UN RISTORANTE “ AD HOC “ IN PIENO CENTRO A ROMA

Sabato
10:54:17
Marzo
05 2011

UN RISTORANTE “ AD HOC “ IN PIENO CENTRO A ROMA

IN VIA DI RIPETTA UN CONCENTRATO DI CUCINA ROMANA E........NON SOLO!

View 7.9K

word 715 read time 3 minutes, 34 Seconds

Passeggiando in centro mi è capitato di incontrare qualcosa di veramente fuori del comune nel campo della ristorazione romana, un angolo romantico, caldo ed accogliente quanto può esserlo un locale in grado di ospitare fino ad una quarantina di coperti.

Sono entrato e subito ho avuto l’impressione di trovarmi come a casa mia, perché mi ha accolto, con grazia veramente incomparabile, la direttrice, Dorina, una bella ed esperta ragazza che malgrado la giovane età ha saputo apprendere l’arte dell’ospitalità genuina, quella che quando la trovi non l’abbandoni più e che mi ha guidato all’interno del ristorante sito in palazzo costruito verso la fine del 1400 su una preesistente struttura del II secolo ancora ben in vista, parlandomi di gastronomia sopraffina e di cucina romana, quella vera, raffinata e gustosa e di preziose etichette ( il locale ne conta circa seicento ) da abbinarsi volta per volta ai delicati e succulenti piatti che lo chef Adriano De Angelis, proveniente da varie esperienze non ultima quella dell’hotel Majestic, prepara al momento.

Grande sorpresa, dunque, e grande apprezzamento per l’ospitalità, il servizio, le preparazioni e per la sapiente arte di accostare i vini alle pietanze: ad un piatto di benvenuto composto da fiore di zucca fritto in pastella con ricotta di bufala ha fatto seguito un cestino in pasta fillo con carciofi alla romana e mozzarella di bufala accompagnati da un prosecco da leccarsi i baffi; ma l’antipasto non era ancora completo: un carpaccio di filetto di manzo con rucola e pecorino romano è arrivato in tavola insieme ad una piccola miriade di varietà di pane preparato dalla casa.

Antipasto: voto 9.
Nel frattempo e prima di gustare il vero piatto forte della giornata, la carbonara servita in tre varietà diverse ( classica, ai funghi chiodini e con tartufo nero ), ecco arrivare il patron del locale, Massimiliano Laganà, un uomo che la cucina la porta dentro di se come un’arte, come una ispirazione divina che egli pone al servizio dei buongustai e con il quale è facile intavolare un amabile discorso sul locale e sui suoi personali trascorsi che formano il suo vanto perché ha saputo introdursi nella ristorazione con amore e con dedizione insieme a Barbara, sua moglie avendo ben presente un miraggio: raggiungere le vette della qualità, cosa che sta perfettamente riuscendo ad ottenere attraverso l’accurato studio dei particolari e tenendo ben presente che il vero segreto della cucina è l’arte di cucinare espresso: proprio quello che capita a chi si siede al suo desco.

Primo piatto: voto 10 e lode.
Tra un ooooh di meraviglia per la carbonara ed un buon bicchiere di Romanico della Casa Coletti Conti ho sentito sfrigolare in cucina la preparazione del secondo piatto: agnello ripieno servito con cicoria risaltata e spicchi di patate gratinate, accompagnato da un originalissimo saltimbocca alla romana del quale non voglio svelarvi la preparazione, veramente originale e del tutto particolare, dal gusto sfizioso che è andato a fondersi con un bicchiere di Montiano Falasco, un rosso da gustare e da far gustare agli amici più cari.

Secondo piatto: voto 8,5.
Sazio e soddisfatto stavo per chiedere il conto ( rivelatosi poi veramente modesto ) quando un gentilissimo cameriere, poliglotta come tutto il personale del ristorante, mi ha ricordato che il pranzo non era ancora terminato: mancava il dessert ed ecco arrivare un delizioso, amabilissimo bauletto di pan di spagna al cacao ripieno di ricotta e crema che ha completato, dopo un Passito stillato della Cantina Pallavicini, e senza appesantirlo, un pranzo delizioso, in un ambiente amabile e familiare, sottilmente raffinato e cordiale in pieno centro di Roma, ad un passo da Piazza del Popolo e dall’ Ara Pacis.

Dessert: voto 8.
Ristorante promosso a pieni voti! ( senza nemmeno parlare del prezzo ).
Inutile dirvi che ai miei amici ho raccontato della cosa: due graziosissime giapponesi si sono subito fatte indicare su una cartina di Roma il locale ed hanno prenotato. Sono certo che il consiglio che ho dato loro sarà senz’altro gradito e che la cucina romana che ho potuto degustare al ristorante Ad Hoc di Via Ripetta, 43 saprà instillare loro il potente desiderio di... rifarci.

Ristorante Ad Hoc, di Massimiliano Laganà
Via di Ripetta, 43
Tel. 06/3233040
www.ristoranteadhoc.com

Source by andrea_gentili


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / UN RISTO...RO A ROMA
from: ladysilvia
by: Umberto_I
from: ladysilvia
by: ENEL