un “indagine sollecita, imparziale, credibile e trasparente, conforme agli standard internazionali“. “Il Consiglio, in questo contesto, condanna quegli atti che hanno portato alla perdita di almeno 10 (sic) civili e al ferimento di molti“, aggiunge il testo.

La parola atti ha sostituito atto che voleva mettere la Turchia, in quanto atto implicava la responsabilità sola ed esclusiva di Israele mentre con atti si estendeva la responsabilità agli attivisti.

Nel frattempo centinaia di attivisti, sono detenuti in Israele, altre centinaia sono stati espulsi.
Mentre i diplomatici israeliani cercano di limitare i danni, la Marina israeliana si è detta pronta a bloccare qualsiasi tentativo da parte di altre navi di forzare il blocco.

Le persone arrestate, tra cui sei italiani, non possono comunicare con nessuno, ma dagli attivisti espulsi sono trapelati i primi racconti :“Non abbiamo affatto resistito, non avremmo potuto anche se avessimo voluto. Cosa avremmo potuto fare contro i commandos che si lanciavano all’arrembaggio?“, ha detto Mihalis Grigoroupolos, un attivista che si trovava a bordo di un’imbarcazione dietro la Mavi Marmara, la nave dove sono avvenute le violenze.
“L’unica cosa che alcune persone hanno cercato di fare è stata di rallentarli mentre conquistavano il ponte, formando uno scudo umano. hanno sparato con pallottole di plastica, e sono stati colpiti con pistole elettriche“, ha detto Grigoroupolos a Tv Net all’aeroporto di Atene.

La Turchia ha definito l’operazione israeliana “terrorismo di stato“ ed Erdogan ha detto che Israele dovrebbe essere punito per il suo comportamento.

Quasi 700 attivisti sono trattenuti ad Ashod dove le navi sono state scortate, tra di loro la maggior parte sono cittadini turchi, ma ci sono anche americani, europei, israeliani, palestinesi.

Una cinquantina di attivisti sono rientrati, una trentina sono ricoverati in ospedale e 629 hanno rifiutato il rimpatrio e sono detenuti, in attesa delle valutazioni israeliane . Per i detenuti è stato chiesto l’immediato rilascio, considerando che sono stati accusati di ingresso illegale in Israele, accusa definita ridicola dagli attivisti, in quanto le navi sono state abbordate in acque internazionali.

Source by Alfredo_d_Ecclesia


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Israele ...inchiesta