Vendola e Zaia si incontrano a Vicenza

Martedì
20:21:27
Giugno
15 2010

Vendola e Zaia si incontrano a Vicenza

View 135.1K

word 710 read time 3 minutes, 33 Seconds

Vicenza: di Alfredo d’Ecclesia - "Sono qui con lo spirito di San Francesco, partito per andare a trovare il feroce Saladino”così si è presentato Nichi Vendola all’assemblea provinciale degli industriali a Vicenza incontrando il suo collega del Veneto Luca Zaia "Io combatto la lega-ha detto Vendola- ma non demonizzo e rispetto le persone, e con Luca Zaia questo è facile”.

Ario Gervasutti, direttore del Giornale di Vicenza, intervistatore dei due governatori, comincia subito ad aprire le danze con una battuta sul fatto del giorno”Non abbiamo la Canzone del Piave da suonare... ”. dice: ”Io sono preparatissimo”. Mentre Vendola replica dicendo: ”Io non ricordo neanche lInternazionale”Per Emma Marcegaglia”Vendola è il miglior governatore del Mezzogiorno, la Puglia è una regione ben gestita, ma Vendola purtroppo non è tutti i governatori del Sud”.

Il governatore del Veneto Luca Zaia ha ricordato più volte a Vendola e alla platea: ”Quando la Calabria ha una sanità che produce un deficit di 1, 5 miliardi di euro e la Regione ci dice che non ha neanche i bilanci per documentare il “buco“, cosa devono fare i bravi veneti, mettersi sempre a disposizione per turare la falla? Almeno fossero bravi a curare gli ammalati, invece i calabresi che possono vengono a curarsi al Nord. Ne usciamo soltanto con il federalismo fiscale, che è prima di tutto assunzione di responsabilità”. Vendola dichiara subito: ”Accetto la sfida del federalismo, anzi, vi dico io per primo che un certo “sudismo“ è una vera malattia. Però, poi, arriva una manovra come quella di Tremonti, che riduce i presidenti di Regione al rango di meri curatori fallimentari dei loro bilanci e di gestori delle Usl. A noi presidenti il governo dà la pistola per sparare in fronte ai servizi sociali, al trasporto pubblico locale, alle politiche di incentivazione ... Al netto della sanità, io ho 1 miliardo di euro da spendere. Pagati gli stipendi dei dipendenti, mi restano 400 milioni in tutto e il governo me ne taglia 375. Come devo fare?”.

A questo punto Zaia difende Tremonti ma non nega la realtà: "Io sto con i veneti e sottoscrivo la rivendicazione delle Regioni italiane - sottolinea Zaia -ma questo è un momento generale molto particolare. Paesi come la Francia e la Germania stanno adottando manovre anche più pesanti della nostra: ragioniamo pure sul come applicarla, ma i saldi finali devono restare quelli. Non faccio lavvocato difensore del governo però la manovra si doveva fare e non è nemmeno scontato che sia lultima. Detto questo, non cè dubbio che le Regioni sono quelle che oggi pagano di più... Cè unItalia a due velocità e lo dice per primo il capo dello Stato che il federalismo è la soluzione anche per questo. I cittadini si riapproprino delle istituzioni ed eleggano amministratori degni di questo nome, in giro cè gente da galera, altro che”. Vendola subito gli risponde: "Il federalismo diventa una bega da cortile se non si decide che cosa vuolessere lItalia: un insieme di signorie feudali, con i loro riti più o meno folclorici, oppure un Paese?”.

Arriva poi puntuale la domanda se tiferanno per gli azzurri, Zaia risponde così: ”Certo, tiferò per lItalia, ma se la nostra nazionale dovesse essere eliminata terrò al Brasile: lì è nato mio nonno ". Vendola, rivolto alla platea dice: "Per amore vostro, anziché guardarla alla tivù ascolterò la partita alla radio, in macchina, tornando a casa”.

Per Nichi Vendola l’incontro è stato un successo ha incassato tutta una serie di attestati di stima a Vicenza e prima dell’incontro vicentino ha incassato gli elogi di Bill Emmot ex Direttore dell’Economist dove parlando della crisi della sinistra europea ha paragonato Vendola a Obama e dice: ”“una rinfrescante combinazione di vecchi valori e capitalismo... è un mobilizzatore in stile Obama delle masse pugliesi, con loratoria e il carisma per creare sogni, e sta anche costruendo un movimento nazionale. Come governatore, egli ha almeno in parte accettato che il problema dellItalia meridionale è stato troppo stato e troppo poco mercato (il cosiddetto “Breznevismo“, chiamato così da Vendola stesso) e ha spostato il proprio interventismo verso le infrastrutture locali, verso la concessione di borse di studio a 10. 000 studenti, per consentire loro di studiare fuori dalla regione, e verso lambientalismo“.

Ed Emmott conclude dicendo che se fosse di sinistra adotterebbe la stessa ricetta .

Source by Alfredo_d_Ecclesia


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Vendola ...a Vicenza