In principio fu....la “Setta dei bevitori estinti“

Giovedì
15:00:58
Gennaio
06 2011

In principio fu....la “Setta dei bevitori estinti“

View 168.7K

word 639 read time 3 minutes, 11 Seconds

Quale viaggio mi attende,fra lande sconosciute d’Enotria, che ogni profumo,colore,sapore di ogni singolo nettare saprà evocare?
Costruirò attorno ad ogni bottiglia di vino un evento,per poterle degustare al meglio.Coinvolgerò anche i miei compagni di cordata,gli amici-appassionati-degustatori con cui condivido tutte le esperienze d’assaggio che costituiscono una novità,così da custodire un resoconto più corale delle sensazioni provate.
Ma soprattutto,mi preme puntualizzarlo,è l’incontro fra anime della stessa natura che scatena certe dinamiche e che è all’origine delle parole e dei fatti intercorsi fra noi.
L’amicizia scaturisce spontanea...senza sforzo...solo per contiguità....
Io....viandante enologico ancora in cammino...combattuto fra le sirene della modernità dei vini-frutto,imponenti e costruiti,e il fascino della classicità nella sua apollìnea perfezione e ardua comprensione....accolto con benignità in ambiti professionali al cospetto di soggetti più consapevoli(..quali la ipertalentuosa Delphine Vessiere...che ha già compiuto la rivoluzione del gusto attorno al “sole“ dei sapori,la completa evoluzione palatale passando dal dolce al sapido...fino a sondare le “ostiche“piacevolezze dell’acido e dell’amaro..), ho avuto negli ultimi anni l’ispirazione a catalizzare e canalizzare l’ansia di aggregazione dei clienti più esigenti del wine-bar Cairoli di Foggia.
Per loro,sfibrati da lotte intestine per contendersi all’arma bianca poche,arcinote e costosissime bottiglie,hanno visto la luce diversi gruppi di “bevitori“.
In principio fu...la “Setta dei bevitori estinti“,sodalizio che mi vede impegnato,con Antonio Lioce e Giorgio Gaetani,nel tentativo di accedere al “gotha“ dell’enologia mondiale facendo leva sull’elementarissimo principio dell’unione che fa la forza.
L’idea è mutuata da un film “L’attimo fuggente“.
Lì,degli studenti di un college americano si riunivano di notte in una grotta nel bosco a leggere poeti “estinti“ che non trovavano spazio nella cultura
accademica(..Wittman,Donne,Marvell...).Siccome il vino è anche “cultura“ ho pensato di emularli,scegliendo quello strano nome, per omaggiare grandi bevitori del passato a cui noi tutti dobbiamo qualcosa:Gino Veronelli,Mario Soldati,Gianni Brera.
Veronelli è stato...sic et simpliciter...il salvatore del 50% del patrimonio eno-gastronomico del nostro bel paese.
Basti pensare,a titolo di esempio,al salvataggio del Picolit,celeberrimo vino da meditazione(neologismo anch’esso di derivazione veronelliana!).A ROCCA BERNARDA,in Friuli,si producevano solo poche bottiglie di questo prezioso nettare,pesantemente falcidiato in vigna dal fenomeno dell’aborto floreale.Fu Veronelli,che ne intuì l’eccezionalità,a convincere la nobildonna della “ROCCA“ a perseverare nell’imbottigliamento delle poche decine di litri di quel liquido quintessenziale.
Mario Soldati invece è l’inventore del viaggio eno-gastronomico.Dalle splendide terrazze liguri di Tellaro,ha pontificato per anni in tutti i campi dello scibile,culinario e non,formando intere generazioni di giornalisti gourmet.
Infine Gianni Brera,sulla carta cronista sportivo.
E’ stato Lui a salvare la vigna della Santissima Annunciata da cui Bellavista trae oggi il celeberrimo,omonimo chardonnay.Lottò perché non si abbandonasse la sua coltivazione in quanto amava il vino che se ne produceva in maniera viscerale.Come amava il Barbacarlo di Maga Lino,a suo dire il vino più imperfetto,tipico,buono dell’Oltrepò pavese.Erano vini come il Barbacarlo a suggerirgli l’immagine di qualità connessa alla capacità di mondare lingua e palato, così di moda nella critica enologica odierna.
Non c’era buono e gustoso che,a mò di segugio,Lui non snidasse.Autentico paladino della bellezza.
A loro idealmente...noi della “setta“....ci ispiriamo.
A quegli spiriti così illuminati.
Cercando di seguirne le orme.
Facendo della passione un surrogato della competenza e un sostituto dell’esperienza.
Alla ricerca del santo Graal:
l’“immigliorabile vinicolo“.



ROSARIO TISO
*I contenuti dell’opera non possono essere riprodotti senza l’autorizzazione dell’autore.
**Nella foto:la “Setta dei bevitori estinti“

Source by rosario_tiso


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / In princ...stinti“
from: ladysilvia
by: rosario_tiso
from: ladysilvia
by: rosario_tiso
from: ladysilvia
by: rosario_tiso