Iraq. Nuova strage davanti ad una caserma: esplode un'autobomba, almeno 45 i morti

Mercoledì
09:43:58
Febbraio
11 2004

Iraq. Nuova strage davanti ad una caserma: esplode un'autobomba, almeno 45 i morti

AUTOBOMBA VICINO A BAGHDAD, 45 MORTI E 150 FERITI

View 135.6K

word 724 read time 3 minutes, 37 Seconds

Iskandaryia - Ennesima mattina di sangue in Iraq. Un'autobomba è esplosa a Iskandaryia, a circa 40 chilometri a sud di Baghdad, davanti a una caserma della polizia e agli uffici del tribunale. Quarantacinque persone sono morte e altre 150 sono rimaste ferite. La violentissima esplosione ha fatto crollare parte della caserma e del tribunale. Il numero delle vittime è cosi' alto perché al momento dell’esplosione negli uffici della polizia si trovavano decine di uomini che volevano presentare la domanda per entrare a far parte del corpo. Poche ore prima, a Ramadi, 110 chilometri a ovest di Baghdad, un kamikaze si era fatto saltare in aria vicino alla casa di Amer Suleiman, capo della amministrazione locale, insediata dalle autorita' militari Usa.

l’esplosione ha causato la morte dell’attentatore e il ferimento di quattro guardie del corpo. Prosegue intanto l’ativita' di polizia della forza statunitense. Nella notte i militari americani hanno catturato un altro dei personaggi ritratti nel mazzo di carte dei 55 personaggi del deposto regime più ricercati: Muhsin Khadr al-Khafaji, gia' presidente del Partito Baath e comandante della milizia del Baath stesso nel governatorato di Qadasiyah, era il numero 48 della lista dei più ricercati, il tre di quadri del mazzo di carte.

FONTE: AGI

Almeno 45 persone sono morte nell’esplosione di una autobomba parcheggiata davanti a un centro di reclutamento dell’esercito iracheno. Lo hanno riferito fonti dell’esercito statunitense.

l’esplosione arriva a poche ore dall’attentato di ieri, uno dei più gravi degli ultimi mesi: almeno 53 morti per una autobomba esplosa vicino a una stazione di polizia, a Iskandariya, affollata di persone alla ricerca di un lavoro. Sempre ieri, un attacco kamikaze, davanti alla casa di un leader tribale a Ramadi, ha provocato 4 feriti.

RAINEWS24

Iraq: seconda autobomba in poche ore
contro centro di reclutamento

Nuova autobomba nelle prime ore del mattino contro un centro di reclutamento dell’esercito irakeno a Bagdad. Le vittime sarebbero 47.
Ieri invece 55 morti, una settantina di feriti molto gravi e sotto shock. "l’esplosione è stata violentissima - racconta un ragazzo - assordante, mi sono trovato a terra sepolto tra pietre, detriti e gente che fuggiva". Iskandariya, finora era stata risparmiata. Poco più di una quarantina di chilometri a sud di Baghdad, questa piccola città era sfuggita alle cronache di guerra durante la campagna di primavera e ai bollettini della mattanza che da quella primavera non si sono mai interrotti. Un’auto piena di esplosivo, ma c’è chi avrebbe visto un elicottero lanciare un missile, si sarebbe lanciata contro una stazione di polizia.

Perchè sono proprio loro, dopo i soldati americani, e dopo i militari dei paesi alleati, l’obiettivo mirato dei terroristi: i poliziotti, gli agenti che collaborano con il nemico per disinnescare la guerriglia. Tra i 55 morti della strage di Iskandariya ci sono molti giovani che si erano messi in coda per un colloquio, per un test da superare e poter entrare così nella polizia irachena. Cercavano innanzitutto un lavoro ma avevano anche scelto di saltare il fosso e passare definitivamente dall’altra parte. Per questo la strage di questa mattina, tra le più sanguinose degli ultimi mesi, sembra un monito feroce e delirante.

Altri sei ufficiali iracheni sono stati uccisi qualche ora dopo a Baghdad e poi Mosul, vittime di altre esplosioni e di armi automatiche. I comandi militari Usa, ancora incapaci di fornire un bilancio definitivo, vedono in questa strage un’impronta straniera, un attacco messo a punto da una guerriglia organizzata e ben foraggiata. Gli Stati Uniti sono convinti che dietro questi massacri ci sia il sostegno di al Qaeda e che l’obiettivo sia quello di scatenare una guerra civile in quel paese già diviso da vecchi rancori di razze e religioni.
TG5

Iraq, autobomba provoca almeno 47 morti nel centro di Baghdad- 
BAGHDAD (Reuters) - Un'autobomba è esplosa oggi presso un centro di reclutamento del nuovo esercito iracheno nel centro di Baghdad, uccidendo almeno 24 persone, ha detto l’esercito americano.

"È stato un attentato suicida da parte di un solo uomo che è rimasto ucciso ", ha detto a Reuters il colonnello Ralph Baker, sul luogo dell’esplosione. Il militare ha detto che 24 reclute sono morte e che da 10 a 15 persone sono rimaste gravemente ferite.

l’esercito ha detto che l’attentato è avvenuto intorno alle 7.40 ora locale, le 5.40 in Italia.

REUTERS

Source by PRESS_Review


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Iraq. Nu...5 i morti