Trans clandestini sieropopositivi e già espulsi si prostituivano in appartamento. Grazie ai giudici sono già liberi

Mercoledì
14:29:24
Febbraio
02 2011

Trans clandestini sieropopositivi e già espulsi si prostituivano in appartamento. Grazie ai giudici sono già liberi

Centrale, De Corato: “Rischio per la salute pubblica”. Scoperti grazie a polizia locale. 600 clienti al mese per un giro di affari di 250 mila euro annui. indagato il proprietario.

View 135.5K

word 488 read time 2 minutes, 26 Seconds

Milano: “Due trans brasiliani clandestini risultano indagati dalla Polizia Locale dopo essere stati sorpresi in due appartamenti di via Ferrante Aporti, zona Centrale, a prostituirsi. Entrambi, che risultano sieropositivi e in cura presso un ospedale cittadino, ricevevano nei due locali, di circa 45 mq, circa 300 clienti ciascuno al mese per un giro di affari complessivo di 250 mila euro annui. Sono in corso accertamenti sul proprietario, un italiano di 45 anni incensurato, denunciato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e che potrebbe essere indagato anche per induzione e favoreggiamento della prostituzione. I due trans hanno dichiarato di pagare per l’affitto, in nero, l’uno 500 e l’altro 800 euro, escluse le spese per i servizi (luce, gas ecc.). Il più giovane, di 26 anni, era già stato espulso ed è rientrato prima dei dieci anni in Italia. L’altro, di 38 anni, aveva un ordine di espulsione della Questura di Rimini. Ma il pm ha negato l’arresto”.

Lo comunica il vice Sindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato.

“Ringrazio l’amministratore condominale che mi aveva segnalato uno strano via vai in quegli appartamenti " spiega De Corato " che avevano provocato il disagio dei residenti. Ho fatto subito predisporre delle indagini da parte della Polizia Locale che ha scoperto la grave situazione. Mi domando però come sia possibile che il magistrato abbia negato l’arresto di almeno uno dei due, visto che la legge Bossi-Fini dice che chi non rispetta un ordine di espulsione va arrestato e rischia fino a 4 anni di reclusione. Appellarsi alla direttiva Ue entrata in vigore a Natale, ma mai recepita dallo Stato italiano, è un errore. Perchè in questo modo il contrasto alla clandestinità , in particolare di chi è recidivo e non rispetta gli ordini di allontanamento disposti dalla Questura, risulterà sempre più virtuale. Perchè è presumibile che i soggetti ce li ritroveremo ancora in circolazione, creando problemi di sicurezza e un rischio per la salute pubblica vista la condizione di sieropositività della quale dubito informassero i clienti”.

“I dati pubblicati in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario " aggiunge De Corato " dicono che sono 1.454 i procedimenti aperti nell’ultimo anno per tutto il distretto di Milano, che però comprende Procure di altre province. Un dato che è inferiore agli irregolari fotosegnalati solo dalla Polizia Locale di Milano che nello scorso anno sono stati 1.507. Una recente sentenza del Tribunale di Milano vorrebbe pure far diventare retroattiva la decisione della Consulta che ha bocciato l’aggravante clandestinità . Ciò significherebbe rimettere in libertà degli irregolari che hanno commesso reati di allarme sociale. Senza dimenticare che per la Consulta, la detenzione o il trattenimento nei Cie è solo l’extrema ratio e non sono punibili gli irregolari indigenti inottemperanti a decreti di espulsione”.

foto di repertorio

Source by Riccardo_De_Corato


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Trans cl...à liberi